sabato 16 novembre 2019

Regolarità AutoStoriche/ Bentivogli-Marani vincono il 17° Revival Rally Club Valpantena

16 Novembre 2019 – Una gara eroica. Il 17° Revival Rally Club Valpantena va in archivio dopo una due giorni davvero impegnativa. Due giorni, due storie diverse. La prima tappa corsa sotto "vento e acqua" come si dice a Verona, condizioni atmosferiche che hanno messo alla prova la macchina organizzativa del Rally Club Valpantena, capace di gestire i 172 concorrenti con grande professionalità grazie al coordinamento del direttore di gara Stefano Torcellan e di tutto lo staff operativo, impegnato in Direzione Gara e sul percorso.

 

La sfida agonistica è stata altrettanto incerta ed emozionante, con Marco Bentivogli ed Andrea Marani (Fiat 124 Abarth Rally/Racing Team Le Fonti) che hanno vinto per la prima volta la manifestazione veronese e conquistato la 6^ Divisione, regolarità sport più popolare d'Italia. L'equipaggio romagnolo ha costruito la propria vittoria sulle ultime due PCT a "San Francesco", disputate con un'inedita formula con partenza affiancata che ha riscosso molti consensi. Il vantaggio al termine è stato di sole 7 penalità su Giordano Mozzi e Stefania Biacca (Opel Kadett GTE), secondi assoluti e primi dell'8^ Divisione, che erano in testa a due prove dalla fine.

 

Terzo posto per Alessandro Zanchi e Damiano Gonzi. Zanchi, figlio di Alberto, anima del Rally Club Valpantena insieme a Roberto "Bob" Brunelli, Gianurbano Bellamoli, Sergio Brunelli e Paolo Saletti, era andato inizialmente in testa e ha mantenuto un grandissimo ritmo, che ha permesso alla Volwkswagen Golf GTI della Scaligera Rallye di chiudere appunto terza assoluta e prima della 7^ Divisione. A Zanchi-Gonzi anche il premio come primo equipaggio veronese dedicato all'amico Maurizio "Buri" Todeschini, scomparso qualche anno fa.

 

«Non è stata certo una gara facile» ha commentato "Bob" Brunelli, presidente del Comitato Organizzatore. «Non siamo superstiziosi, ma la 17^ edizione ha portato per la seconda volta in diciassette anni la pioggia sul Revival. Una pioggia davvero torrenziale che ha contraddistinto la prima tappa e ci ha costretti a fare gli straordinari per permettere a tutto l'evento di continuare a girare secondo programma. Devo quindi rivolgere un ringraziamento importante a tutto lo staff, che ha fatto un lavoro incredibile. Grazie anche alle amministrazioni comunali che ci hanno sostenuto, ai nostri partners e non da ultimo al pubblico, ancora una volta numeroso e composto che ci ha dimostrato un grande affetto, in particolare a San Francesco».

 

A completare i primi dieci in classifica menzione speciale per i quarti assoluti Alberto Ferrara e Filippo Viola (Opel Kadett GTE/Club 91 Squadra Corse) che hanno comandato le operazioni per ben 6 prove e hanno ceduto solo sul finale, nella strettissima battaglia delle ultime PCT. Quinti Giacoppo-Randon (Lancia Fulvia HF 1.6/Team Bassano), protagonisti di un grande recupero dopo una prima tappa più difficile che ha permesso loro di primeggiare nella 5^ Divisione. Sesti Coghi-Coghi (Opel Asconta 400/Scuderia Palladio Historic), settimi Colpani-Pastore (Porsche 911 2.5 ST/Brescia Corse), ottavi Martini-Dalla Vecchia (Fiat Uno 70), noni Pezzo-Bonin (BMW M3/Scaligera Rallye) ancora una volta mattatori della 9^ Divisione. Hanno chiuso la top ten Simonetti-Porcellini (Autobianchi A112 Abarth/Scuderia Torre del Moro), decimi assoluti.

