Visualizzazione post con etichetta International GT Open. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta International GT Open. Mostra tutti i post

lunedì 23 maggio 2022

GT Open / Per Oregon Team un weekend difficile al Paul Ricard


Le Castellet, 22.05.2022. Un fine settimana difficile quello del Paul Ricard per l'Oregon Team, che in Francia ha pagato un BoP non favorevole alle Lamborghini Huracán GT3 Evo, evidenziando un divario nei confronti della concorrenza. Dopo la doppia vittoria di Benjamín Hites e Leonardo Pulcini nel primo appuntamento dell'Estoril, vanno anche aggiunti i secondi di handicap regolamentare che questi ultimi si sono ritrovati a pagare in Gara 1. E alla fine per loro è arrivato un miglior sesto piazzamento, con i propri compagni di squadra Kevin Gilardoni e Glenn van Berlo autori di un secondo posto e del podio assoluto nella seconda gara di domenica.

Nel primo turno di qualifica di sabato mattina, van Berlo e Hites avevano inaugurato il weekend rispettivamente con il quinto e settimo responso assoluto. L'olandese è stato il più veloce nella classe Pro, con Hites appunto due posizioni dietro. Al via di Gara 1, van Berlo si è portato terzo e ancora meglio ha fatto Hites, che da settimo è subito risalito quarto. Dopo 20 minuti una safety car ha però ricompattato il gruppo. Perfetta la ripartenza, che ha visto prima van Berlo e poi anche Hites superare la Mercedes di Moritz Kranz, andando ad occupare nell'ordine il secondo e terzo posto. Subito dopo Hites ha effettuato il pit-stop lasciando il volante a Pulcini, che ha scontato l'handicap tempo regolamentare di 20" rientrando solamente 15°. A 31 minuti dal termine si è fermato anche van Berlo, rilevato da Gilardoni che si è portato immediatamente al comando superando la Ferrari di Roman Ziemian. Nel tentativo di recuperare, Pulcini è invece finito in testacoda, riuscendo a riprendere poi il ritmo e rimontando fino all'ottava posizione. A un quarto d'ora dalla fine Gilardoni è stato superato dalla McLaren di Joe Osborne e poi anche dalla Audi di Karol Basz, nei confronti dei quali non ha potuto niente, resistendo tuttavia agli attacchi dell'altra Ferrari di David Fumanelli con cui ha avuto sul finire un contatto. Contatto che è costato al pilota italosvizzero una penalità di cinque secondi che lo ha definitivamente retrocesso quarto.

Nel secondo turno di prove ufficiali di domenica mattina, Gilardoni e Pulcini non hanno potuto fare meglio dell'ottavo e decimo tempo. Al via di Gara 2 subito una posizione guadagnata per Gilardoni, con Pulcini che ne ha risalite due portandosi ottavo alle sue spalle. Poi entrambi hanno passato la Mercedes di Yannick Mettler, con Pulcini che immediatamente dopo ha superato Gilardoni portandosi quinto. Il romano ha proseguito la sua rimonta passando anche la Ferrari di Jamie Stanley e guadagnando il quarto posto. Dopo i pit-stop Hites è rientrato ottavo proprio davanti a van Berlo, che a 15' dal termine ha passato il compagno di squadra risalendo quinto. Poi l'olandese ha approfittato di un contatto tra altre due vetture per portarsi secondo, mentre Hites alla fine ha concluso sesto, penalizzato di 5" per un altro contatto che lo ha visto protagonista.

In campionato adesso Hites-Pulcini e Gilardoni-van Berlo occupano a pari punti il secondo posto assoluto, a sole 16 lunghezze dall'equipaggio della McLaren formato da Nick Moss e Joe Osborne.

Il prossimo appuntamento dell'International GT Open si svolgerà sul tracciato belga di Spa-Francorchamps nel weekend del 18 e 19 giugno. L'Oregon Team tornerà in pista però tra sole due settimane, quando sarà contemporaneamente impegnato sullo stesso circuito del Paul Ricard nel Lamborghini Super Trofeo Europa e a Misano nella Clio Cup Italia.

giovedì 19 maggio 2022

GT Open al Paul Ricard con Pulcini e Hites davanti a tutti con la Lamborghini-Oregon Team. Fumanelli su Ferrari 488 Evo in cerca di riscatto.


di Diego Onida

Seconda tappa del campionato internazionale GT Open questo fine settimana sul circuito francese del Paul Ricard. Dopo il successo conquistato al suo esordio nella serie in entrambe le gare disputate tre settimane fa all’Estoril, la Lamborghini Huracan del team Oregon guidata dall’italiano Leonardo Pulcini e dal cileno Benja Hites, si presenta come la vettura da battere. Alle sue spalle in classifica, con un ritardo di sei lunghezze, la McLaren del team Optimum Motorsport condotta dai britannici Nick Moss e Joe Osborne, che hanno esordito con successo nella categoria Pro con due secondi posti. 

Al terzo posto, a pari punti, l’altra vettura del team Oregon condotta dell’olandese Glenn Van Berlo e dall’italiano Kevin Gilardoni insieme alla Mercedes AMG GT3 del team Theeba Motorsport guidata dall’inglese Adam Christodoulou e dalla pilota saudita Reema Juffali. 
E proprio Juffali merita una nota particolare essendo non solo la prima donna pilota proveniente dall’Arabia Saudita, ma anche la fondatrice del team che così spiega il suo programma: «Come squadra, abbiamo uno scopo che si estende oltre la pista ed è nostra ambizione migliorare la rappresentanza dell'Arabia Saudita e l'accesso al motorsport – dice Juffali – Vogliamo anche creare un’opportunità e fornire uno spazio ai sauditi per essere coinvolti con una serie di programmi pratici di stage e apprendistato con l’obiettivo finale di costituire un team a maggioranza saudita che un giorno correrà alla 24 Ore di Le Mans. Stiamo muovendo quest’anno i primi passi nell'International GT Open, una serie che credo offrirà una piattaforma competitiva in cui correre, offrendo allo stesso tempo la possibilità di svilupparsi e imparare. Questo è solo il primo passo, un punto di partenza, in quello che sarà un lungo viaggio per trovare il posto dell'Arabia Saudita nel mondo delle corse automobilistiche e sono estremamente entusiasta di vedere cosa riserverà il futuro». 

