Visualizzazione post con etichetta BMW. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta BMW. Mostra tutti i post

mercoledì 27 luglio 2022

Al Riccardo Paletti di Varano de' Melegari il primo test del nuovo prototipo BMW M Hybrid V8


L'assalto BMW alla 24 Ore di Le Mans del 2024 è partito ufficialmente dall'Autodromo di Varano de' Melegari. Il circuito "Riccardo Paletti", lunedì 25 luglio, ha ospitato il primo test della M Hybrid V8, il nuovo prototipo di classe LMDh con cui la casa tedesca tornerà a lottare al vertice delle corse di durata: il debutto agonistico è previsto già nel 2023 nella serie americana IMSA, mentre nella stagione successiva ci sarà l'ingresso nel Mondiale WEC, che ha proprio nella mitica corsa francese l'evento di punta.

Alla guida della vettura si sono alternati Connor De Phillippi e Sheldon van der Linde, piloti ufficiali del marchio. "È stato un onore, e per BMW un giorno storico. Passo dopo passo abbiamo analizzato tutte le funzionalità della macchina e alla fine siamo riusciti a percorrere qualche giro quasi a piena potenza. Per essere il primo test è buon risultato", ha raccontato l'americano De Phillippi. Anche Andreas Roos, capo del reparto corse bavarese, ha definito lo shakedown sul tracciato parmense "un passo importante", confermando che "si è svolto con successo".

Alla vigilia di una fase che si prospetta estremamente florida per le competizioni di durata, il costruttore di Monaco si troverà a combattere per la vittoria assoluta anche contro Ferrari e Lamborghini, due eccellenze della Motor Valley di cui fa parte inoltre l'impianto della Val Ceno.

La M Hybrid V8 è il primo prototipo BMW realizzato per le gare endurance dopo la V12 LMR, vincitrice alla 24 Ore di Le Mans nel 1999 con il trio composto dall'italiano Pierluigi Martini, da Joachim Winkelhock e Yannick Dalmas. Sotto al cofano si trova un propulsore biturbo a otto cilindri, derivato dalla vecchia unità per il DTM, accoppiato a un sistema ibrido con batteria ad alto voltaggio.

Ancora una volta, la pista di Varano de' Melegari è stata quindi teatro di collaudi cruciali per progetti ai vertici dell'automobilismo, anche a livello di innovazione tecnologica, come già avvenuto dal 2014 con diversi team di Formula E, tra cui la Mercedes iridata in carica, e per la Giulia ETCR realizzata da Romeo Ferraris, schierata nel FIA ETCR riservato a vetture Turismo totalmente elettriche.

Si tratta di test che hanno portato ulteriore prestigio al circuito gestito dalla SO.GE.S.A., che gode di una versatilità invidiabile nel panorama nazionale: il calendario include gare a quattro e due ruote, ma anche i track day per gli appassionati, le sessioni dedicate al drifting e persino alla disciplina rallystica, assieme ai celebri corsi di guida sicura, ai raduni e a numerose manifestazioni che segnano un forte legame con il territorio.

(Ufficio Stampa Autodromo Varano)


lunedì 18 luglio 2022

Jody Vullo e Squadra Corse Angelo Caffi protagonisti in BMW M2 Racing Cup


Squadra Corse Angelo Caffi, in partnership con la concessionaria Tullo Pezzo, è protagonista della terza tappa del BMW M2 CS Racing Cup Italy al Mugello. Il giovane pilota Jody Vullo, con l'auto curata dal Dymond Racing, sale sul podio di gara 1 esaltando il team in diretta televisiva.
Nel terzo ACI Racing Week end il giovane driver milanese conquista in maniera eccezionale il terzo gradino del podio in gara 1 con bravura e tenacia in pista. Grande maturità sportiva per il giovane pilota della Squadra Corse Angelo Caffi anche in gara 2 al Mugello, nella quale ha ottenuto preziosissimi punti a ridosso del podio con un ottimo quarto posto assoluto. Prestazioni esaltanti che confermano le doti eccellenti mostrate dal sempre più concreto pilota già nel primo round a Monza sul bagnato.
Il BNW M2 CS Racing Cup Italy 2022 è sempre più promettente per Jody Vullo e per la generosa vettura con motore V6 da quasi 3000 cc in grado di erogare fino a 400 Cv, con la quale il driver continua a rinsaldare un feeling sempre più proficuo come confermano le ottime prestazioni in pista.
Eccellenti presupposti, dunque, per la Squadra Corse Angelo Caffi, anche in vista della prossimo appuntamento di Imola in programma a Imola, dopo la pausa estiva, nel week end del 3 e 4 settembre. (Agenzia ErregiMedia)

martedì 26 aprile 2022

BMW M2 CS Racing Cup Italy/ A Monza, Ferrara domina il primo round del campionato


Si apre nel segno di Gigi Ferrara la seconda stagione della BMW M2 CS Racing Cup Italy nel Tempio della Velocità di Monza. Il pugliese di V-Action by Nanni Nember domina gara 1 scattando dalla pole position, mentre in gara 2, dopo aver preso il via dalla seconda piazza, si invola nuovamente verso la vittoria. Due volte sul secondo gradino del podio il campione in carica Gustavo Sandrucci (Progetto E20 by BMW Roma), mentre al terzo posto si dividono il podio Filippo Maria Zanin (Pro Motorsport by My Car Milano) in gara 1 e Marco Zanasi (Pinetti Motorsport By Autoclub) in gara 2. 

La prima gara della stagione vede Gigi Ferrara scattare dalla pole position affiancato dal campione in carica Gustavo Sandrucci. Le condizioni meteo costringono la direzione gara a dare il via alle spalle della safety car che, per due tornate, consente ai piloti della serie dell’elica bavarese di prendere confidenza con le condizioni del tracciato. Quando la vettura di sicurezza rientra in pit lane è il pugliese a mantenere la testa della gara, mentre Filippo Maria Zanin cerca di impensierire Sandrucci per la seconda posizione. Alle loro spalle Jody Vullo (Diamond Racing by Tullo Pezzo) ha la meglio su Marco Zanasi. La lotta tra Sandrucci e Zanin si accende a 10 minuti dal termine con il pilota di Pro Motorsport by My Car Milano che riesce a passare il campione 2021 dopo una serie di sorpassi e controsorpassi. Ad approfittarne è Vullo che riduce il gap e va a formare un terzetto. Ma Gustavo Sandrucci fa valere la sua esperienza, attendendo l’ultimo giro per sferrare l’attacco decisivo che gli consegna il secondo gradino del podio davanti a Zanin e Vullo. Ottima quinta posizione per Marco Zanasi davanti a Stefano Stefanelli (Esseracing by Brandini) e Alberto Naska, ospite di BMW Italia. A completare la top 10 di gara 1 Manuel Lasagni (Guidare Pilotare by Turbosport), Marco Pellegrini (Pinetti Motorsport by Autotorino) e il Campione Italiano Sport Prototipi 2021 Danny Molinaro (AC Racing Technology by M.Car). 