 

Spettacolare la cornice che ha accompagnato questa edizione. Oltre alla confermatissima Villa Arvedi, sempre ospitale e scenografica, i concorrenti sono entrati per la prima volta anche a Villa Ca' Vendri, un'altra perla architettonica della Valpantena. Da non dimenticare poi la grande ospitalità delle Cantine Bertani, location di arrivo della prima tappa e della pausa di metà giornata al sabato.

 

Ringraziamento anche allo staff HRT Corse, guidato da Antonio Avesani, che ha allestito con grandissima passione la PCT7/11 Lepia. La pioggia ha obbligato ad un breve accorciamento del percorso per il passaggio del venerdì, mentre sabato i concorrenti hanno potuto correre anche nel breve tratto sterrato della prova cronometrata. Gara selettiva.

 

131 vetture al traguardo su 172 partenti, con grande presenza di equipaggi stranieri, 20 al via, che hanno confermato la crescita europea della manifestazione. Primo equipaggio straniero al traguardo quello composto da Heinz Muntermann e Nick Muntermann (Audi Quattro/MSC Rodenstein), sedicesimi assoluti che hanno portato a casa l'iscrizione gratuita all'edizione 2020. Secondi Plueschke/Ziegler (Peugeot 205 GTI/Team De Lys), terzi Kirchmeyer/Bohm (Porsche 911 S/MSC Rodenstein).

 

La gara ha visto al via anche il Tributo Lancia Rally 037 con alcune spettacolari esemplari al via che hanno infiammato il pubblico presente. A spuntarla "Lucky"-Cazzaro, equipaggio di classe da sempre promotore della manifestazione che sulla pedana di arrivo non ha risparmiato grandi complimenti all'organizzatore. Alla luce del 17° posto in classifica, il duo del Rally Club Team ha portato a casa anche un set di cerchi MAK. Al via anche il figlio Alberto, in equipaggio con Lorenzo Tinozzi di Epic Rally Tribe, che ha dato spettacolo sulla Ferrari 308 GTB Gr.4 e ha ammesso di essersi divertito davvero molto.

 

Premio speciale al 36° equipaggio al traguardo, in omaggio ai trentasei anni del Rally Club Valpantena. Curiosità: a vincere Carlo Dai Fiori e Stefano Zampini, su Ford Escort RS della Scaligera Rallye che anche lo scorso anno, per una fortuita casualità, portarono a casa il premio riservato al 35° assoluto. Classifica femminile a Natasha Quagliato e Natascia Biancolin (Fiat Ritmo Abarth 130 TC/Rally Club Team). Faccio-Gaio (Opel Kadet GTE/Pro Energy Motorsport), hanno mancato la top ten di sole 12 penalità ma hanno conquistato la vittoria tra gli iscritti del Trofeo Regolarità Pro Energy Motorsport. 


Gli altri vincitori di divisione: in 2^ Adami-Costalunga (Lancia Fulvia Coupè/Scaligera Rallye), in 4^ Grass-Blankenburg (Innocenti Mini/Secundenhupfer). Infine, tra le scuderie, successo della Scaligera Rallye davanti a Club 91 Squadra Corse e Pro Energy Motorsport che hanno portato a casa una prova gratuita sul nuovissimo banco prova Negrente, unico in Europa, messo in palio proprio da Daniele Negrente e il suo staff.

(Ufficio Stampa Rally Club Valpantena)

A MONZA È TEMPO DI SPECIAL RALLY CIRCUIT BY VEDOVATI CORSE


Monza (MB), 16 Novembre 2019 -  – Ci siamo: lo Special Rally Circuit entra nel vivo: il sabato è per antonomasia il giorno dedicato alle operazioni preliminari; mentre i tecnici finiscono di preparare le vetture e gli equipaggi macinano i primi chilometri, il pubblico e gli organizzatori stanno con il naso in su per scrutare il cielo plumbeo e provare ad interpretarne le bizze. La gara organizzata da Vedovati Corse è entrata nel vivo e le staccate delle curve più celebri sono già state gommate.