A contendere le ambizioni della squadra vincitrice in Portogallo della classe Pro Am un nutrito gruppo di avversari. Tra loro anche il pilota lesmese David Fumanelli, che in coppia con il pilota gentlemen turco Murat Cuhadaroglu, sarà al via con una Ferrari 488 Evo preparata dal team Kessel Racing. Per il brianzolo la voglia di riscatto è grande dopo l’opaco esordio dell’Estoril che lo aveva visto scattare dalla pole assoluta e poi finire fuori dalla zona punti in entrambe le gare. 

«Nonostante le prestazioni fossero buone, in Portogallo non siamo riusciti ad ottenere molto, anche a causa di qualche errore generale – dice Fumanelli – I test svolti in passato al Paul Ricard erano andati bene, anche Murat aveva mostrato un buon feeling con il tracciato e per questo il nostro obiettivo è di rifarci già da questo round». 

Il circuito posto nel sud della Francia non è nuovo per il pilota brianzolo che vi aveva già corso nel 2018 in una tappa del campionato Blancpain entrando nei primi dieci in classifica. 

«La Ferrari è sempre andata forte in questa pista e anche se le caratteristiche sono particolari, personalmente non è un tracciato che amo perché lo trovo un po' piatto con questi colori quasi tutti uguali e le vie di fuga in asfalto. Io preferisco le piste “vecchio stile”, ma è così per tutti e alla fine sarà il cronometro a decretare chi è il più veloce». 

Nutrito il gruppo degli aspiranti al podio di classe Pro Am. A guidare la classifica provvisoria, dietro alla coppia Juffali-Christodoulou, è l’Audi R8 GT3 del team Olimp Racing affidata a Marcin Jedlinski e Karol Basz seconda a 6 punti seguita al terzo posto dalla Ferrari 488 del Kessel Racing di Roman Ziemian e Axcil Jefferies. E sono proprio quest’ultimi gli avversari più temibili con cui Fumanelli e Cuhadaroglu, dovranno fare i conti. Compagni all’interno del box della squadra svizzera, i due dispongono di una vettura uguale e sono determinati a non fare sconti: «Ziemian e Jefferie sono molto forti – continua Fumanelli – Ma anche le squadre equipaggiate con la vettura tedesca, abbiamo visto nel primo round che sono molto competitive e agguerrite». 

Folta la pattuglia degli inseguitori di casa Mercedes, a partire dagli elvetici Dexter Müller e Yannick Mettler (SPS Automotive Performance), Bernhard Laber e Alain Valente (GT Team) e dalle due coppie del team GetSpeed Performance composte da Steve Jans e Sébastien Baud e Janine Shoffner e Moritz Kranz. Sempre in classe Pro Am, il circuito transalpino vedrà l’ingresso di un nuovo pretendente alla vittoria. Con il numero 3, è infatti iscritta l’Audi R8 LMS del team tedesco Aust Motorsport condotta dal tedesco Dino Steiner e al giovane austriaco Max Hofer. 

La lotta per salire sul podio non sarà facile, ma Fumanelli ha già mostrato in passato di riuscire a ricucire il divario dalle posizioni di vertice: «Noi cerchiamo di fare il nostro lavoro al meglio e ci piacerebbe salire sul podio, è questo il nostro obiettivo per il fine settimana» conclude. 

Due le gare in programma nel weekend entrambe trasmesse in diretta streaming sul sito web www.gtopen.net e sul canale GT Open su Youtube, accessibile da tutto il mondo e da tutti i dispositivi; sabato gara 1 (70 minuti) alle ore 16,45 mentre domenica il via di gara 2 (60 minuti), è previsto alle ore 14,05.

mercoledì 18 maggio 2022

GT OPEN / KEVIN GILARDONI AL PAUL RICARD CERCA LA REPLICA DEL 2021 CON LA LAMBORGHINI HURACÁN GT3 BY OREGON TEAM


Soazza, 18 maggio 2022. Vittoria in Gara 1 e il bis nella seconda gara. Un deja-vu per Kevin Gilardoni che affronta questo weekend al Paul Ricard il secondo dei sette appuntamenti dell'International GT Open con l'obiettivo di replicare il doppio successo ottenuto sullo stesso circuito lo scorso anno. Un uno-due che diede il giusto impulso alla stagione 2021 del pilota italosvizzero, lanciato con l'Oregon Team verso la conquista del titolo del Lamborghini Super Trofeo Europa.

A distanza di quasi un anno, Gilardoni ritorna sul tracciato di Le Castellet. Sempre con una Lamborghini della squadra di Jerry Canevisio e Giorgio Testa, ma questa volta al volante della Huracán GT3 Evo con cui ha fatto il proprio esordio ufficiale nella serie continentale all'Estoril il primo weekend di maggio, centrando in equipaggio con l'olandese Glenn van Berlo un terzo e quarto piazzamento assoluto e salendo due volte sul gradino più basso del podio della classe Pro.

"Andiamo al Paul Ricard, su un circuito che lo scorso anno ci è stato molto favorevole - ha commentato Gilardoni - Siamo determinati a fare bene. Il weekend dell'Estoril ha avuto un sapore agrodolce. Ma ora bisogna voltare pagina, cercando di portare a casa più punti possibili, confrontandoci con la solita grinta di sempre in un contesto di equipaggi molto agguerriti".

La tappa del Paul Ricard è la seconda delle sette del calendario dell'International GT Open e inizierà venerdì con i due turni di prove libere della durata di un'ora ciascuno. Sabato alle 11.22 prenderà il via la prima sessione di qualifica da mezzora utile a definire lo schieramento di Gara 1 (70') in programma alle 16.45. La seconda sessione di qualifica scatterà domenica alle 9 e stabilirà la griglia di Gara 2 (60'), la cui partenza lanciata è in programma alle 14.05.
Entrambe le gare verranno trasmesse in live streaming sul canale YouTube del campionato, all'indirizzo www.youtube.com/user/GTOPENseries.

lunedì 2 maggio 2022

GT Open, doppietta Oregon Team all'Estoril con Hites-Pulcini


Due vittorie, la leadership del campionato e un terzo posto. Sul circuito portoghese dell'Estoril, l'Oregon Team bissa il successo di sabato con la Lamborghini Huracán GT3 Evo n.63 divisa da Leonardo Pulcini e Benjamín Hites e chiude con un bilancio straordinario il suo primo weekend nel GT Open. La squadra di Jerry Canevisio e Piergiorgio Testa è andata oltre le aspettative, presentandosi con un biglietto da visita che dà lustro a piloti e team.
Archiviato il trionfo messo a segno nella prima gara e condito dal terzo posto conquistato dall'altro equipaggio formato da Kevin Gilardoni e Glenn van Berlo, a fare il passo oggi è stato inizialmente Hites. Il cileno questa mattina ha ottenuto nel secondo turno di qualifica il sesto tempo, preceduto di 53 millesimi proprio da van Berlo. E alla partenza di Gara 2 ha poi guadagnato due posizioni.

