Visualizzazione post con etichetta IMSA WeatherTech SportsCar Championship. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta IMSA WeatherTech SportsCar Championship. Mostra tutti i post

martedì 27 settembre 2022

Equipaggio inedito per Cetilar Racing a Road Atlanta per la Petit Le Mans


Braselton, 26 settembre 2022 - Dopo una lunga pausa, la serie Michelin Endurance Cup dell'IMSA WeatherTech Sportscar Championship ritorna in pista questa settimana, per il quarto e conclusivo appuntamento della stagione, e assieme ad essa anche il team Cetilar Racing.


Dopo avere conquistato quest'anno una memorabile vittoria nella GT Daytona in occasione della 12 Ore di Sebring ed un ottimo quarto posto di classe nel più recente round di Watkins Glen con Roberto Lacorte, Giorgio Sernagiotto e Antonio Fuoco, la squadra tutta italiana affronta la 25ª edizione della Motul Petit Le Mans con una novità.


Ad alternarsi sulla Ferrari 488 GT3 Evo 2020 numero 47 come sempre gestita dalla AF Corse, oltre a Lacorte e Sernagiotto ci sarà infatti il giovane belga Ulysse De Pauw. Quest'ultimo (21 anni compiuti a inizio settembre), per l'occasione prenderà il posto di Fuoco, costretto a dare forfait a causa di un concomitante impegno.

De Pauw, nonostante la sua giovane età, è il neocampione Sprint Cup in classe Silver del Fanatec GT World Challenge Europe powered by Aws, nonché reduce dalla vittoria assoluta conquistata appena due settimane fa proprio con una Ferrari 488 GT3 della AF Corse sul circuito di Valencia, la seconda per lui messa a segno quest'anno dopo quella ottenuta nel primo appuntamento di Brands Hatch. Per lui, come per Lacorte e Sernagiotto, si tratterà del debutto sul tracciato di 2,54 miglia di Road Atlanta (nella Georgia), su cui i due piloti italiani hanno già svolto nei giorni scorsi una sessione di test.


Nella classifica della classe GTD, Lacorte e Sernagiotto occupano attualmente il quinto posto, a sole dieci lunghezze dai leader Brendan Iribe-Ollie Millroy-Jordan Pepper (McLaren). Ed anche in questa occasione verranno assegnati i punti al termine di ogni frazione di quattro ore sulle 12 complessive di gara.


"Pensavamo che quella del Glen fosse la pista più emozionante e più rappresentativa del mondo delle corse americane; questo finché non abbiamo scoperto Road Atlanta, che è un tracciato ancora più impegnativo, con curve veloci e passaggi molto rischiosi che impongono un ritmo indiavolato - ha commentato Lacorte - Questa pista rappresenta per me la massima espressione della filosofia dell'automobilismo a stelle e strisce. Ciò significa però che dovremo tenere una condotta molto attenta, perché qui ogni errore si paga caro, ancora di più rispetto ad altri circuiti. Una pista con tante componenti di rischio, molto tortuosa e pertanto difficile anche per il traffico. In questa gara ci raggiungerà De Pauw, dal momento che per motivi strategici di collaborazione con Ferrari non potrà esserci Antonio Fuoco. Voglio dare un benvenuto a Ulysse, un ragazzo giovanissimo, con un palmarès eccezionale".


"Per tutti noi si tratta di un'ennesima nuova sfida, su una pista che non perdona, con vie di fuga inesistenti, dove confrontarci con i piloti americani sarà un ulteriore elemento di difficoltà - ha aggiunto Sernagiotto - Abbiamo una vettura ben bilanciata. Il feeling in generale è molto buono e sono davvero contento dell'arrivo di Ulysse, un giovane molto promettente, al quale voglio dare il benvenuto nella famiglia Cetilar Racing".

"Sono davvero strafelice di entrare a far parte della famiglia Cetilar Racing per prendere parte a questa mitica gara - ha spiegato De Pauw - Dopo una stagione ricca di successi in Europa, non vedo l'ora di affrontare questa nuova avventura in America, dove correrò per la prima volta. Personalmente cercherò di dare il meglio per aiutare Roberto e Giorgio a portare a casa un risultato importante. Un grande grazie a Cetilar Racing per questa fantastica opportunità".