Dei 75 iscritti, 73 saranno in gara domani; non si sono infatti presentati alle verifiche Perico – Turati (WV Polo n.8) mentre hanno dovuto rinunciare alle tecniche dopo aver superato le sportive Bonfanti-Della Torre, appiedati dalla loro Clio R3 per colpa di un guasto tecnico. Rispetto all’elenco diffuso nei giorni scorsi sulla pagina internet www.vedovaticorse.it, ci sono due modifiche da apportare: ad affiancare Andrea Nucita sulla Hyundai i20 R5 ci sarà il fratello Giuseppe e non Bernardo Di Caro. Cambio naviga anche per Maurizio Vitali: sul sedile di destra della sua Porsche 911 storica numero 202 ci sarà il lecchese Matteo Cairoli al posto del comasco Yuri Gandola.
Domani la gara che si sviluppa su due prove speciali da percorrere due volte all’interno dell’autodromo. Si correranno la “Vedovati” (23,400 km ora start 08:08 e 13:07) e la “Special Vedovati” (17,300 km ora start 10:41 e 15:40). In totale gli equipaggi percorreranno 81,400 chilometri cronometrati.

Foto Alessio Bellucci

Nascar Whelen Euro Series/Alex Caffi Motorsport con Race Art Technology verso il 2020


Nuova partnership tra Alex Caffi Motorsport e Race Art Techonology. Il team coordinato dal'ex pilota F.1, sempre più protagonista della Nascar Whelen Euro Series dove ha colto importanti risultati anche nel 2019, e il team svizzero che sarà nuovamente nella spettacolare serie europea riservata alle muscolose auto da 5.7 litri di cilindrata.
I programmi che vedranno impegnate le due realtà sono finalizzati alla crescita nella Nascar Whelen Euro Series. La serie europea delle competizioni in arrivo dagli USA, sempre più alla ribalta sugli autodromi del vecchio continente, dove il livello tecnico ha avuto una autentica impennata nelle ultime stagioni.

Alex Caffi Motorsport è un team di riferimento nel panorama Nascar europeo, che ha visto la conferma di ottimi driver come il giapponese Kenko Miura, sempre protagonista di spicco nella Elite 1. Il team coordinato dallo stesso Caffi è cresciuto sotto ogni aspetto e ora guarda alla stagione 2020 con ambizioni da primo attore, grazie alle competenze acquisite.

-“La collaborazione con Race Art Techonology, nasce da aumentate esigenze di un adeguato coordinamento tecnico diretto, dentro e fuori i campi di gara, una struttura altamente professionale, partner in ogni fase della stagione agonistica - spiega Alex Caffi - il nostro team è cresciuto molto in queste stagioni in Nascar, un’avventura partita quasi come una scommessa che ci ha dato ottime possibilità di crescita e di arricchimento delle nostre competenze professionali. Il tutto grazie al prezioso e fiducioso supporto di altre realtà, tra cui spicca l’efficace collaborazione con SVC Motorsport Group”-.

Race Art Techonogy è un Team Motorsport con struttura tecnica in Svizzera a Balerna, nel Canton Ticino, nata nel 2006 e cresciuta soprattutto nei rally con programmi molto importanti legati alle case Skoda e Volkswagen, avendo avuto dalla prima il ruolo ufficiale di Team “Skoda Swiss Motorsport”. Nel 2018 la struttura ha ampliato il raggio d’azione anche alla Nascar Whelen Euro Series, una serie tanto impegnativa, quanto esaltante dal punto di vista tecnico ed agonistico.