Dopo i pit-stop Pulcini è rientrato ancora quarto, scontando nella sosta l'handicap tempo di dieci secondi per la vittoria di Gara 1 e andando poi a raggiungere e superare la Audi di Marcin Jedlinski. A sei minuti dal termine il pilota romano ha effettuato in rapida successione un doppio sorpasso nei confronti della Mercedes di Reema Juffali e della Ferrari del leader Roman Ziemian che lo ha portato a balzare in testa. A questo punto Pulcini ha solo dovuto amministrare la propria leadership, tenendo dietro fino all'arrivo la McLaren di Joe Osborne.

Sull'altro fronte, un contatto iniziale con la Mercedes di Alain Valente ha fatto compiere un'escursione sulla ghiaia a van Berlo che è rientrato settimo. A 26 minuti dal termine l'olandese è stato rilevato al volante della Lambo n.19 da Gilardoni, il quale gradualmente si è portato terzo. E solo una penalità di tre secondi, a causa di un track limits compiuto da van Berlo nel suo primo stint, ha poi retrocesso quarto il binomio dell'Oregon Team che adesso in campionato occupa la terza posizione a 12 punti dai compagni di squadra Pulcini e Hites.

Si conclude così un fine settimana quasi perfetto per l'Oregon Team, che nel secondo dei sette appuntamenti del calendario in programma il 21 e 22 maggio sul circuito transalpino del Paul Ricard, sarà a tutti gli effetti la squadra di riferimento.

Credits: Foto Speedy

sabato 30 aprile 2022

OREGON TEAM INAUGURA LA STAGIONE DEL GT OPEN CON LA VITTORIA DI PULCINI-HITES E IL TERZO POSTO DI GILARDONI-VAN BERLO


Estoril, 30 aprile 2022. L'Oregon Team debutta nell'International GT Open e va subito a segno, piazzando inoltre entrambe le Lamborghini Huracán GT3 Evo nelle prime tre posizioni. Buona la prima sul circuito portoghese dell'Estoril per la squadra di Cremosano, che al termine di una Gara 1 interrotta nelle fasi iniziali con la bandiera rossa ha salutato il successo di Leonardo Pulcini e Benjamín Hites. A completare il podio Kevin Gilardoni e Glenn van Berlo, che hanno conquistato un ottimo terzo posto.

Pulcini nel primo turno di qualifica di questa mattina aveva ottenuto il quinto responso assoluto ed il secondo tra i Pro, con Gilardoni ottavo e terzo di classe. E alla partenza lanciata lo stesso Pulcini si è avviato molto bene, guadagnando la terza posizione. Lo stesso ha fatto Gilardoni, che è risalito immediatamente settimo. Ma un incidente a centro gruppo nel corso del primo giro che ha coinvolto quattro vetture, ha reso necessaria subito dopo l'esposizione della bandiera rossa.

Al termine di una lunga pausa per pulire la pista dai detriti, si è ripartiti in regime di safety car. Ancora un giro di neutralizzazione e nuovamente il verde, con Pulcini che si è accodato al duo di testa, mentre Gilardoni ha provato a passare la Mercedes di Martin Konrad, dovendosi però guardare pure alle spalle dalla Ferrari di Jamie Stanley. Una lotta che è durata a lungo. Quindi il pilota italosvizzero ha rotto il ghiaccio, riuscendo a sopravanzare il tedesco con una staccata al limite all’ingresso della esse, guadagnando così la sesta piazza.

A 40 minuti esatti dal termine, Gilardoni ha inaugurato i pit-stop lasciando il volante a van Berlo, che è rientrato proprio dietro alla vettura del compagno di squadra Pulcini, anche se con un giro in meno. Il romano ha effettuato la sosta più tardi, venendo rilevato alla guida da Hites. Il cileno è tornato in pista secondo, mentre van Berlo è transitato quinto recuperando progressivamente terreno sulla Mercedes di Janine Shoffner che lo precedeva. L’olandese a 22 minuti dalla fine ha avuto la meglio, guadagnando così il quarto posto ed agguantando anche la Ferrari di Murat Cuhadaroglu, sfilandola nel giro successivo.

Davanti, Hites nel frattempo ha raggiunto la McLaren di Nick Moss e a 8’40” dalla fine l'ha passata di forza prendendo la testa della corsa e mantenendola fino all'arrivo. Van Berlo ha invece confermato il terzo posto.

La seconda sessione di prove ufficiali inizierà domani alle 10 e sarà utile a stabilire lo schieramento di Gara 2 (60 minuti) che scatterà alle 14.30. 

Credits: Foto Speedy

giovedì 28 aprile 2022

GT Open al via all’Estoril. Tra i protagonisti David Fumanelli su Ferrari 488 Evo di Kessel Racing




di Diego Onida


Al via questo fine settimana sul circuito portoghese dell'Estoril, una nuova stagione agonistica per David Fumanelli, impegnato quest'anno nel campionato internazionale GT Open. Per Fumanelli, si tratta di un ritorno nel mondo "GT Open". Pur non avendo mai corso nella serie GT, il brianzolo ha infatti gareggiato ad inizio della sua carriera tre anni nel F3 Open, conquistando il terzo posto nel 2010 ed il titolo di vice campione nel 2011. E oggi, dopo la parentesi non troppo fortunata questo inverno nel campionato Asian le Mans Series, torna alle competizioni in questa prestigiosa serie europea al volante di una Ferrari 488 Evo preparata dal team Kessel Racing sempre in coppia con il pilota gentlemen turco Murat Cuhadaroglu, che dopo aver ottenuto il titolo Am nel GT italiano sprint lo scorso anno proprio con il brianzolo, è pronto a lanciarsi in questa nuova sfida.