Partenza che premia Filippo Maria Zanin in gara 2 con Gigi Ferrara che si incolla subito agli scarichi del poleman, su pista asciutta. Perde terreno nelle prime fasi di gara Jody Vullo, autore di un’escursione nella sabbia della Curva Biassono che lo costringe ad alzare bandiera bianca. Ferrara BMW Corporate Communications BMW Corporate Communications rompe subito gli indugi e, già nel corso del primo giro, si porta al comando, seguito al termine della seconda tornata da Gustavo Sandrucci, chirurgico nel passare Zanin all’ingresso della parabolica. Anche Zanasi si porta a ridosso del pilota di Pro Motorsport by My Car Milano, ma esagera la staccata in fondo al rettilineo al primo tentativo. Il pilota di Pinetti Motorsport By Autoclub viene raggiunto anche da Lorenzo Marcucci (Guidare Pilotare by Turbosport) e la battaglia per il podio si infiamma con diversi attacchi e difese da parte dei tre protagonisti. Zanasi riesce a prendere il largo, mentre Marcucci ha la meglio su Zanin. Risale la classifica anche Alberto Naska che, con la vettura di BMW Italia, supera Jacopo Baratto (V-Action by ErreEffe Group) per la sesta posizione e dimostra di avere da subito grande confidenza con la M2. Ferrara conquista anche gara 2 davanti a Sandrucci e Zanasi, con Marcucci e Filippo Maria Zanin che completano le prime cinque posizioni. Sesto è Alberto Naska che ha la meglio su Jacopo Baratto sotto la bandiera a scacchi, mentre a chiudere la top 10 sono Stefano Stefanelli (Esseracing by Brandini), ottavo davanti a Massimo Zanin (Pro Motorsport by My Car Milano) e ancora una volta a Danny Molinaro. 

Il prossimo appuntamento con la BMW M2 CS Racing Cup Italy il 4 e 5 giugno al Misano World Circuit – Marco Simoncelli. 

Foto Claudio Pezzoli-New Reporter Press


lunedì 25 aprile 2022

Esordio convincente a Monza per Squadra Corse Angelo Caffi



Squadra Corse Angelo Caffi, affiancata dalla concessionaria Tullo Pezzo, ha debuttato nella nuova stagione BMW M2 CS Racing Cup Italy al primo appuntamento appena concluso a Monza nell'ambito del primo ACI Racing Week End.

Al volante della vettura, nella versione 2022 e curata dalla Daymond Racing, il giovane milanese Jody Vullo è tornato in primo piano. Dopo essere stato protagonista nella scorsa stagione nelle gare di Vallelunga e Mugello dove ha guadagnato punti e un eccellente podio, anche nel round inaugurale il driver ha mostrato determinazione e maturità sportiva anche nelle condizioni più impegnative sotto la pioggia.

Il campionato 2022 si mostra promettente, ottima prestazione del driver della Squadra Corse Angelo Caffi sul bagnato, dove ha attaccato fino all'ultimo giro il podio in gara 1, sebbene il fondo sia stato tra i più impegnativi. Un contatto in gara 2 ha poi costretto Vullo al ritiro.

Le ottime doti di Jody Vullo si accompagnano alla potenza della vettura con motore V6 da quasi 3000 cc e capace di erogare fino a 400 Cv, con la quale il driver continua ad instaurare un feeling che sembra assolutamente promettente in vista delle prossime gare della stagione appena iniziata e che vede la sua seconda tappa a Misano dal 4 al 5 giugno prossimi.

"Gara bellissima, potevo chiudere anche sul podio" ha dichiarato Jody Vullo al termine della gara 1 che lo ha visto arrivare in quarta posizione. Dimostrando di essere pienamente in linea con l'alto livello agonismo della gara, il driver milanese conferma di saper emergere e di esaltare la squadra così come la potente vettura tedesca.


mercoledì 20 ottobre 2021

BMW Motorrad schiera la gamma completa BMW R 18 al salone Auto e Moto d’Epoca di Padova


In occasione del salone Auto e Moto d'Epoca, manifestazione dove tradizione e passione fanno da cornice a pregiati veicoli d'epoca, BMW Motorrad Italia porta in esposizione l'intera famiglia R 18. La BMW R 18, presentata nell'estate del 2020, si è rivelata come un prodotto travolgente in cui l'innovazione e la tradizione della casa bavarese convivono in una motocicletta carica di contenuti iconici, offrendo un'interpretazione nuova e personale di una moderna maxi-cruiser. Nello stesso anno la BMW R 18 è stata affiancata da un ulteriore modello basato sulla stessa piattaforma tecnologica: la BMW R 18 Classic.


Al salone Auto e Moto d'Epoca di Padova a fianco di questi due primi modelli BMW Motorrad Italia porta anche le nuovissime R 18 Transcontinental e R 18 B, recentemente presentate attraverso il video musicale della band americana The Cadillac Three.

Infatti, con queste due nuove moto basate sempre sul Big Boxer di 1.800cc il sound del motore si fonde con la musica rock grazie all'impianto audio Marshall installato di serie, per un'esperienza di guida totale, nel pieno spirito del Make Life A Ride.


La lussuosa R 18 Transcontinental è ispirata al turismo sulle lunghe distanze in stile americano, mentre la BMW R 18 B si presenta come vera "rider's machine", una bagger orientata al crusing e al touring.


La gamma completa delle BMW R 18 sarà esposta nell'esclusivo SoulFuel Loft che sarà situato al padiglione 4. Sullo stesso stand sarà esposta anche la linea di abbigliamento tecnico e Lifestyle della collezione Heritage di BMW Motorrad che è il perfetto complemento funzionale e di stile per le nuove R 18.

sabato 16 ottobre 2021

Campionato Italiano GT/ Stefano Comandini in Spagna ha provato la nuova BMW M4 GT3



C’era anche Stefano Comandini giovedì a Valencia per provare la nuova BMW M4 GT3, la vettura che la casa bavarese schiererà il prossimo anno in tutti i campionati GT internazionali sostituendo l’ormai datata M6 GT3. La vettura è equipaggiata con il nuovo propulsore 6 cilindri 3.0 Twin Power in grado di erogare 590 cavalli e già nelle prime uscite, tra cui la 6 Ore del Nurburgring con Farfus ed Eng al volante, i riscontri si sono rivelati estremamente confortanti.

"La macchina è molto bella e ben fatta - ha dichiarato Comandini - l’impressione immediata è stata positiva e mi ha ricordato la prima volta che ho guidato la M6. Allora il passaggio era stato molto complicato venendo io da una vettura fantastica come la Z4. Appena salito, la M4 mi ha dato subito tanta confidenza, si fa guidare ed è molto sincera. Certo, per avere un termine di paragone più veritiero la devo testare su una pista in cui ho guidato la M6, ma sicuramente ha un potenziale notevole. L’elettronica è notevolmente migliorata e anche l’avantreno è molto più preciso. Bisognerà cambiare un po' lo stile di guida rispetto alla M6 e spero di riuscirci in fretta! Ma per farlo dobbiamo aspettare che la consegnino…”.