"Il progetto “Nascar” rimane un obiettivo importante per cui la stagione 2019 non poteva concludersi meglio che con l’inizio della partnership con la scuderia “Alex Caffi Motorsport” - afferma Paola Pellò Team Coordinator - sicuramente un punto di forza che permetterà al nostro Team di accrescere il proprio bagaglio e presentarsi ai massimi livelli anche in questo impegnativo ed esaltante ambito”. (Agenzia ErregiMedia)

DOPPIO IMPEGNO PER ERREFFE RALLY TEAM-BARDAHL A MONZA E A POMARANCE



Weekend carico di aspettative per Erreffe Rally Team Bardahl. A Monza in occasione dello Special Rally Circuit, debutterà la Skoda Fabia R5 Evo con Guido Zanazio e Gianluca Ricci, i due ossolani che hanno già utilizzato le altre vetture di Erreffe e che sono pronti a questa nuova avventura; saranno al via con il numero 23.
Sempre a Monza ci saranno anche Francesco Cancelli e Davide Tagliaferri: su una Renault Clio S1600 cercheranno di puntare ai vertici della graduatoria Due Ruote Motrici.

Sempre su Renault Clio S1600 ma sulle strade del Rally di Pomarance, saranno in gara due equipaggi siciliani: Tuzzolino-Luisotti e Montalbano- Rollo. I due girgentini partiranno con ambizioni assolute rispettivamente con il numero 4 e 5.

venerdì 15 novembre 2019

Regolarità AutoStoriche/ 17° Revival Rally Club Valpantena-verifiche: le foto di Alessandro Sponda

Grezzana (VR), 14 Novembre 2019
Regolarità AutoStoriche/17° Revival Rally Club Valpantena
Foto di ©Alessandro Sponda
riproduzione riservata - cliccare su una foto per aprire la galleria
















Regolarità AutoStoriche/ 172 equipaggi al via del 17° Revival Rally Club Valpantena


> 14 Novembre 2019 – Sono terminate le operazioni di verifica al 17° Revival Rally Club Valpantena. La regolarità sport organizzata dall'omonimo club veronese prenderà il via domani con 172 concorrenti ai nastri di partenza. Il Revival, atteso da migliaia di appassionati di tutta Italia, ha vissuto in questa prima serata un incredibile abbraccio di pubblico con tantissimi fan che non hanno voluto mancare alla Alberti Lamiere per la grande serata inaugurale resa possibile proprio grazie all'ospitalità della famiglia Alberti.
Vetture straordinarie si sfidano nella gara che prenderà il via domani, per la prima delle due tappe in programma con 6 PCT (Prove Cronometrate a Tempo) dove i concorrenti si confronteranno con i rilevamenti di precisione al centesimo di secondo che stileranno poi la classifica della corsa. Partenza alle ore 9:31 da Piazza Ballini, a Grezzana, e azione sulle prove di “Busoni”, “Casotti”, “Praole” da ripetere due volte, e la spettacolo “Lepia” da disputare per un solo passaggio.
In serata consueto finale di tappa in Villa Arvedi e quindi alle Cantine Bertani, mentre nel pomeriggio per i partecipanti si apriranno le porte di Villa Ca' Vendri, per la prima volta nella storia del Revival Valpantena, oltre che del Supermercato FRAC di Stallavena che ospiterà il primo riordino.
Salvo inconvenienti legati con il maltempo, la PCT2 “Praole” e la PCT7 “Lepia” saranno inoltre trasmesse in diretta streaming sulla pagina Facebook ufficiale dell'evento @RCValpantena.
L'arrivo della prima tappa è previsto domani dalle 19:31 alle Cantine Bertani, ma per il pubblico sarà possibile anche assistere, già dalle ore 18:00, al passaggio di tutti i concorrenti nuovamente sulla pedana di Piazza Ballini.
La corsa riprenderà poi sabato 16 novembre con altre 6 PCT, prima dell'arrivo finale di Grezzana sempre sabato alle 16:31.
Tutte le altre informazioni sono disponibili sul sito www.rallyclubvalpantena.it.