Il fine settimana di Road Atlanta prenderà il via giovedì con i tre turni di prove libere. Venerdì sono in programma invece le qualifiche, mentre sabato mattina si svolgerà il consueto warm-up. La Motul Petit Le Mans scatterà infine sempre sabato, alle 12.10 locali (quando in Italia saranno le 18.10), per concludersi esattamente 12 ore dopo.


ph Fabio Taccola 

lunedì 27 giugno 2022

6 ORE DI WATKINS GLEN, CETILAR RACING QUINTA DI CLASSE PER IMPREVISTI NEL FINALE DI GARA



Watkins Glen, 26 giugno 2022 - Non ha avuto l'epilogo che ci si attendeva per il team Cetilar Racing, la 6 Ore di Watkins Glen, terzo round della Michelin Endurance Cup che si disputa all'interno della serie IMSA WeatherTech Sportscar Championship. 


A scombinare i piani dell'equipaggio della Ferrari 488 GT3 Evo 2020 numero 47 gestita dalla AF Corse, è stata infatti una bandiera rossa esposta a 90 minuti dal termine per un violento temporale che ha interessato la zona del circuito. Un'interruzione tutt'altro che provvidenziale ai fini del risultato per Roberto Lacorte, Giorgio Sernagiotto e Antonio Fuoco, reduci dalla vittoria in GTD conquistata nella prestigiosa 12 Ore di Sebring, protagonisti di una condotta tutta in crescendo. Alla fine per loro è arrivato il quinto posto di classe, ma con un altro fuori programma nelle fasi conclusive senza il quale si sarebbe potuto ambire sicuramente al podio.


A prendere il via è stato Sernagiotto, nella sessione di qualifica di sabato autore dell'ottavo responso. Il veneto ha completato senza problemi il suo primo turno di guida, cedendo poi il volante a Lacorte, autore di un doppio di stint condizionato da tante neutralizzazioni. Quindi è salito in macchina Fuoco e poi ancora Sernagiotto.


Poi la bandiera rossa ed il restart in regime di Full Course Yellow con il cronometro a meno 35 minuti dal termine. Il quel momento Sernagiotto occupava la settima posizione. Dieci minuti dopo a rilevarlo al volante è stato quindi Fuoco. A 21'10" dalla fine le luci verdi, con il pilota cosentino che nel primo giro utile ha colpito e trascinato con sè un tabellone pubblicitario. Per liberare la sua vettura, Fuoco ha dovuto pertanto rallentare, scivolando nono.


Poi Fuoco ha proseguito con il suo solito ritmo sostenutissimo e alla fine è andato a raccogliere un piazzamento comunque positivo per i tre piloti, che erano tutti al loro debutto sui 5,4 km del tracciato del "Glen" ed i quali sono riusciti fin dall'inizio ad imporre un buon passo.


"Abbiamo fatto un bellissimo lavoro, ma la sfortuna ci ha privato del podio. Fino alla bandiera rossa la strategia era perfetta. Negli ultimi minuti di corsa una Aston Martin si è persino fermata al nostro box quando Fuoco doveva "pittare" e siamo rimasti ulteriormente attardati. Poi, ancora, Antonio ha preso un cartellone pubblicitario che è andato sul parabrezza impedendogli la visuale e costringendolo a fermarsi lungo la pista per levarlo. Tra una cosa e l'altra abbiamo perso quei 14 secondi esatti che ci separavano dal terzo posto", è stato il commento di Roberto Lacorte.


"Sono state sei ore che sembravano 24 - ha spiegato Giorgio Sernagiotto - Partiamo dalla fine, col temporale che ha fatto sospendere la gara e un incidente molto grosso di una Lamborghini col pilota per fortuna Ok. Ancora prima, noi che all'inizio siamo rimasti un poco imbottigliati in mezzo al traffico; uno stint centrale infinito di Roberto, che ci ha fatto recuperare fino alla settima posizione. Fuoco che ha spinto come un forsennato. Io che ho fatto un buono stint e alla fine eravamo sesti prima dello stop, con una tattica perfetta. E purtroppo il cartellone che ha rallentato Antonio. Abbiamo ottenuto un buon risultato, ma peccato per il podio che sicuramente ci è sfuggito in extremis".