E le prime consegne saranno tra gennaio e febbraio, in tempo per l’avvio del GT italiano nel mese di aprile.

lunedì 11 ottobre 2021

Roberto Tamburini vince il campionato italiano National Trophy 1000 con la nuova BMW M 1000 RR


Domenica 10 ottobre si sono conclusi i campionati nazionali di velocità collegati al calendario del CIV 2021 e Roberto Tamburini in sella alla nuova BMW M 1000 RR del team Pistard-TMF si è aggiudicato il campionato italiano National Trophy 1000. Roberto ha messo in mostra una grinta, un approccio strategico alla gara e capacità tecniche superiori, che hanno trovato nella efficace “M RR” il partner perfetto per dominare il campionato, aggiudicandoselo addirittura con una gara di anticipo. Infatti, il titolo è stato matematicamente conquistato dal pilota BMW già con la vittoria del sesto round sul circuito del Mugello il 29 agosto.

Roberto Tamburini, pilota di grande esperienza che nel suo ricco curriculum vanta anche la partecipazione ai campionati del mondo Supersport 600 e Superstock 1000, ha iniziato la stagione guidando la BMW S 1000 RR con la prospettiva di passare alla nuova BMW M 1000 RR non appena questa fosse stata pronta a scendere in pista. Già con la “RR” il feeling di Roberto con la moto gli aveva permesso di bruciare le tappe andando subito a podio nella prima gara.
L’atteso passaggio alla “M RR” in occasione del secondo round a Misano Adriatico gli ha consentito di essere velocissimo fin da subito coronandone il debutto con la prima vittoria della stagione.

Roberto Tamburini ha corso con il team Pistard-TMF di Gianluca Galesi ed è stato seguito dall’HP Race Support che è la struttura creata da BMW Motorrad Italia dedicata alle competizioni per dare un supporto tecnico di altissimo livello a tutti quei piloti e team privati che scelgono di correre nei campionati nazionali con le moto BMW S 1000 RR e M 1000 RR.

“È stata una stagione fantastica! – dichiara Gianluca Galesi, proprietario del team Pistard-TMF – Innanzitutto devo ringraziare BMW Motorrad Italia e TMF per avermi appoggiato in questo mio ambizioso progetto, così come tutti gli altri nostri sponsor. Mi ero dato come obiettivo la vittoria nel campionato italiano National Trophy 1000 e il binomio Tamburini-BMW si è rivelato una scelta vincente. Roberto è stato un leone, ha lavorato duro per preparare ogni round al meglio e per cucirsi addosso la moto. In gara ha sfoggiato tutta la grinta di cui è capace, andando a conquistare 7 podi in 7 gare, con 3 straordinarie vittorie! Non vedo l’ora che inizi la stagione 2022 perché ho tanti progetti in testa che mi piacerebbe riuscire a concretizzare sempre a fianco di BMW Motorrad.”

martedì 8 giugno 2021

BMW M2 CS Racing Cup Italy: Sandrucci e Marcucci conquistano Misano nel secondo round stagionale



Il secondo round della BMW M2 CS Racing Cup Italy al Misano World Circuit – Marco Simoncelli si chiude nel segno di Gustavo Sandrucci e Lorenzo Marcucci. In gara 1 il viterbese conferma la sua leadership davanti a Marco Pellegrini e Filippo Maria Zanin, mentre in gara 2, con l'asfalto reso scivoloso dalla pioggia caduta sul tracciato romagnolo, il pilota romano si impone scattando dalla pole position davanti a Zanin e a Kevin Giacon.  


In gara 1 è Marco Pellegrini a scattare dalla pole position davanti al leader della classifica che resta però incollato al pilota di Pinetti Motorsport by Autotorino. Sandrucci prepara l'attacco per diversi giri e, quando la safety car lascia la pista dopo l'uscita di Massimiliano Provasi (Uboldi Corse by Fimauto), riesce a passare in testa con una manovra perfetta sul rettilineo di Misano. Il driver di Progetto E20 by L'Automobile conquista, così, la seconda vittoria stagionale mentre alle sue spalle chiudono Pellegrini e Filippo Maria Zanin (Pro Motorsport by BMW Milano). Ai piedi del podio è Kevin Giacon (Tecnodom by Ceccato Motors) ad aggiudicarsi la quarta posizione, resistendo a lungo agli attacchi di Matteo Davenia, purtroppo out con la vettura di A-Sport & Progetto E20 by Cacioli Group.  


In gara 2 la difficoltà aumenta con la pista resa scivolosa dalla pioggia, caduta improvvisamente sul circuito intitolato a Marco Simoncelli. Ma allo start Marcucci non si fa sorprendere e con la vettura di Guidare Pilotare by Autovanti resta al comando incrementando giro dopo giro il proprio vantaggio su Kevin Giacon e Filippo Maria Zanin. Jimmy Ghione, guest driver di BMW Italia, e Gian Piero Cristoni (AC Racing Technology by M.Car) sono costretti ad alzare bandiera bianca nel corso della prima parte di gara, mentre la lotta per la seconda posizione si accende nel finale con Zanin che riesce ad infialare Giacon per la seconda posizione. Quarto è Gustavo Sandrucci che si conferma tra i più in forma della serie e precede Alessandro Brigatti che riscatta l'uscita del suo compagno di squadra, Matteo Davenia, in gara 1. Bella lotta tra Luca Lorenzini (Dinamic & Shade by Reggio Motori) e Marco Zanasi (Pinetti Motorsport by Autoclub Turbosport) per la sesta posizione con Zanasi che va lungo nel corso del decimo giro e lascia la porta spalancata a Lorenzini.


Prossimo appuntamento con la BMW M2 CS Racing Cup Italy il 3-4 luglio al Mugello.

sabato 1 maggio 2021

BMW M2 RACING CUP ITALY / DEBUTTO POSITIVO DI GUSTAVO SANDRUCCI CON POLE E QUINTO POSTO IN GARA-1


Monza, 1 maggio 2021. Un esordio sicuramente eccellente quello di Gustavo Sandrucci, che ha iniziato a Monza la stagione della BMW M2 Racing Cup Italy con una pole (quella ottenuta nel secondo turno di qualifica) ed il quinto posto messo a segno nella prima delle due gare del weekend.
Il pilota viterbese si è confermato velocissimo già nel primo turno di prove ufficiali, quando però gli è stato cancellato il suo giro buono per un track-limit scivolando definitivamente ottavo. Poi, nella seconda sessione utile, Sandrucci ha sferrato la zampata vincente, andandosi a prendere la pole e stabilendo il miglior tempo assoluto di 1'58”114.

"Era la prima volta che giravo con le gomme nuove. Peccato perché se non mi avessero tolto il tempo sarei partito per due volte dalla prima fila", ha commentato il veloce pilota laziale, reduce dalla conquista di tre titoli consecutivi del MINI Challenge Italia e di quello della Clio Cup Italia in cui è andato a segno nel 2017.