(Ufficio Stampa Rally Club Valpantena)

Foto Alessandro Sponda

giovedì 14 novembre 2019

Rally e Regolarità Autostoriche: ancora un tris di gare per il Team Bassano


14 novembre 2019 - Rush di fine stagione per il Team Bassano che si prepara ad affrontare un altro terzetto di gare nelle giornate da venerdì 15 a domenica 17 novembre: due rally storici e una regolarità sport. Saranno ben dieci quelli iscritti ad uno degli eventi più sentiti e partecipati della stagione: il Revival Valpantena, gara di regolarità sport in provincia di Verona, che anche quest'anno propone un elenco iscritti di massimo livello. S'inizia con la Lancia Rally 037 di "Febis" e Osvaldo Finotti alla quale farà seguito quella di Max Girardo ed Elio Baldi: tocca poi ad Alberto Sanna che porta al debutto la nipote Veronica sulla Porsche 911 SC e su un'altra 911 ci saranno Antonio ed Eva Orsolin. Andrea e Nicola Bonadei si schierano con la Fiat 131 Abarth, mentre Giulio Pedretti torna alla guida della BMW M3 con Fabio Fedele al suo fianco. Ancora BMW, ma in versione 325i per Marco Dal Fitto ed Alessandro Rigon seguiti da un paio di Opel: Manta GT/e per Mirco Corradi e Giulio Anselmi, Kadett GT/e, invece, per Mattia e Mario Scarabottolo. Chiudono il gruppo Andrea Giacoppo e Daniela Grillone Tecioiu con la Lancia Fulvia HF con la quale tenteranno il bis della bella vittoria del 2018.

Sul fronte dei rally, in Sicilia al Tindari si schierano Pietro Tirone e Giacomo Giannone con la Porsche 911 SC, mentre all'esordiente Giro dei Monti Savonesi, sono quattro i portacolori dall'ovale azzurro: Gabriele Noberasco e Fulvio Gangi col numero 1 sulle fiancate della BMW M3, Enrico Canetti ed Angelo Pastorino con l'Opel Corsa GSI, Stefano e Massimo Carminati che tornano in gara con l'Opel Ascona SR 1.9 e infine Rosario Pennisi ed Angelo Bregliasco su Autobianchi A112 Abarth. 

Foto di ACI Sport

Special Rally Circuit by Vedovati Corse nel weekend del Monza Eni Circuit


Sono 75 gli equipaggi iscritti al quarto Special Rally Circuit organizzato da Vedovati Corse. Il rally sulla pista del Monza Eni Circuit si terrà sabato 16 e domenica 17 novembre. Il pomeriggio della prima giornata sarà riservato alle prove libere, allo shakedown e alle ricognizioni con vetture stradali.
Domenica invece si entrerà nel vivo con le quattro Prove Speciali previste dalla gara. La PS 1 e PS 3 “Vedovati” hanno un percorso di 23,4 chilometri e partiranno rispettivamente alle 8.08 e alle 13.07. La PS 2 e PS 4 “Special Vedovati” inizieranno invece alle 10.41 e alle 15.40 su un percorso lungo 17,3 chilometri. Le vetture percorreranno quindi 81,4 km di Prove Speciali, per un chilometraggio complessivo della manifestazione di 83,6 km.

La classe regina della gara by Vedovati Corse, che festeggia per l’occasione trent’anni di attività come organizzatore di eventi rallistici, è la R5 con ventisette vetture in gara. Seguono, in termini di numero di iscritti, le undici auto R2, sei R3C e quattro Wrc con l’aggiunta di una Wrc Plus. Quest’ultima è la Ford Fiesta Wrc guidata da Fabrizio Fontana e Simona Savastano. Si segnalano inoltre gli equipaggi Nucita-Di Caro con Hyundai i20, Miele-Cerutti con Citroen DS3 Wrc e Perico-Turati con Volkswagen Polo.

L’ingresso in Autodromo sabato è gratuito. Domenica il biglietto costa 14 euro (ridotto 10 euro). Per maggiori informazioni e per acquistare i biglietti in prevendita, è possibile collegarsi al sito www.monzanet.it. (d.c.)