«È un programma all'insegna della continuità dopo il successo dello scorso anno, Murat prosegue il suo percorso ProAm in un campionato internazionale come il GT Open – dice Fumanelli – Abbiamo svolto dei test positivi in cui Murat ha confermato la sua crescita come pilota gentlemen con una vettura GT3». 

Giunto alla sua 17° edizione, il livello della serie si annuncia alto grazie alle prestazioni agonistiche delle vetture GT3 che si daranno battaglia su alcune dei più importanti tracciati europei e che vedono impegnate anche le vetture di formula 1. 

«Ci sarà un ottimo livello – continua Fumanelli – I circuiti sono tutti da formula uno, la griglia è molto folta e anche se non c'è una lista ufficiale, le attese parlano di circa 25 vetture GT3 al via di cui e di queste dieci / dodici vetture in classe ProAm, quella più competitiva e più agguerrita». 


Il campionato sarà quindi molto combattuto e se nella classe Pro, farà il suo esordio dopo il successo ottenuto al debutto lo scorso anno sulla pista di Monza l'Oregon Team con due Lamborghini, una affidata a Leonardo Pulcini e Benji Hites e a Kevin Gilardoni e Glenn Van Berlo, sarà la classe ProAm a vedere le sfide più avvincenti. Fari puntati sul team Kessel che schiera ben quattro vetture, tre Ferrari 488 Evo in classe ProAm con le coppie Omar Jackson-Charlie Hollings, Roman Ziemian-Axil Jefferies oltre allo stesso Fumanelli-Cuhadaroglu ed una in classe Am affidata allo statunitense Stephen Earle e all'italiano Erwin Zanotti. Obiettivo dichiarato per Fumanelli è fare bene e congedare così al meglio una vettura, la Ferrari 488 GT3 che molte soddisfazioni ha dato sulle piste di tutta Europa: «Sarà il suo ultimo anno in attesa dell'arrivo il prossimo gennaio della 296 GT3 e per questo cercheremo di chiudere il ciclo di questa vettura super vincente portando a casa, magari, un altro titolo». 

Raggiungere questo traguardo non sarà però di certo facile, anzi, i contendenti che ambiscono a salire sul podio sono tanti e tutti molto agguerriti: «Dobbiamo verificare i partecipanti, sono curioso per questa prima gara e vedere dove siamo con le nostre prestazioni – conclude il brianzolo – Sicuramente l'obiettivo è lottare stabilmente per le prime cinque posizioni puntando a qualche podio. Non sarà impresa facile perché ci sono piloti gentlemen più esperti e più veloci di Murat, ma noi cercheremo di fare al meglio il nostro lavoro, studiando le migliori strategie, pronti a sfruttare le occasioni che in gara ci potranno essere offerte».








venerdì 18 febbraio 2022

International GT Open, Benjamín Hites completa la line-up 2022 dell'Oregon Team


Cremosano, 18 Febbraio 2022. Oregon Team al completo nell'International GT Open. Dopo avere definito il primo dei due equipaggi Pro con i quali quest'anno esordirà nel campionato, affidando la Lamborghini Huracán GT3 Evo numero 19 a Kevin Gilardoni e Glenn van Berlo, la squadra di Jerry Canevisio e Giorgio Testa annuncia anche l'arrivo di Benjamín Hites.
Il veloce cileno affiancherà il già confermato Leonardo Pulcini (nel 2021 con Oregon Team, assieme allo stesso Gilardoni, campione del Lamborghini Super Trofeo Europa) sulla vettura della Casa di Sant'Agata Bolognese contraddistinta dal numero 63.
Hites, che ha solamente 22 anni, ha già maturato un'importante esperienza nel GT World Challenge Europe in cui ha militato nelle ultime due stagioni prendendo parte sia alla serie Endurance sia a quella Sprint. Con il suo arrivo l'Oregon Team ha completato una line-up Pro di qualità, formata da piloti giovanissimi.

"Con Benjamín possiamo dire di essere pronti per questa nuova sfida, che ci vedrà affacciarci con Lamborghini in un campionato di riferimento come l'International GT Open - ha commentato Canevisio - Quest'anno potremo sicuramente contare su piloti veloci e fortemente determinati a puntare al successo”.

La stagione 2022 dell'International GT Open scatterà a metà marzo con i test ufficiali in programma sul circuito spagnolo di Montmeló (Barcellona). Il primo dei sette appuntamenti del calendario si svolgerà invece nel weekend dell'1 maggio sul tracciato portoghese dell'Estoril.

mercoledì 9 febbraio 2022

International GT Open / Glenn Van Berlo è la prima new entry 2022 dell'Oregon Team


Cremosano, 9 Febbraio 2022. Oregon Team affila le armi in vista del proprio debutto nell'International GT Open, in cui sarà presente con due Lamborghini Huracán GT3 Evo.
Dopo aver annunciato Leonardo Pulcini e Kevin Gilardoni, assieme campioni 2021 del Lamborghini Super Trofeo Europa, la squadra di Jerry Canevisio e Giorgio Testa svela anche il nome del giovanissimo Glenn van Berlo. L'olandese, che solo qualche settimana fa ha compiuto 20 anni, affiancherà proprio Gilardoni sulla vettura n.19, completando così il primo dei due equipaggi Pro.

Classe 2002, Van Berlo proviene anche lui dal monomarca riservato alle vetture della Casa di Sant'Agata Bolognese, in cui ha esordito lo scorso anno conquistando un secondo posto al Nürburgring ed altri tre terzi piazzamenti che gli hanno consentito di chiudere quarto la stagione. Sempre nel 2021, l'olandese ha preso parte alla 24 Ore di Spa-Francorchamps. Alla pari di Gilardoni, può inoltre vantare un importante trascorso in monoposto, avendo militato nel 2020 nell'Euroformula Open, laureandosi l'anno prima vicecampione della F4 spagnola.

"Siamo felici di avere con noi Glenn van Berlo, portando così un altro pilota giovane ad esordire nel GT Open con la Lamborghini - ha commentato Canevisio - Sono sicuro che lui e Gilardoni potranno agevolmente inserirsi tra gli equipaggi top del campionato”.

A breve verrà ufficializzato anche il quarto pilota che si dividerà il volante della Lamborghini Huracán GT3 Evo n. 63 con Pulcini. A metà marzo a Barcellona si svolgeranno invece i test ufficiali, in vista del primo dei sette round del calendario in programma sul circuito portoghese dell'Estoril il primo weekend di maggio.