In Gara 1, svoltasi sotto il diluvio, con i primi due giri completati in regime di safety car, Sandrucci ha iniziato una rimonta che progressivamente dalla quarta fila lo ha portato a risalire fino alla quinta posizione. Un risultato che equivale al quarto posto, considerando che davanti ha concluso l'ex pilota di Formula 1 Vitantonio Liuzzi, presente nelle vesti di guest driver e pertanto trasparente ai fini della classifica.

"Diciamo che ho preferito fare una gara prudente, cercando di recuperare quando c'era un poco più di visibilità - ha spiegato Sandrucci - Le condizioni della pista erano veramente difficili. Alla fine ero riuscito a raggiungere anche Fabio Francia, ma non ho voluto prendere eccessivi rischi sapendo che domani partirò in pole”.

Punti importanti quelli conquistati dal viterbese, che nella seconda gara di domenica avviandosi davanti a tutti punterà ad incrementare ulteriormente.

Domani in Gara 2 (sempre della durata di 30 minuti più un giro da completare) Sandrucci scatterà pertanto dalla pole. Il via alle 13.40, con la diretta Tv su Sky Sport.

martedì 2 marzo 2021

AL LAGHI DE ANTONI VINCE LA BMW RALLY CUP


Felino (PR), 2 Marzo 2021 – Inizia ufficialmente il mese di Marzo e per Collecchio Corse è già il momento di arricchire la propria bacheca con il primo, prestigioso, trofeo di questo 2021.
A regalare il successo, la vittoria nella BMW Rally Cup, ci ha pensato Edoardo De Antoni che, in coppia con Martina Musiari sulla BMW 318 IS in versione Racing Start Plus, si è dimostrato autentico mattatore della ventinovesima edizione del Rally dei Laghi, corso nel fine settimana.
Già vincitore del girone B nella passata stagione il pilota di Camposampiero si è reso autore di una prova di forza notevole, ponendo la propria firma sui primi quattro tratti cronometrati, dei cinque in programma, con un distacco conclusivo attorno alla ventina di secondi.
Il portacolori della scuderia felinese, supportato in gara da CFB Racetech, ha completato una giornata da incorniciare andando a vincere anche la classe RS 2.0 Plus ed ottenendo il secondo posto, per un soffio, nella classifica generale del gruppo Racing Start Plus.

“Il weekend si è concluso al meglio” – racconta De Antoni – “con la vittoria nella BMW Rally Cup. Abbiamo corso in un contesto totalmente diverso dai precedenti, con prove a tratti molto veloci in discesa alternati ad altri stretti e sporchi. È stato bello mettersi alla prova e siamo contenti per iniziare questo 2021 con il giusto piede. Siamo partiti all'attacco, da subito, perchè eravamo determinati a vincere. Abbiamo messo in pratica alcuni accorgimenti, di guida e di note, studiati durante il lockdown, che si sono rivelati vincenti. Grazie a CFB Racetech per averci seguito, per tutto il 2020 e per questa finale, nel miglior modo possibile. Grazie a Collecchio Corse ed ai nostri partners per aver puntato su di noi. Siamo molto soddisfatti.”

Il desiderio di far sua la BMW Rally Cup si era intravisto già dai primi chilometri della “Alpe - Valganna” dove il portacolori di Collecchio Corse collezionava il primo successo parziale di giornata, infliggendo ben 22”2 ad Alfano e 43”6 a Biondo, entrambi su vettura gemella.
Dopo la prima il pilota patavino siglava anche la seconda, seppur di misura, e portava il proprio margine a sfiorare già il mezzo minuto, in piena lotta per la testa del gruppo Racing Start Plus.
La ripetizione, sulle due prove speciali in programma, per la serie dedicata alla trazione posteriore tedesca vedeva ancora protagonista assoluto De Antoni, nuovamente il migliore.

Con un solo tratto cronometrato a separare l'alfiere della scuderia felinese dal successo finale ed un cospicuo gap sulla concorrenza, oltre il mezzo minuto, gli ultimi chilometri della “Alpe - Valganna” si tramutavano in una sorta di passerella per dare il via ai festeggiamenti.
Una chiusura vincente di un capitolo che è già pronto a far posto ad un futuro interessante.

“La stagione nella BMW Rally Cup è stata entusiasmante” – aggiunge De Antoni – “e siamo molto orgogliosi della crescita che, sia io che Martina, abbiamo dimostrato sul campo. Siamo partiti con il piede giusto in questo 2021 ed ora, assieme ai nostri partners ed alla Collecchio Corse, cercheremo di studiare varie opzioni che abbiamo sul tavolo per quest'annata sportiva.”

Foto di Actualfoto - Mario Leonelli

mercoledì 30 dicembre 2020

Il primo campionato monomarca BMW M2 CS Racing Cup Italy è pronto al via


> 30 dicembre 2020 - A partire dalla stagione 2021, BMW Italia darà vita al primo campionato monomarca M2 CS Racing Cup Italy. In concomitanza di sei eventi del Campionato Italiano Gran Turismo sui circuiti di Monza, Misano, Mugello, Imola e Vallelunga si svolgeranno le dodici gare del campionato.

La BMW M2 CS Racing utilizzata per il campionato è la derivazione da pista della stradale BMW M2 CS e viene venduta in Italia dai concessionari BMW certificati CUSTOMER RACING nella versione da 450 CV già in allestimento gara. Partendo dalla base della BMW M2 CS, gli ingegneri di BMW Motorsport hanno utilizzato molte delle intuizioni derivanti dallo sviluppo della BMW M4 GT4 per stabilire standard totalmente nuovi nella categoria inferiore.

La BMW M2 CS Racing risulta essere infatti la migliore soluzione di ingresso nel mondo delle competizioni. La nuova vettura è spinta da un motore a sei cilindri in linea con tecnologia BMW M TwinPower Turbo che, con una cilindrata di 2.979 cc nella versione da corsa, raggiunge una potenza compresa tra 280 CV e 450 CV, a seconda del Balance of Performance (BoP) della classe della competizione. La coppia massima di 550 Nm viene trasmessa alle ruote posteriori tramite un cambio a doppia frizione a 7 rapporti che è stato configurato per le competizioni su pista. Un altro punto forte della BMW M2 CS Racing è la gestione del motore. Come per la BMW M4 GT4, sarà controllato tramite power stick, che consentono di programmare e attivare vari livelli di potenza a seconda del Balance of Performance stabilito.

Calendario M2 CS Racing Cup Italy:

• 02/05/2021 – Monza
• 06/06/2021 – Misano
• 11/07/2021 – Mugello
• 05/09/2021 – Imola
• 19/09/2021 - Vallelunga
• 10/10/2021 – Mugello



lunedì 9 novembre 2020

Campionato Italiano Gran Turismo Endurance/ Il grande lavoro di BMW Team Italia non basta per conquistare il titolo a Monza


Un finale imprevedibile ha impedito a BMW Team Italia di giocare tutte le sue chance nella appassionante gara finale del Campionato Italiano Gran Turismo Endurance 2020 disputata nel weekend appena trascorso a Monza.
Sull’autodromo brianzolo, il team gestito da Ceccato Motors Racing Team puntava alla vittoria con la BMW M6 GT3 #7 sulla quale si sono alternati Stefano Comandini, Marius Zug e Jesse Krohn, mentre in GT4 l’obiettivo era il podio Pro-Am con Francesco Guerra e Nicola Neri.