Foto Claudio Pezzoli-Reporter Press Agency

Rally AutoStoriche/ Balletti Motorsport: poche soddisfazioni a "La Grande Corsa"


E' stata un'edizione de La Grande Corsa decisamente sotto le aspettative, quella vissuta dalla Balletti Motorsport nello scorso fine settimana. Arrivata a Chieri con tre vetture, la squadra di Carmelo e Mario ne ha purtoppo vista solo una al traguardo, la Subaru Legacy 4x4 Gruppo A di Ange Mathieu Martinetti e Virgigne Mauriel; nonostante abbia concluso regolarmente la gara, l'equipaggio còrso ha patito, specie nella prima parte di gara, delle noie dovute alla bassa temperatura. Dalla trentaseiesima posizione dopo la seconda prova, grazie ad una tenace rimonta, è riuscito a risalire posizioni fino a concludere in quindicesima assoluta e agguantando il terzo posto di classe.

Le note dolenti, arrivano dalle due Porsche 911, con l'attesa SC Gruppo B che Edoardo Valente e Jeanne Revenu portavano al debutto: la loro gara è durata nemmeno una prova a causa della rottura di un particolare del leveraggio del cambio, che ha costretto il duo al ritiro senza poter avere un riscontro cronometrico.

Peggio è andata alla RSR Gruppo 4 di Alberto Salvini e Davide Tagliaferri i quali, nonostante un paio di prove in cui il propulsore non rendeva al massimo, viaggiavano tra la seconda e la terza posizione con una seconda parte di gara ancora da disputare; ma proprio nel corso della quinta speciale, la rottura di un particolare della sospensione, ha costretto il duo toscano ad un mesto ritiro.

Archiviata La Grande Corsa si volta pagina e si pensa al prossimo impegno che porterà due vetture sugli sterrati del Tuscan Rewind in programma a Buonconvento in provincia di Siena, dal 21 al 23 novembre. Sarà un'esperienza tutta nuova per i due piloti bresciani Luigi Zampaglione e Ruggero Brunori: il primo tornerà ad indossare tuta e casco dopo una lunga assenza, correndo con la Porsche 911 SC/RS Gruppo 4 affiancato da Maurizio Torlasco; il secondo, si affida alla sua 911 SC Gruppo 4 e avrà Marco Torlasco a navigarlo. (Andrea Zanovello)

MotoCorse-CRV Campionato Regionale Velocità/ Premiati a Milano i Campioni 2019


William Venesia, Andrea Tomio, Francesco Rocchio e Andrea Gioiello, sono i vincitori del CRV, Campionato Regionale Velocità 2019. Sono stati premiati a Milano in occasione dell’EICMA dal responsabile del Campionato Alessandro De Gregori nello stand Michelin, partner del campionato. Quattro campioni per quattro classi al termine di una stagione vivace e molto combattuta. Cinque le prove in programma, due a Franciacorta, dove purtroppo la prima è stata annullata per inagibilità della pista, due a Varano e due a Cervesina dove si è recuperato la gara di Franciacorta.

Venesia tornato a disputare il campionato dopo un anno di assenza, con la Bmw, si è nuovamente imposto nella 1000 Expert aggiudicandosi cinque gare. Al posto d’onore chiude Luciano Bisconti ed al terzo Alessandro Piovani. Tomio, su Honda ha primeggiato nella 600 Expert con quattro successi precedendo Andrea Mardegan e Filippo Ferri. Tra i Rookies nella 1000 ha vinto Rocchio, su Yamaha, con quattro vittorie. Alle sue spalle hanno concluso Marvin Gamba e Gianluca Savino. Nella 600, combattuta fino all’ultima prova, a vincere è Gioiello, su Honda, con due primi posti e due secondi. Sul secondo gradino del podio sale Simone Cammarata mentre, nonostante due successi, è solo terzo Marco Ghidini.