Credits: Oregon Team Press

mercoledì 15 dicembre 2021

Oregon Team al debutto nel GT Open con le Lamborghini Huracán GT3 Evo


Oregon Team punta tutto sul 63 e 19, ovvero i numeri delle due Lamborghini Huracán GT3 Evo con cui il prossimo anno farà il proprio debutto nell'International GT Open. Un salto di categoria importante per la squadra guidata da Jerry Canevisio e Giorgio Testa, nell'ambito di un programma ben definito che ha preso il via la scorsa stagione con l'esordio nel Lamborghini Super Trofeo Europa e culminato con la conquista del titolo Pro 2021 con l'equipaggio composto da Kevin Gilardoni e Leonardo Pulcini.
Per il 2022 Oregon Team non solo riconferma la propria partecipazione al monomarca riservato alle nuove Lamborghini Huracán Super Trofeo EVO2 con due vetture, ma raddoppia il proprio impegno legato alla Casa di Sant'Agata Bolognese facendo dunque il proprio ingresso in quella che è una delle serie di riferimento del panorama Gran Turismo a livello continentale.
Una sfida, quella dell'International GT Open, che Oregon Team affronterà puntando su due differenti equipaggi e gli stessi Pulcini e Gilardoni, che nella circostanza si separeranno salendo rispettivamente sulla 63 e sulla 19 (sempre nella caratteristica livrea fucsia-giallo-verde), mentre sono ancora da definire i nomi dei piloti che li andranno ad affiancare.

"Siamo entrati nel Lamborghini Super Trofeo Europa con l'obiettivo di vincere e in due anni siamo riusciti a farlo. Adesso approdiamo nel GT Open con le stesse motivazioni. Pur essendo al nostro debutto in un campionato GT3, sappiamo di potere contare sul supporto di Lamborghini e dei suoi ingegneri. Abbiamo un'eredità importante: quella di un altro team professionale come quello di Vincenzo Sospiri, che nel 2021 ha portato alla Casa di Sant'Agata Bolognese il quarto titolo nella stessa serie - ha commentato Canevisio - Proseguiremo anche il nostro impegno nel Super Trofeo, cercando di concentrarci specialmente sui giovanissimi che approdano in questo monomarca per poi salire ulteriormente di categoria”.

Sette gli appuntamenti del calendario dell'International GT Open, che prenderà il via a inizio maggio sul circuito portoghese dell'Estoril, spostandosi tre settimane dopo al Paul Ricard. A giugno sarà la volta di Spa-Francorchamps, mentre a luglio si approderà sul tracciato magiaro dell'Hungaroring. A settembre la serie farà dunque tappa sulla pista del Red Bull Ring, in Austria, e a fine mese a Monza, unico round tricolore prima del gran finale di Barcellona il 15 e 16 ottobre.

Sarà un 2022 molto intenso per l'Oregon Team, che contemporaneamente proseguirà il proprio impegno nella Clio Cup Europe.

lunedì 25 ottobre 2021

GT OPEN/ WEEKEND DOLCE E AMARO A BARCELLONA PER SCHOLZE E SPINELLI (AKM MOTORSPORT)



Si chiude con una vittoria di classe (quella ottenuta nella prima gara di sabato) ed il ritiro di domenica la stagione 2021 dell'International GT Open. A Barcellona il conclusivo appuntamento della serie ha infatti riservato un finale dolce e amaro per il team AKM Motorsport by Antonelli.


Peccato, perché per come era iniziata Gara 2 l'epilogo poteva sicuramente essere ben differente. In Gara 1 la Mercedes-AMG GT3 divisa anche in questa occasione da Loris Spinelli e Florian Scholze, aveva concluso quarta con il binomio italo-tedesco primo nella classe Pro-Am. Una vittoria conquistata grazie alla rimonta compiuta da Scholze nel suo primo stint di guida, con Spinelli protagonista nelle fasi finali in cui è ulteriormente risalito di un paio di posizioni per andare ad agguantare un successo strameritato.


Domenica, dopo un secondo turno di prove ufficiali un po' complicato e al termine del quale lo stesso Spinelli ha stampato il quarto tempo, l'abruzzese al via di Gara 1 ha subito rimontato due posizioni portandosi secondo. Ma un contatto avuto nelle concitate fasi iniziali con l'altra Mercedes della AKKA guidata da Thomas Drouet, ha finito per danneggiare lo splitter anteriore ed i relativi attacchi della vettura di Spinelli, il quale ha proseguito ancora per un paio di giri prima di doversi definitivamente fermare ai box.


Cala così il sipario su una stagione comunque molto positiva per la squadra guidata da Marco Antonelli, che ha visto Spinelli ottenere due vittorie assolute all'Hungaroring assieme a Gianluca Giraudi e a Imola in equipaggio singolo. E ancora Scholze conquistare un terzo piazzamento assoluto e una vittoria in Pro-Am al Red Bull Ring con Nico Bastian, oltre a cinque successi in Am in coppia con Jens Liebhauser. Solo alcuni dei risultati di rilievo che hanno completato un totale di 15 podi di classe e quattro assoluti (vittorie incluse).


Per il team AKM Motorsport by Antonelli il prossimo impegno sarà tra meno di una settimana a Monza, per l'ultimo appuntamento dell'Italian F4 Championship powered by Abarth.


Credits: Foto Speedy




domenica 24 ottobre 2021

GT Open/ Beretta-Schandorff (Lamborghini VSR) sono i campioni 2021



Michele Beretta e Frederik Schandorff hanno conquistato il titolo di Campioni dell'International GT Open 2021 a Barcellona, nella penultima gara della stagione. Un settimo posto è stato sufficiente ai piloti di Vincenzo Sospiri Racing per mettere fine alla rincorsa, concludendo appena dietro al loro rivale più diretto, Andy Soucek, sesto con la Porsche Lechner Racing condivisa con Al Faisal Al Zubair.


La gara è stata vinta dalla Mercedes 2Seas Motorsport di Ethan Simioni e Martin Kodrić, protagonisti di una gara perfetta con seconda vittoria in due partecipazioni. Hanno preceduto Jim Pla-Thomas Drouet sulla Mercedes AKKA ASP e l'altra coppia di VSR, Yuki Nemoto-Baptiste Moulin, al loro quinto podio della stagione.