Dopo l’importante messa a punto svolta durante le prove libere, in qualifica l’equipaggio #7 si è assicurato una spettacolare pole position. In Q1 Comandini ha dato il massimo in una sessione davvero tirata, con l’ottavo crono in 1’47.735. In Q2 Zug ha fermato i cronometri in 1’47.583, secondo miglior tempo, imitato nella terza sessione da Krohn in 1’46.897. L’equipaggio si è assicurato la partenza dal palo con una prestazione combinata di 5’22.215.


In GT4 seconda prestazione di categoria per Guerra e Neri in 5’56.262: il primo ha disputato Q1 e Q2 segnando rispettivamente un 1’57.951 e un 1’57.970, mentre Neri ha girato nella sessione di mezzo chiudendo con un positivo 2’00.341.

La gara è stata da subito molto emozionante. Comandini ha disputato un avvincente primo stint, dove ha resistito con caparbietà agli attacchi degli avversari subendo anche qualche colpo piuttosto duro e ha poi mantenuto saldamente la seconda posizione fino al pit-stop. Prestazione decisamente esemplare anche quella di Zug, che dopo aver rilevato la vettura al pit-stop ha imposto un ritmo estremamente efficace al suo stint.



Nel terzo stint il volante è passato a Krohn che con determinazione ha battagliato per il podio. Al sessantanovesimo giro, in uscita dalla Parabolica, un contatto al posteriore della BMW M6 GT3 #7 ha fatto perdere il controllo della vettura a Krohn e lo ha costretto ad andare fuori pista. Il finlandese è stato magistrale ad evitare l’impatto, ma il lungo tratto percorso ad alta velocità nella ghiaia ha irreparabilmente danneggiato la vettura, costringendo l’equipaggio al ritiro pochi giri dopo.

In GT4, ottima gara di Guerra e Neri, con il primo che ha guidato nel primo e terzo stint e Neri impegnato nella fase centrale della corsa. Consapevole che sarebbe stata una gara impegnativa, l’equipaggio BMW Team Italia ha mostrato grande carattere, ed ha chiuso al secondo posto concretizzando anche il secondo posto nella classifica GT4 Pro-Am di campionato.

Roberto Ravaglia (BMW Team Italia, Team Manager): “Siamo chiaramente amareggiati. Abbiamo disputato un campionato stupendo con la BMW M6 GT3, Stefano, Marius e Jesse sono stati impeccabili in pista oggi, hanno reagito ad ogni situazione con grande determinazione e fino a mezz’ora dalla fine la sfida è stata appassionante e sportiva. Le nostre chances si sono interrotte per contatto nel terzo stint che è stato decisivo nel far perdere il controllo della BMW a Jesse, e solo la sua prontezza ha evitato l’incidente contro le barriere a oltre 180 chilometri orari. Abbiamo provato a proseguire, ma i danni subiti dalla vettura sono stati eccessivi e non abbiamo potuto fare altro che ritirarci. Un plauso all’equipaggio della BMW M4 GT4, Francesco e Nicola hanno disputato una gara concreta ed hanno centrato un altro risultato a podio oltre al secondo posto in campionato GT4 Pro-Am”.

martedì 14 luglio 2020

Il BMW Team Italia scalda i motori per la prima gara del Campionato Italiano Gran Turismo 2020.


Riparte la stagione 2020 del Campionato Italiano Gran Turismo: sabato 18 e domenica 19 luglio si correrà la gara d’esordio della serie Endurance al Mugello con la partecipazione del BMW works driver, Alexander Sims.

Dopo lo stop forzato, il BMW Team Italia è pronto per tornare in pista ed inaugurare la stagione 2020 del Campionato Italiano Gran Turismo che debutterà con la serie Endurance all’Autodromo del Mugello nel weekend del 18-19 luglio. La gara d’esordio della serie Sprint si correrà invece il 2-3 agosto al Misano World Circuit.

Come la scorsa stagione, il Campionato si svolgerà con quattro gare della Serie Endurance dalla durata di 3 ore e con quattro tappe della Serie Sprint formate da due gare di 50 minuti + 1 giro. Tutte le gare saranno precedute da sessioni di prove libere e ufficiali, con queste ultime che determineranno la griglia di partenza. Per ciascuna serie saranno ben otto i titoli italiani che saranno assegnati in questa stagione, la diciottesima del tricolore Gran Turismo, oltre a quattro Trofei Nazionali e tre Coppe Nazionali con equipaggi composti da due o tre piloti e vetture appartenenti alle classi GT3, GT4 e GT Cup.

Il BMW Team Italia - gestito dalla Ceccato Motors Racing Team di Gianfranco Ceccato - partecipa alle Serie Endurance e Sprint del Campionato Italiano Gran Turismo GT3 con la BMW M6 GT3 e del Campionato Italiano Gran Turismo GT4 con la BMW M4 GT4.

Per il weekend inaugurale di gara il BMW works driver che partecipa con il BMW i Andretti Motorsport al Campionato ABB FIA Formula E, Alexander Sims, scenderà in pista a bordo della BMW M6 GT3 completando l’equipaggio composto dai piloti Stefano Comandini e Marius Zug del BMW Team Italia.

“Sono molto emozionato all’idea di tornare a gareggiare in un’auto da corsa dopo questo lungo periodo di fermo che mi ha visto impegnato in competizioni SIM” – ha dichiarato Sims dopo i giorni di test in vista del debutto del 18 e 19 luglio. “Non conoscevo il circuito del Mugello e devo dire che è un tracciato fantastico, uno dei più belli in Europa. Ho già disputato due gare con il BMW Team Italia lo scorso anno e sono felice di scendere di nuovo in pista con i miei due compagni Stefano e Marius. Otterremo sicuramente buoni risultati.”

I primi giri di pista della stagione 2020 saranno in programma venerdì 17 luglio alle ore 11.35, quando al Mugello Circuit scatterà il primo turno di prove libere della 18a edizione del Campionato Italiano Gran Turismo.

Calendario Campionato Italiano Gran Turismo 2020

18-19 luglio | Mugello | Endurance
2-3 agosto | Misano | Sprint
29-30 agosto | Imola | Endurance
19-20 settembre | Vallelunga | Endurance
3-4 ottobre | Mugello | Sprint
17-18 ottobre | Monza | Sprint
7-8 novembre | Monza | Endurance
5-6 dicembre | Vallelunga | Sprint

giovedì 21 maggio 2020

Sim racing vs. vere corse automobilistiche: l'ingegnere di BMW Motorsport Jeroen den Boer valuta somiglianze e differenze.