Intanto si sono aperte le iscrizioni che comprendono le gare del Campionato, giornate di prove libere, il kit Michelin Moto Gp comprendente due pneumatici posteriori ed uno anteriore, ed il servizio Racing. Ci sarà inoltre Il track Days di Michelin su piste lunghe in due weekend per il 2020 completamente offerto a chi si iscrive al CRV e premi in pneumatici per chi arriva podio.

Il Campionato Regionale Velocità Piemonte voluto dal Comitato Regionale Piemonte della FMI (Federazione Motociclistica Italiana) che l’ha ripristinato, avrà ancora la macchina organizzativa nel moto club novarese TTN Racing Club. (RGC Roberto Goitre Comunicazione)

mercoledì 13 novembre 2019

RALLY/ TONY CAIROLI (SKODA FABIA R5) AL 10° TUSCAN REWIND

Tony Cairoli sarà al via del 10° Tuscan Rewind, ultima prova del Campionato Italiano Rally (CIR), dal 21 al 23 novembre con partenza ed arrivo a Montalcino. Il 9 volte iridato di motocross, uno dei più grandi piloti di sempre delle “ruote artigliate”, ha dato conferma di essere al via della gara con una Skoda Fabia R5, esemplare fornito dalla bergamasca PA Racing, sul quale sarà affiancato dalla trevigiana Anna Tomasi, quest’anno copilota vincitrice del Campionato Italiano Rally WRC con Luca Pedersoli.
Considerato uno dei più grandi piloti di motocross di tutti i tempi, in virtù dei nove titoli mondiali conquistati (sei dei quali vinti consecutivamente tra il 2009 e il 2014), che lo pongono al secondo posto nella classifica dei crossisti più vincenti. Cairoli non sarà al debutto assoluto con le quattro ruote, in quanto ha già vestito i panni del rallista in ben 9 occasioni, caratterizzate da quattro successi assoluti, l’ultimo in ordine di tempo lo scorso anno al Monza Master Show. Questa del Tuscan Rewind sarà la sua prima esperienza su fondo sterrato.

Le parole di Tony Cairoli: “Finalmente parteciperemo ad un rally vero e proprio, che si terrà sulle magnifiche strade sterrate del senese e che spero possano essere congeniali alle mie caratteristiche di pilota off road. Ovviamente non abbiamo ambizioni particolari, se non quella di ben figurare, di acquisire esperienza e di divertirci. Questo è il primo rally su terra che disputo ed è una gara impegnativa alla quale sono iscritti piloti di caratura internazionale. Sono contento e non vedo l’ora di scendere in strada e affrontare le curve toscane”.

Il “Tuscan”, organizzato da Eventstyle, non sarà un solo rally, ma ben quattro competizioni in un solo evento. E’ sempre più atteso, dall’intero movimento del rallismo italiano, grazie ad un percorso che in tanti ricordano essere lo scenario inimitabile di pagine importanti di storia sportiva ed inoltre sarà epilogo anche del “tricolore terra” (CIRT) e del “Trofeo Terra Rally Storici” (TTRS), oltre a prevedere una competizione di “regolarità sport”.

Il tracciato di gara è stato disegnato su 280,720 chilometri, dei quali 120,390 di Prove Speciali, otto totali, due da ripetere due volte, una per tre volte (la più lunga del rally), oltre alla “Superprova” che aprirà la contesa venerdì 22 novembre a metà pomeriggio (ore 15,05), dopo la partenza prevista da Montalcino-Piazza del Popolo alle 14,30. Le restanti sette “piesse” saranno disputate sabato 23 novembre, con uscita dal riordinamento notturno di Montalcino alle 7,01 e bandiera a scacchi che sventolerà sempre in Piazza del Popolo a Montalcino dalle ore 16,00.
Il parco di assistenza sarà a Buonconvento (dove sarà ubicato anche il refuelling di carburante), i riordinamenti in totale sono tre: quello notturno tra i due giorni di gara è previsto a Buonconvento, gli altri due a Caparzo.