Gara 1 ha anche incoronato i campioni Pro-Am 2021, con Brendan Iribe-Ollie Millroy che hanno conquistato il titolo al volante della McLaren Inception Racing, finendo terzi  in una gara vinta da Florian Scholze-Loris Spinelli (Mercedes AKM Motorsport). La vittoria della gara in Am è stata per un'altra Mercedes, quella di Baporo Motorsport con Daniel Díaz-Varela e Jaume Font.

sabato 23 ottobre 2021

GT OPEN/ SCHOLZE E SPINELLI CONQUISTANO CON AKM MOTORSPORT LA VITTORIA DI CLASSE NELLA PRIMA GARA DI BARCELLONA


Barcellona, 23 ottobre 2021. Inizia con un quarto posto assoluto e la vittoria nella Pro-Am il weekend di Barcellona, ultimo round 2021 dell'International GT Open. Ad andare a segno nella propria classe nella prima delle due gare in programma sul circuito di Montmeló è stato l'equipaggio composto da Loris Spinelli e Florian Scholze, che si sono alternati nell'ordine al volante della Mercedes-AMG GT3 del AKM Motorsport by Antonelli.
Decimo nel primo turno di qualifica di questa mattina e quinto della propria classe, è stato appunto Scholze a sostenere il primo stint di guida. Il tedesco al pronti-via ha subito recuperato tre posizioni, risalendo settimo e terzo della Pro-Am.

Dopo dieci giri l’uscita di una vettura della Cup nelle retrovie ha chiamato in causa la prima safety car. Alla ripartenza Scholze ha quindi mantenuto la propria posizione, fermandosi subito dopo ai box per compiere il pit-stop e lasciare la vettura nelle mani del suo compagno.
Spinelli è ritornato in pista quinto e leader di classe, dovendosi però guardare dagli attacchi della Porsche di Andy Soucek. A 16 minuti dallo scadere del tempo utile, l'abruzzese ha pertanto infilato la Lamborghini di Michele Beretta all’interno dell’ultima curva che conduce sul rettilineo, e lo stesso hanno fatto Soucek e Joe Osborne (McLaren), con quest'ultimo che ha avuto la meglio portandosi davanti ma poi penalizzato per avere tamponato proprio la Mercedes della squadra guidata da Marco Antonelli e in seguito scivolato dietro. Un contatto che ha danneggiato lo scarico della vettura tedesca, che ne ha pagato le conseguenze in termini di velocità.
Subito dopo Soucek è riuscito a portarsi anche davanti a Spinelli. Ma l'italiano si è ripreso di forza la quarta posizione e alla fine, dopo una seconda neutralizzazione resasi necessaria a poche tornate dal termine, ha tagliato il traguardo al comando nella Pro-Am.
Una vittoria che per Spinelli è la terza, dopo quella ottenuta all'Hungaroring assieme a Gianluca Giraudi e a Imola nella Pro in equipaggio singolo, centrando in entrambe le occasioni anche il successo assoluto. Sigillo numero due nella Pro-Am per Scholze, a segno con Nico Bastian nella seconda gara del Red Bull Ring. Anche se il tedesco può vantare quest'anno altre cinque vittorie in Am assieme al connazionale Jens Liebhauser.

Domani il secondo turno di qualifica prenderà il via alle 9, con la seconda e ultima gara della stagione, della durata di 60 minuti, che scatterà alle 13.25, sempre con la diretta streaming su https://www.youtube.com/user/GTOPENseries.

Credits: Foto Speedy


venerdì 22 ottobre 2021

GT OPEN/ AKM MOTORSPORT A BARCELLONA CON SCHOLZE E SPINELLI PER IL GRAN FINALE DI STAGIONE


Barcellona, 22 ottobre 2021. Il team AKM Motorsport by Antonelli scende in pista questo weekend sul circuito di Montmeló, a Barcellona, per il conclusivo appuntamento della stagione dell'International GT Open.

La squadra guidata da Marco Antonelli conferma l'equipaggio Pro-Am composto da Loris Spinelli e Florian Scholze, che ancora una volta si alterneranno al volante della Mercedes-AMG GT3.
Dopo avere raccolto due quarti piazzamenti di classe nel più recente round di Monza che si è svolto un mese fa, il binomio italo-tedesco punta in questa occasione a riscattarsi. Spinelli quest'anno ha ottenuto due vittorie assolute, all'Hungaroring assieme all'altro pilota italiano Gianluca Giraudi, e ancora a Imola in equipaggio singolo.
Scholze ha invece centrato cinque successi nella classe Am al fianco di Jens Liebhauser. Oltre a ciò ha messo a segno una vittoria nella Pro-Am ed un podio assoluto in occasione della tappa del Red Bull Ring, assieme a Nico Bastian.
Proprio sul tracciato di Montmeló, Spinelli aveva concluso la stagione 2019 ottenendo una vittoria con il compagno di squadra Daniel Zampieri, anche in quella circostanza al volante di una Mercedes del team Antonelli Motorsport.

Dopo le prove libere di oggi, il primo turno di qualifica è in programma domani alle 10.40 e precederà la prima gara di 70 minuti che scatterà alle 14.55. Le qualifiche 2 prenderanno il via domenica alle 9, seguite dalla seconda gara (della durata di un'ora) con il semaforo verde alle 13.25.
Gara 1 e 2 verranno trasmesse in live streaming su https://www.youtube.com/user/GTOPENseries.

Credits, Foto Speedy

lunedì 27 settembre 2021

INTERNATIONAL GT OPEN/ PODIO E POLE SFIORATA PER JACOPO GUIDETTI A MONZA


Una grande dimostrazione di talento, velocità pura e intelligenza tattica. L’esordio di Jacopo Guidetti nell'International GT Open si è concluso con un podio in gara-1, una pole position sfiorata e un bagaglio di esperienza che sicuramente tornerà molto utile in vista del futuro. Il round andato in scena a Monza ha visto il 18enne pilota di JAS Motorsport in grado di inserirsi subito tra i grandi protagonisti del campionato, per quella che è stata a tutti gli effetti una gara “extra” rispetto al programma stagionale di Jacopo nel Campionato Italiano Gran Turismo.

Una sfida che il giovane pilota di Solferino ha affrontato senza alcun timore reverenziale, mettendo in mostra un’eccellente performance sia sul giro secco che sul passo gara al volante della Honda NSX GT3 Evo schierata dal team Reno Racing. Presente al via dell’appuntamento brianzolo in coppia con un pilota del calibro di Marco Bonanomi (driver coach dello stesso Guidetti nel corso di questa stagione), Jacopo ha sfoggiato le proprie doti in una competizione di livello internazionale, confermandosi come uno dei giovani più promettenti nell’ambito del panorama GT.