> Maggio 2020 - Durante la sua carriera da pilota, Jeroen den Boer guidava le auto della BMW Motorsport GT3. Come capo ingegnere, ora si occupa delle attività di gara della BMW M6 GT3 e dello sviluppo della nuova BMW M4 GT3. Nell'attuale crisi COVID-19, den Boer è tornato al volante, almeno “virtualmente”. Ha scoperto le corse di sim e gareggia regolarmente con la BMW M8 GTE e con la BMW Z4 GT3. La combinazione di ex pilota automobilistico, ingegnere BMW Motorsport e sim racer lo rende la persona perfetta per analizzare le somiglianze e le differenze tra sim racing e vero motorsport. 

Quando Jeroen den Boer gareggia con la BMW Z4 GT3 sulla piattaforma iRacing Esports, gli sembra di tornare indietro nel tempo. Tra il 2011 e il 2013, l'olandese era solito guidare quell'auto per il team DB Motorsport contro avversari di alto livello nell’ADAC GT Master, ottenendo due vittorie in 36 gare. Allo stesso tempo, stava anche studiando ingegneria, e quando le corse GT3 sono diventate troppo costose per lui e il suo team privato, ha intrapreso la carriera di ingegnere. 

"Ho stabilito dei buoni contatti attraverso le corse GT3, ed è stato attraverso questo che alla fine sono arrivato, tramite Schubert Motorsport, a BMW Motorsport" - dichiara den Boer - "Lavoro lì dal 2014." 
Nella sua posizione di responsabilità, è sempre lì quando la BMW M6 GT3 scende in pista nelle principali gare di 24 ore e nell'Intercontinental GT Challenge. Il suo ultimo progetto è lo sviluppo della BMW M4 GT3, la nuova ammiraglia della gamma BMW M Customer Racing. E mentre è in attesa di riprendere i suoi progetti reali di corse automobilistiche, ha scoperto le gare sim. Ora ha la sua attrezzatura a casa e incontra gente come i piloti della BMW, Philipp Eng e Jens Klingmann per le sessioni di allenamento. 

“Una volta sono passato a una sessione sul Nordschleife. È stato molto divertente e molto interessante " - ha commentato den Boer - "in particolare per me come ingegnere, in quanto c'erano anche piloti BMW Corporate Communications professionisti di gare con il simulatore, che avevano la risposta giusta a tutte le mie domande sul set-up. All'improvviso, non ero più il tecnico che forniva informazioni sulle impostazioni: i ruoli si erano ribaltati. All'inizio è stato come un mondo diverso per me." 

Den Boer negli ultimi mesi ha anche acquisito esperienza di guida al volante della BMW M8 GTE virtuale e della BMW Z4 GT3. Non solo le sue abilità come pilota sono state messe alla prova, ma anche come ingegnere, mentre fai tutto da solo su iRacing - sia che si tratti di impostazione, tattiche di gara o strategia delle gomme. 

Lavoro di messa a punto nel simulatore e nella realtà. 

"Nel simulatore, puoi davvero configurare tutto ciò che potrebbe accadere nella realtà: telaio, aerodinamica, pressione dei pneumatici. Tutto", ha spiegato Boer. "Di norma, la messa a punto è completamente aperta, quindi puoi configurare un numero incredibile di parametri. Non è così facile e devi sapere cosa stai facendo." Den Boer sa esattamente cosa sta facendo quando si tratta della messa a punto nella realtà. Lui e il suo team generalmente iniziano con un set-up di base, che viene creato utilizzando i dati dell'anno precedente o, nel caso di nuovi circuiti, i dati provenienti da piste simili. 

"Quindi collaboriamo con il pilota per identificare i problemi su cui dobbiamo lavorare", ha dichiarato den Boer. “Sovrasterzo? Sottosterzo? Non performante in frenata? Confrontiamo il feedback dei piloti con i nostri dati. Se corrispondono, cambiamo le rispettive impostazioni sull'auto per risolvere il problema. In questo modo, passo dopo passo, siamo in grado di muoverci nella giusta direzione." 

Comprendere e interpretare correttamente il feedback dei piloti è una delle abilità chiave di un ingegnere. È qui che den Boer fa tesoro del suo passato di pilota da corsa. 

“A volte sono sufficienti tre parole e so cosa significano. Penso di poter entrare in empatia con loro", ha detto. Non è necessario che lo faccia quando esegue il lavoro di set-up nel simulatore, poiché è contemporaneamente pilota e ingegnere. "Nel mio caso, il lavoro di messa a punto nel simulatore è probabilmente più veloce, poiché io sono il pilota e, anche mentre sono al volante, posso già considerare quali modifiche al set-up proverò dopo", ha spiegato den Boer. "Non ho bisogno di parlarne prima con un altro pilota e tentare di mettere in pratica le sue valutazioni". 

Al contrario, potrebbe teoricamente avvalersi delle sue conoscenze acquisite nelle corse reali e, ad esempio, utilizzare una vera base per la simulazione. 

La strategia di gara e l'analisi dei dati sono praticamente identiche. 

Come per il set-up, il lavoro sulla strategia di gara è praticamente identico nel simulatore e nella realtà, come ha spiegato den Boer con un esempio pratico: “Ho guidato una corsa di quattro ore sul Nordschleife con un collega. Abbiamo dovuto discutere le tattiche, calcolare il consumo di carburante e determinare la strategia dei pneumatici: è stato molto divertente. Avevamo calcolato che il leader avrebbe tagliato il traguardo prima che fosse trascorso il tempo di gara, il che significava che dovevamo ancora fare un altro giro. Con questo in mente, abbiamo aggiunto più carburante, il che ci ha permesso di superare alcune macchine che erano rimaste senza carburante su Döttinger Höhe alla fine della gara. Sicuramente quella volta è venuto fuori l'ingegnere che è in me." 

In termini di analisi dei dati, i parallelismi tra sim racing e sport motoristici reali sono altrettanto sorprendenti. "Come nella realtà, è possibile sovrapporre e analizzare i dati di telemetria di diversi driver", ha affermato den Boer. “Dove sto frenando troppo presto o troppo tardi? Dove devo selezionare una marcia diversa? Questi dati sono identici alla realtà. È anche possibile utilizzare lo stesso programma per l'analisi dei dati. È davvero fantastico." 

Quando la simulazione è così vicina alla realtà, potrebbe essere un'idea prendere le idee di messa a punto da una macchina virtuale e trasferirle su una vera macchina da corsa? "Devi stare molto attento", ha concluso den Boer. “Sulla pista reale, se sbagli, non puoi semplicemente premere il pulsante di riavvio e riprovare. L'auto è danneggiata."

Credits: Press BMW Group

lunedì 11 maggio 2020

Sim Racing/ Per Maximilian Günther (BMW) un altro podio nella “ABB Formula E Race at Home”


Dopo aver iniziato la stagione con due vittorie consecutive, Maximilian Günther ha conquistato un altro podio nella terza gara della “ABB Formula E Race at Home Challenge”. Il pilota della BMW i Andretti Motorsport è arrivato terzo sul circuito virtuale di Monaco conquistando 15 punti e rimanendo alla guida del campionato con 65 punti. Alexander Sims ha concluso dodicesimo. Nella gara Challenge Grid, il pilota del Team Redline Kevin Siggy ha ottenuto la sua prima vittoria stagionale con la BMW iFE.20. Come Günther, guida il campionato piloti.