"Personalmente sono un po' deluso - ha aggiunto Antonio Fuoco - A un certo punto avevamo un buon passo che ci permetteva di lottare con i primi, ma la bandiera rossa ci ha spezzato il ritmo. C'è un poco di amarezza perché abbiamo dato tutti il massimo. Ma ci riproveremo sicuramente alla prossima".


Il prossimo appuntamento nell'IMSA WeatherTech SportsCar Championship per il team Cetilar Racing è in programma il primo fine settimana di ottobre a Road Atlanta, quando si disputerà la Motul Petit Le Mans, quarto e conclusivo appuntamento della serie di durata.


Ph. Credits: Fabio Taccola 






sabato 25 giugno 2022

Porsche Penske Motorsport si prepara a sfide mondiali con la nuova 963


Il team Porsche Penske Motorsport manda la nuova Porsche 963 a caccia di vittorie assolute nelle più importanti gare endurance del mondo. A partire dal 2023, due prototipi ibridi LMDh parteciperanno sia al FIA World Endurance Championship sia all'IMSA WeatherTech SportsCar Championship. 

La vettura da competizione presentata oggi (venerdì 24 giugno) a Goodwood, in Inghilterra, sfoggia i colori sportivi tipici di Porsche: bianco, rosso e nero. A bordo delle auto da corsa da 500 kW (680 CV), piloti esperti di prototipi e vincitori di campionati saranno affiancati da specialisti collaudati del team di piloti ufficiali Porsche. Porsche Penske Motorsport si sta preparando per queste sfide in due sedi: la filiale di Mannheim (Germania) ha il compito di gestire il FIA World Endurance Championship, mentre le vetture dell'IMSA WeatherTech SportsCar Championship sono preparate a Mooresville, North Carolina, USA.

"Dopo 7.889 chilometri di prova percorsi nella prima metà del 2022, siamo su un'ottima strada, ma c'è ancora del lavoro da fare prima dell'inizio della prossima stagione", ha precisato Thomas Laudenbach, Vice President Motorsport. "La nostra nuova Porsche 963 continuerà la tradizione di modelli leggendari come la 917, la 935, la 956, la 962 e la 919 Hybrid. Sono certo che saremo in una posizione di forza per quanto riguarda la tecnologia e abbiamo inoltre creato le strutture di squadra più idonee per ottenere vittorie nell'avvincente competizione tra molti costruttori e diversi concept".

La Porsche 963 farà il suo debutto ufficiale in gara nel gennaio 2023, in occasione della 24 Ore di Daytona, negli Stati Uniti. Nel frattempo, il FIA WEC ha dato il via alle attività di test per le prossime gare del campionato mondiale di quest'anno. Porsche Penske Motorsport punta a una prova generale non competitiva in occasione dell'ultimo appuntamento della stagione in Bahrain, a novembre.

"Negli ultimi mesi, i componenti di Porsche Motorsport e del Team Penske sono arrivati a formare una squadra efficiente e impegnata: il Porsche Penske Motorsport Team", ha dichiarato Urs Kuratle, responsabile Factory Motorsport LMDh. "Avremo equipaggi di piloti molto forti sulle quattro vetture ufficiali. La collaborazione con il nostro partner di sempre, Michelin, per gli pneumatici, e con il costruttore di telai Multimatic procede alla perfezione. Si prevede che la Porsche 963 sarà omologata in autunno. Fino ad allora, intendiamo proseguire con i test drive e acquisire ulteriori informazioni. Siamo impazienti di fare il nostro esordio”.

Tra i piloti selezionati per le gare del World Endurance Championship e dell'IMSA WeatherTech SportsCar Championship figurano gli affermati piloti ufficiali Kévin Estre (Francia), Michael Christensen (Danimarca), André Lotterer (Germania), Laurens Vanthoor (Belgio), Matt Campbell (Australia), Mathieu Jaminet (Francia), nonché piloti esperti come Dane Cameron (USA) e Felipe Nasr (Brasile). Nella fase iniziale di sviluppo, Frédéric Makowiecki ha svolto un ruolo fondamentale: durante il rollout a Weissach, in gennaio, il francese ha guidato la Porsche 963 per i suoi primi metri e anche effettuato i primi giri nel simulatore. 