Il bilancio finale parla infatti di un terzo posto assoluto ottenuto in gara-1 e di un quarto nella manche successiva, condizionata però da una forte pioggia che ha contribuito non poco ad alterare i valori in campo. Una gara, quest’ultima, in cui Guidetti è scattato dalla prima fila dello schieramento, dopo aver mancato la pole position per soli 5 millesimi in un turno di qualifica dove il pilota lombardo è riuscito a sfruttare un solo giro lanciato prima che la pista diventasse bagnata.
In ogni caso, l’obiettivo primario di Jacopo è stato ampiamente raggiunto, ovvero quello di trarre preziosa esperienza da un fine settimana disputato in un contesto per lui inedito e di grande livello qualitativo. Sin dalle prove libere, Guidetti e Bonanomi si sono piazzati nelle posizioni di vertice, con il pilota lecchese che ha ottenuto la seconda piazza nella Qualifica 1.

Proprio lo stesso Bonanomi (come previsto dal regolamento) ha preso il via di gara-1, cedendo la vettura a Jacopo in seconda posizione grazie anche ad un’azzeccata strategia di gara. Una volta preso il controllo della vettura, Guidetti si è subito messo a caccia del leader della gara, riducendo progressivamente il distacco ma accusando nel finale un drastico calo nella performance degli pneumatici. Impossibilitato a mantenere il medesimo ritmo, Jacopo ha quindi dovuto cedere la piazza d’onore nelle battute conclusive, conquistando in ogni caso un eccellente terzo posto sull’ambito podio di Monza.

La giornata di Domenica 26 Settembre si è quindi aperta con minacciose nubi ad incombere sull'Autodromo Nazionale. Durante la sessione di qualifica, infatti, i piloti hanno potuto disporre di pochissimi minuti su asfalto asciutto, prima che la pioggia iniziasse a fare sentire la propria presenza. In simili condizioni, Guidetti è stato abilissimo nel riuscire a sfruttare al meglio l’unico tentativo a propria disposizione, stampando un 1'48.833 che lo ha portato a soli 5 millesimi da quella che sarebbe stata una pole clamorosa.


Proprio pochi istanti prima del via, la pioggia è tornata a cadere in maniera copiosa: il team ha quindi deciso di richiamare Jacopo ai box al termine del Formation Lap, rispedendolo in pista con gomme rain. Il portacolori JAS Motorsport si è comportato ottimamente in condizioni non certo facili, completando il proprio stint con tempi molto competitivi prima di cedere il volante a Bonanomi per la seconda parte di gara. Quest’ultimo ha poi messo a frutto tutta la propria esperienza, riuscendo a risalire fino alla quarta posizione finale sotto la bandiera a scacchi.

“Il bilancio del week-end è estremamente positivo – sottolinea Guidetti – poiché ho avuto l’opportunità di cimentarmi in un campionato nuovo e di livello internazionale con ottimi risultati alla mia prima esperienza. Abbiamo lavorato molto duramente, sia con il team che con il mio compagno di squadra, per migliorare la macchina e adattarla di volta in volta alle differenti condizioni climatiche. Ma i risultati che siamo riusciti a cogliere ci ripagano degli sforzi compiuti e ci regalano un’ulteriore spinta verso il futuro. Dal punto di vista personale sono molto soddisfatto, visto che sono riuscito ad aumentare il mio bagaglio d’esperienza girando su tempi competitivi sia in qualifica che in gara. Desidero ringraziare JAS Motorsport per questa magnifica opportunità, così come il mio compagno Marco Bonanomi e il team Reno Racing, con cui abbiamo svolto un lavoro molto proficuo. Un ringraziamento va anche ai miei sponsor, alla mia famiglia e a tutti coloro che mi fanno sentire il proprio sostegno. Adesso torneremo a concentrarci sul GT Italiano in vista del round finale del campionato”

Jacopo Guidetti tornerà in pista al Mugello nel week-end del 6-8 Ottobre, in occasione dell’appuntamento conclusivo del Campionato Italiano GT Sprint.





GT Open/ A Monza, AKM Motorsport sfiora due volte il podio di classe con Spinelli e Scholze (Mercedes)


Un vortice di colpi di scena ha caratterizzato per il team AKM Motorsport by Antonelli il sesto dei sette doppi appuntamenti dell'International GT Open che si è disputato questo fine settimana a Monza.


Sul circuito brianzolo la squadra guidata da Marco Antonelli si è presentata con un equipaggio inedito formato da Loris Spinelli e Florian Scholze, chiamati in questa circostanza a darsi il cambio sulla Mercedes-AMG GT3 n.47. Sulla carta un binomio Pro-Am perfetto quello italo-tedesco. Anche se poi le cose non sono andate proprio per il verso giusto.


Il weekend monzese si è infatti rivelato quanto meno caotico, fin dalla prima sessione di qualifiche di sabato mattina. Una sessione condizionata da una doppia bandiera rossa che ha impedito a Scholze di completare un giro buono. Risultato, il 14° responso assoluto ed il quinto della propria classe. Il pilota tedesco, in Gara 1 autore del primo stint di guida, è progressivamente riuscito a risalire diverse posizioni, prima di cedere il volante a Spinelli, che alla fine ha concluso nella top-10 overall, portando a casa il nono posto assoluto ed il quarto di categoria.


Proprio Spinelli è sceso in pista questa mattina per il secondo turno di prove ufficiali. Ma dopo soli dieci minuti della mezzore utile, si è abbattuto un acquazzone torrenziale che ha impedito di migliorarsi a chi non lo aveva fatto prima. L'abruzzese nonostante tutto ha concluso ottavo e nuovamente quarto della Pro-Am.


Poi la pioggia è stata ancora protagonista di Gara 2. Spinelli, partito con le gomme da asciutto, dopo due giri è infatti dovuto rientrare ai box per montare le rain in corrispondenza con un peggioramento drastico delle condizioni meteo. L'italiano ha quindi rimontato fino ad agguantare la leadership di classe. Nelle soste a salire in macchina è stato Scholze e contemporaneamente è stato montato sulla Mercedes un altro set di gomme da bagnato. Il tedesco ha però lamentato una mancanza di grip e alla fine è scivolato 12° e ancora quarto della Pro-Am.