Nelle qualifiche per la gara con i piloti di Formula E, Günther ha dovuto accontentarsi del sesto posto. Tuttavia, è salito prontamente al terzo posto dopo un ottimo inizio ed è stato in grado di difendere la posizione fino al traguardo. La vittoria questa volta è andata a Pascal Wehrlein (Mahindra). Günther (65 punti) ora precede Wehrlein di 21 punti nel campionato piloti. Le qualifiche avrebbero potuto essere migliori anche per Sims, che non ha potuto fare di meglio del 20° posto. In gara, tuttavia, anche lui ha reagito con forza per finire dodicesimo.

Nella gara Challenge Grid, per piloti sim, il pilota del Team Redline Siggy ha conquistato la sua prima vittoria della stagione con i colori della BMW i Andretti Motorsport. Partendo dalla pole position, ha gestito al meglio la gara fino alla vittoria ed ha aumentato il vantaggio in classifica generale. Come Günther, questo è stato il terzo podio in tre gare per Siggy, che ha anche stabilito il giro più veloce della gara. Charlie Martin non è riuscito a finire  la gara con la seconda BMW iFE.20.

martedì 5 maggio 2020

Maximilian Günther ancora leader della “ABB Formula E Race at Home Challenge"


Maximilian Günther rimane imbattuto nella “ABB Formula E Race at Home Challenge". Il pilota della BMW i Andretti Motorsport ha ottenuto due vittorie in due gare su BMW iFE.20, questa volta sul circuito virtuale "Electric Docks". Ora, con 50 punti, continua a guidare il campionato. Alexander Sims ha portato a casa un 14° posto con la seconda BMW iFE.20. Nella Challenge Race, il pilota del Team Redline Kevin Siggy è arrivato secondo con BMW i Andretti Motorsport. Con questo risultato Siggy sale in vetta alla classifica generale con 34 punti.
Günther ha iniziato la gara dal secondo posto, ha evitato le numerose collisioni alla prima chicane e ha impiegato poco tempo per prendere il comando. Il primo posto è insidiato da Pascal Wehrlein (GER, Mahindra) che ha recuperato il distacco arrivando ad esercitare una buona pressione sul leader. Tuttavia, Wehrlein ha quindi commesso un errore, che ha permesso a Günther di ottenere la sua seconda vittoria della stagione. Sims ha fatto buoni progressi dal 17° posto in griglia fino a lottare per entrare nella top ten. Un incidente lo ha poi visto perdere posizioni, e alla fine ha concluso 14° posto.
Come Günther, anche Siggy ha iniziato la Challenge Race dal secondo posto su BMW iFE.20. Ha mantenuto quella posizione per 15 giri e ha chiuso al secondo posto per ottenere un secondo podio consecutivo, essendo arrivato terzo solo una settimana fa. Questi risultati lo hanno portato al comando della Challenge Race, in cui gareggiano i piloti professionisti sim e alcune wild card. Charlie Martin è arrivato 15° con la seconda BMW iFE.20.

lunedì 27 aprile 2020

Sim Racing/ Fine settimana positivo per i piloti BMW: Philipp Eng vince la 24 Ore del Nürburgring, due vittorie per Maximilian Günther


I piloti ufficiali BMW hanno vissuto un altro fine settimana di successo delle corse sim. Nella 24 ore "iRacing 24h Nürburgring powered by VCO", Philipp Eng (AUT) e il suo team hanno vinto. Maximilian Günther (GER) ha celebrato un doppio successo sabato. In primo luogo, ha vinto la prima gara del campionato "ABB Formula E Race at Home Challenge", poi ha vinto la classifica generale della " THE RACE All-Star Cup". 

La gara di 24 ore al Nürburgring-Nordschleife è uno dei momenti salienti del calendario delle gare per piloti, squadre e tifosi - e lo stesso vale per le corse sim. "iRacing 24h Nürburgring powered by VCO" è uno dei nove eventi speciali organizzati da iRacing nel 2020. Per 24 ore, da sabato pomeriggio a domenica pomeriggio, più di 1.400 squadre e circa 5.000 piloti, inclusi molti nomi noti delle gare reali, ha partecipato all’emozionante gara attraverso l'Inferno Verde. A causa del gran numero di partecipanti, il campo di gara è stato diviso in varie "divisioni", quindi, ci sono state più di 20 "gare all'interno della gara".

Dopo 24 ore di gara emozionanti, la vittoria e il terzo posto sul podio sono andati entrambi ai piloti BMW nella BMW Z4 GT3 digitale. Eng e i suoi compagni di squadra Laurin Heinrich e Alexander Voss (entrambi GER) hanno tagliato il traguardo come vincitori dopo 175 giri nella BMW Z4 GT3 BS + COMPETITION n.089. Il trio ha preso il comando poco meno di quattro ore prima della fine della gara e non lo ha più lasciato. Hanno concluso con un vantaggio di poco meno di 30 secondi sul secondo classificato MAHLE RACING TEAM. Il successo del team BS + COMPETITION è stato completato da Spengler e dai suoi colleghi Nils Koch e Kay Kaschube (entrambi GER) nella BMW Z4 GT3 n.7 che, con il terzo posto, si è assicurato un posto sul podio.

"Sono totalmente esausto, ma sono anche estremamente felice", ha dichiarato Eng dopo la vittoria. “Questo successo è arrivato inatteso ed è forse una delle mie più grandi vittorie, oltre alle mie vere gare di 24 ore. Sono fortunato ad avere compagni di squadra così fantastici in Alex e Laurin. Non solo sono superveloci, ma non commettono nemmeno il più piccolo degli errori. È più che impressionante. È stata la prima gara di 24 ore in assoluto per il nostro team BS+COMPETITION, e abbiamo ottenuto la vittoria al primo tentativo: non posso essere più felice. È anche bello che, anche in queste circostanze, possiamo ancora far andare la BMW in prima pagina."

"È stata una gara eccezionale", ha aggiunto Spengler. "Sono davvero grato ai miei compagni di squadra perché ho imparato molto da loro. Sono così bravi, guidano in modo molto regolare e sono semplicemente fantastici su questa pista. Nils e Kay hanno fatto un lavoro fantastico, e lo stesso vale per l'intera squadra. Ottenere il primo e il terzo posto è un risultato formidabile per la squadra. Il team è ancora relativamente giovane, quindi portare due macchine sul podio è davvero speciale, soprattutto se pensi a quanto sia alto il livello in iRacing. Alla fine si trattava di riportare l'auto a casa e di non commettere errori stupidi quando sei stanco. Ha funzionato: è un risultato fantastico e sono molto felice ".

Alcuni piloti BMW torneranno in azione sul Nürburgring-Nordschleife virtuale il prossimo fine settimana, nel quarto round della Digital Nürburgring Endurance Series powered by VCO di sabato 2 maggio.