Porsche Penske Motorsport ha preparato in totale quattro 963 per le competizioni più importanti al mondo presso le sue sedi di Mooresville (Carolina del Nord) e Mannheim (Germania). L'impianto WEC nella regione tedesca del Baden-Württemberg era in precedenza un centro Porsche di Penske Automotive ed è stato costruito secondo gli standard più avanzati. Lo scambio di dati tra i tre centri high-tech di Porsche Penske Motorsport avviene quasi in tempo reale. Il team WEC si trasferirà nella sede di Mannheim in autunno.

Jonathan Diuguid, amministratore delegato di Porsche Penske Motorsport, ha commentato: "Le aspettative sono estremamente elevate. Non solo da parte del pubblico, ma anche da parte di Porsche e del Team Penske, che in passato hanno scritto insieme grandiosi capitoli del motorsport". Diuguid e Travis Law (Responsabile Competizioni) dirigeranno il Team Porsche Penske Motorsport a livello globale, con la supervisione diretta e la gestione di entrambi i programmi FIA WEC e IMSA. Le attività quotidiane del team FIA WEC saranno condotte da Bernhard Demmer (Direttore Generale) e Francis Schammo (Team Manager). Joel Svensson (Team Manager) sarà responsabile del campionato IMSA in Nord America.

Nel rispetto del regolamento LMDh, la Porsche 963 è basata su un telaio di categoria LMP2. Questo telaio di nuova concezione è fornito dall'azienda canadese high-tech Multimatic. Bosch, Williams Advanced Engineering e Xtrac forniscono i componenti ibridi standard. Il cuore del gruppo propulsore è costituito da un V8 Biturbo da 4,6 litri. Il motore deriva dalla sportiva ibrida ad alte prestazioni 918 Spyder. Il suo DNA risale all'auto da competizione RS Spyder, con cui Porsche e il Team Penske hanno ottenuto numerose vittorie tra il 2005 e il 2008. Dal punto di vista del design, la nuova Porsche 963 si ispira alle classiche e fortunate 956 e 962 degli anni Ottanta. Una striscia luminosa continua nella parte posteriore richiama l'elemento distintivo dell'ultima generazione 992 della 911. La livrea bianco-rosso-nera è un omaggio alle auto da corsa di successo prodotte da Porsche. Prosegue anche un'altra tradizione: la nuova Porsche 963 sarà disponibile per i clienti fin dal primo anno di gare. I primi team clienti Porsche renderanno noto il loro programma già nei prossimi giorni.

Per la sua prossima campagna nel FIA World Endurance Championship WEC e nell'IMSA WeatherTech SportsCar Championship (IWSA) - le due serie di gare a più lunga distanza del mondo, tra cui la 24 Ore di Le Mans, la 24 Ore di Daytona e la 12 Ore di Sebring - Porsche Penske Motorsport si avvale di partner affidabili e collaudati. Il produttore di pneumatici Michelin continua la storica alleanza, come pure ExxonMobil con il suo marchio Mobil1. Oltre allo specialista di software Ansys, che affianca il team globale con soluzioni di simulazione all'avanguardia nel ruolo di partner tecnologico ufficiale, partecipa come partner ufficiale anche Penske Corporation, che darà risalto a una serie di filiali e marchi. Multimatic, con la sua esperienza nel campo dello sviluppo e ingegneristico, si unisce al progetto come partner tecnologico. Inoltre, la maison di orologi di lusso TAG Heuer sarà il partner ufficiale per il cronometraggio del team globale Porsche Penske Motorsport. Il marchio di moda Hugo Boss, partner e fornitore dell'abbigliamento del team, e l'azienda di lifestyle sportivo Puma, partner tecnico per l'abbigliamento da gara ignifugo, completano le partnership di alto profilo di Porsche Penske Motorsport.

Credits: Porsche Press