Prossimo appuntamento dell'International GT Open, l'ultimo di questa stagione, si disputerà sul circuito di Montmeló, a Barcellona, il 23 e 24 ottobre.


Credits: Foto Speedy


domenica 26 settembre 2021

Concluso l'affollato weekend dell’International GT Open all’Autodromo Nazionale Monza


Ci ha pensato la pioggia a mettere in difficoltà i piloti dell’International GT Open che nel fine settimana hanno corso all'Autodromo Nazionale Monza. Il tempo avverso ha imperversato per tutta la giornata di domenica, costringendo i team a correre le due gare del campionato più atteso in condizioni completamente opposte.

Il sabato, sull’asciutto, trionfa la Mercedes AMG GT3 2020 di un team debuttante nella serie, 2 Seas Motorsport, con il duo Ethan Simioni-Martin Kodrić che precede i leader della classifica generale Michele Beretta e Frederik Schandorff su Lamborghini Huracan GT3 EVO. Grande risultato anche per la coppia italiana formata da Marco Bonanomi e Jacopo Guidetti, che con la Honda NSX GT3 EVO (team Reno Racing) concludono sul gradino più basso del podio dopo uno splendido secondo posto in qualifica. Beretta-Schandorff conducono la gara fino alla sosta ai box, ma la strategia premia la coppia Simioni-Kodrić, che si ferma più tardi e rientra in pista in prima posizione, chiudendo al comando.

Gara-2 la domenica pomeriggio si corre sul bagnato e in condizioni al limite, soprattutto negli ultimi giri, quando lunghi e uscite di pista la fanno da padrona. A spuntarla è la Ferrari 488 GT3 EVO #333 dell’italiano Fabrizio Crestani e di Benjamin Hites (Rinaldi Racing). Il duo italo-cileno, partito dalla terza posizione, azzecca la strategia, mette le gomme da bagnato prima dei rivali e riesce a portare a casa il successo davanti alla Porsche 911 GT3-R II 2019 condotta da Al Faisal Al Zubair e Andy Soucek (Lechner Racing). Altro podio per la coppia Beretta-Schandorff di Vincenzo Sospiri Racing, questa volta sul gradino più basso.

Doppietta per il Team Motopark in gara-1 dell’Euroformula Open, con Cameron Das che, dopo aver ottenuto la pole, conquista una vittoria di misura davanti al suo compagno di squadra Christian Mansell. Entrambi guidano una Dallara F320 Spiess. Al terzo posto finisce Cem Bolukbasi su Dallara F320 HWA. Gara-2 e gara-3 si disputano interamente sotto la pioggia. 


Nella corsa della mattina a vincere è Casper Stevenson del team Van Amersfoort Racing davanti al suo compagno di squadra Bolukbasi, ancora a podio. Terza piazza per Filip Kaminiarz del CryptoTower Racing Team. Nella corsa del pomeriggio trionfa ancora Das davanti a Bolukbasi, mentre al terzo posto arriva Enzo Trulli, figlio dell’ex pilota di F1 Jarno, che a soli 15 anni e alla sua prima apparizione a Monza ottiene un grande risultato.

Le gare del TCR Europe sono entrambi spettacolari. Nell’appuntamento del sabato è lotta tra Mikel Azcona e Franco Girolami, rispettivamente primo e secondo in classifica generale. La vittoria va all’argentino su Honda Civic Type R FK7 TCR, ma Azcona, con la sua CUPRA Leon Competición TCR, riesce a rimontare dalla settima alla seconda piazza, tentando anche il sorpasso sul rivale in un’emozionante ultimo giro. Completa il podio la Audi RS 3 LMS di Tom Coronel che si conferma in terza posizione anche in gara-2. L’appuntamento domenicale è combattuto quanto il primo, ma a vincere questa volta è Girolami, che taglia il traguardo con due secondi di margine sulla Hyundai i30 N TCR di Mat’o Homola.

Phil Stratford su Benetton B197 vince la gara del sabato della Maxx Formula. Dopo essere finito in barriera durante le qualifiche ed essere partito dal fondo della griglia, il pilota statunitense del team Penn Elcom Racing, alla guida di una Formula 1, domina l’appuntamento del sabato tagliando il traguardo con oltre 30 secondi di vantaggio sugli svizzeri Martin Kindler (Jenzer Motorsport) e Kurt Böhlen (Speed-Center), entrambi su GP2. La domenica Böhlen e Stratford si confermano sul podio, ma questa volta a vincere è il primo, mentre il pilota americano si deve accontentare del secondo posto. Sul gradino più basso sale invece Wolfgang Jordan del team H&A Racing, anche lui su una GP2.

Sono due gli appuntamenti della Porsche Carrera Cup Deutschland tra sabato e domenica. In gara-1 del sabato è Ayhancan Güven (Phoenix Racing) ad aggiudicarsi la vittoria. Dietro di lui si posizionano Laurin Heinrich del team Van Berghe Huber e Leon Köhler del Nebulus Racing by Huber. La domenica Güven si conferma a podio, ma in seconda posizione. Al primo posto arriva Larry Ten Voorde del team GP Elite, mentre il rookie Bastian Buus (Allied Racing) finisce terzo. Tutti i piloti della serie guidano delle Porsche 911 GT3 Cup.

Il Championnat de France F4, serie monomarca di F4 Mygale, ha corso a Monza due gare nel fine settimana monzese, contro le tre previste. La terza corsa è stata annullata per pioggia. Negli unici due appuntamenti, il sabato pomeriggio e la domenica mattina, il risultato finale è identico. A vincere due volte è Elliot Vayron, davanti a Macéo Capietto e Daniel Ligier.

All’Autodromo Nazionale Monza si torna in pista la prossima settimana con le gare del Peroni Race Weekend, già protagonista sul circuito brianzolo lo scorso maggio. Tra l’1 e il 3 ottobre ben undici campionati saranno impegnati nel Tempio della Velocità, per un altro weekend che si preannuncia entusiasmante. Maggiori informazioni si possono trovare su www.monzanet.it. (f.m.)

> Foto Claudio Pezzoli-New Reporter Press

International GT Open a Monza (sabato), le foto di Raul Zacchè-Actualfoto

Autodromo Nazionale Monza, 25 settembre 2021
International GT Open
le foto di Raul Zacchè-Actualfoto
riproduzione riservata