Maximilian Günther ha celebrato due importanti successi, uno dopo l'altro, sabato, iniziando con la vittoria nella prima gara del campionato "ABB Formula E Race at Home Challenge”. Dopo aver vinto il test una settimana fa, il pilota della BMW i Andretti Motorsport si è assicurato di nuovo il primo posto sulla pista virtuale di Hong Kong (CHN). Questa volta è stato premiato con 25 punti. Guida la classifica generale dopo la prima delle otto gare.

Solo poche ore dopo, ha vinto la classifica generale Pro-Driver di "THE RACE All-Star Cup". Entrando nella grande finale, Günther ha ottenuto lo stesso numero di punti di Mike Epps (GBR) al primo posto, ma in una gara elettrizzante sul Nürburgring (GER) virtuale, ha concluso sesto, proprio davanti al suo rivale, per prevalere e reclamare il premio in denaro di 30.000 dollari, che donerà per sostenere i bambini svantaggiati e traumatizzati.

"Che giornata", ha detto Günther. "Sono uscito direttamente dalla gara di Formula E e non ho quasi avuto tempo di prepararmi per la finale di "THE RACE All-Star Cup". Ho iniziato la finale all'ottavo posto, ma sono stato in grado di trarre vantaggio dagli errori fatti da quelli che erano davanti a me. Sono contento di aver terminato la stagione come miglior pilota professionista e terzo in classifica generale. Sono particolarmente felice di aver vinto i 30.000 dollari per conto della fondazione Verena Januschke per i bambini svantaggiati e traumatizzati".

Credits: Press BMW

BMW Motorsport SIM Racing ringrazia gli eroi COVID-19 con una livrea speciale


Le corse di sim attualmente stanno vivendo un boom importante, anche a causa della pandemia di COVID-19 che rende impossibile il motorsport nella vita reale. 
BMW Motorsport ha deciso di utilizzare la piattaforma di corse sim per ringraziare gli eroi della crisi attuale per mezzo di una speciale livrea "Race Like A Hero". 
Tutti gli utenti di iRacing hanno la possibilità di scaricare questa livrea speciale per la BMW M8 GTE sulla piattaforma "Trading Paints" ed utilizzarla sulla pista virtuale.

Credits: Press BMW

venerdì 24 aprile 2020

#InsiemePerRipartire: la campagna di comunicazione realizzata da BMW con protagonista Alex Zanardi


#InsiemePerRipartire: on air da oggi la seconda fase della campagna di comunicazione realizzata da BMW nel momento in cui l’Italia si prepara a ripartire, affrontando i cambiamenti imposti dalla pandemia. Ancora protagonista Alex Zanardi: “È un nuovo viaggio, possiamo affrontarlo”. BMW Italia ha prodotto un nuovo film da 30’’ per trasmettere un messaggio di incoraggiamento nella fase di pianificazione della ripartenza del Paese. La vicenda personale di Zanardi è indicata come paradigma dell’atteggiamento di chi non si arrende di fronte ad un cambiamento ma sa trasformarlo in un nuovo inizio.





lunedì 20 aprile 2020

Sim Racing/ Due BMW Z4 GT3 virtuali sul podio del Nürburgring Nordschleife


> Aprile 2020 - La BMW Z4 GT3 si è assicurata due posti sul podio nella terza gara della Digital Nürburgring Endurance Series powered by VCO. Il team Walkenhorst Motorsport si è aggiudicato il secondo posto con la vettura #34 dopo tre emozionanti ore di gara. Il team BMW Bank, con il pilota ufficiale BMW Spengler (CAN), è giunto subito dietro in terza posizione. Un totale di otto BMW Z4 GT3 erano sulla griglia di partenza.

Piloti professionisti e piloti delle gare sim hanno preso parte ad un'altra emozionante gara di endurance sul Nürburgring Nordschleife (GER) digitale. La BMW Z4 GT3 n#189 di BS+COMPETITION, guidata dal pilota ufficiale BMW Eng Eng (AUT), Alexander Voß e Laurin Heinrich (entrambi GER), ha tagliato il traguardo al primo posto. Tuttavia, la violazione di una regola ha portato all'imposizione a posteriori di una penalità che ha fatto retrocedere la vettura in sesta posizione. Il team MAHLE Racing è stato quindi dichiarato vincitore.

Ciò ha promosso la BMW Z4 GT3 Walkenhorst Motorsport #34 dal terzo al secondo posto. David Pittard, Sam Michaels e Scott Michaels (tutti GBR) si sono fatti strada tra i primi tre dopo essere partiti dall'ottavo posto. Spengler e i suoi compagni di squadra Nils Koch e Kay Kaschube (entrambi GER) sono stati in grado di superare un turbolento periodo di apertura per iniziare un inseguimento con la BMW Z4 GT3 del Team BMW Bank #107. Hanno tagliato il traguardo al quarto posto, salendo poi di una posizione per raggiungere il podio, al terzo posto.

"Giovedì, dopo la mia vittoria nella iRacing Pro Series dell'IMSA, è stato fantastico guidare qui sul Nürburgring Nordschleife", afferma Spengler. “Sto imparando molto dai miei compagni di squadra. Ho ancora margini di miglioramento, in particolare nelle qualifiche, ma sono migliorato ad ogni giro in gara. Sfortunatamente, mi sono girato due volte durante i primi giri e siamo rimasti indietro. Sono riuscito a risalire all'undicesimo posto e i miei compagni di squadra Nils Koch e Kay Kaschube hanno fatto un ottimo lavoro per portarci al quarto posto. La sfortunata penalità per Philipp Eng e la sua squadra ci ha permesso di piazzarci al terzo posto. Qualsiasi posizione tra le prime cinque sarebbe stata un buon risultato se guardi come è iniziata la gara per noi. Siamo felici, è stata una bella gara.”

Il pilota ufficiale BMW Eng e i suoi compagni di squadra Voß e Heinrich nella vettura #189 BS+COMPETITION BMW Z4 GT3 sono stati tra i favoriti fin dall'inizio. Hanno avuto un vantaggio nella fase finale, tagliando il traguardo al primo posto dopo tre ore, prima che una penalità fosse imposta a causa di una violazione di una regola durante il pit stop.

“Abbiamo fatto davvero una grande gara. Il modo in cui è finito, con la penalità a posteriori che ci è costata la vittoria, ovviamente è deludente”, afferma Eng. "Sfortunatamente, non abbiamo cambiato tutte le gomme durante il pit-stop in quanto non eravamo a conoscenza della regola riguardo il cambio. È stato un peccato e non era intenzionale, ma era chiaramente colpa nostra. Tuttavia, l'auto ha mostrato un grande ritmo. Tutti nel team hanno fatto un ottimo lavoro. "

Anche il Team BMW Green Hell, che vede protagonisti i piloti della BMW, Martin Tomczyk e Jens Klingmann (entrambi GER), ha avuto una certa sfortuna. La loro BMW Z4 GT3 #112 è stata coinvolta – senza responsabilità – in un incidente al primo giro, che ha provocato un danno così grave che hanno dovuto fermarsi per le riparazioni. Hanno quindi utilizzato la porzione rimanente di gara per prepararsi al prossimo evento.

- Credits: BMW Motorsport SIM Racing