Il tracciato di gara del Trofeo Terra Rally Storici è più corto di quello riservato alle “moderne”: 186 chilometri, dei quali 75 di Prove Speciali, cinque totali, tre da ripetere una volta, una per due volte (la più lunga del rally), oltre alla “Superprova”. Il parco di assistenza sarà a Buonconvento (previsto anche il refuelling di carburante), i riordinamenti in totale sono due: quello notturno tra i due giorni di gara previsto a Buonconvento, l’altro a Poggio Landi.

Rally AutoStoriche/ La Grande Corsa premia il Team Bassano


Ancora una significativa trasferta per il Team Bassano che torna dall'impegnativa Grande Corsa svoltasi a Chieri, con un bilancio soddisfacente grazie soprattutto alla conquista della finale T.R.Z. per il 4° Raggruppamento da parte di Ermanno Sordi e Claudio Biglieri: per il duo lombardo una gara corsa con la Porsche 911 SC Gruppo B facendo attenzione a non cadere nelle insidie del percorso, e ritrovandosi al comando dopo l'abbandono di Nodari: concludono con l'undicesima prestazione assoluta che è valsa anche il secondo posto di classe; stessa posizione di categoria, la conseguono anche "MGM" e Marco Torlasco, noni assoluti e terzi di 3° Raggruppamento con la Porsche 911 SC Gruppo 4. Ancora una Porsche 911 sul podio di classe: è quella di Roberto Giovannelli ed Isabella Rovere che sono terzi con la RSR Gruppo 4, chiudendo sul gradino 28 della globale, seguiti a ruota da Maurizio Fasolin e Claudio Norbiato che vanno a vincersi la "2-1600" con la Fiat 124 Special T. Infine, una menzione particolare per Federico Ormezzano e Maurizio Torlasco: nonostante un pesante ritardo in prova e un ulteriore penalità di 2'30" al controllo orario a causa della rottura della bobina della Talbot Sunbeam Lotus, precipitano in ultima posizione assoluta e anziché consegnare la tabella di marcia, onorano la gara fino in fondo raccogliendo i meritati applausi…e un piazzamento mai conseguito prima in tanti anni di carriera, come confermerà "Tramezzino" sul palco d'arrivo. Infine, a coronare i buoni risultati è arrivata anche la vittoria nella classifica delle scuderie.

Se per Sordi e Biglieri La Grande Corsa ha portato il titolo, altrettanto non è purtroppo avvenuto per Giorgio Costenaro e Lucia Zambiasi, finalisti accreditati alla conquista del 2° Raggruppamento ma subito fuori gara a causa di un'uscita di strada che ha danneggiato la Lancia Stratos. E' stato invece un problema alla leva del cambio a metter fuori gioco nelle prime battute la Porsche 911 Gruppo B di Edoardo Valente e Jeanne Revenu, mentre il ritiro di Maurizio Cochis e Milva Manganone è scaturito dalla rottura di un semiasse della Peugeot 205 Gti. Un problema elettrico alla Peugeot 309 Gti, ha invece messo fine alla gara di Angelo Porcellato e Paola Travaglia.

Buone notizie anche dalla gara di regolarità sport grazie a Massimo e Matteo Migliore, quarti assoluti con l'Opel Kadett GT/e.

Terminata La Grande Corsa, l'attenzione si è rivolta al 1° Rally Storico delle Marche valevole per il Trofeo Terra Rally Storici dove si è registrata una nuova brillante prestazione da parte di Giorgio Sisani e Cristian Pollini, quinti assoluti e primi di classe con l'Autobianchi A112 Abarth Gruppo 2; con una vettura analoga, Michele Paoletti e Rossano Mannari hanno invece concluso secondi di classe e decimi assoluti. Ritirati per un problema elettrico alla Ford Escort RS, Corrado Lazzaretto e Giovanni Brunaporto. Tra le auto moderne, Alberto Gragnani ed Emanuele Mischi non hanno preso il via a causa di problemi meccanici alla Rover 216 con la quale erano iscritti.