Visualizzazione post con etichetta La Leggenda di Bassano. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta La Leggenda di Bassano. Mostra tutti i post

martedì 28 giugno 2022

LA LEGGENDA DI BASSANO, EBERHARD & CO PREMIA I VINCITORI DELLA XXVII EDIZIONE



La Leggenda di Bassano – Trofeo Giannino Marzotto - ha concluso ieri, domenica 26 giugno, la sua edizione numero ventisette.

Una manifestazione unica nel suo genere che non è solo una gara di regolarità, ma una vera e propria experience, dove il tempo è scandito da un timekeeper d'eccezione, la maison Eberhard & Co che sa quanto per un pilota possa essere determinante un secondo.

500 km di percorso hanno impegnato per tre giorni le oltre 80 vetture iscritte, tra cui più di 70 tra le Sport-Barchetta più significative costruite dal 1920 fino al 1960, in un itinerario che le ha portate ad attraversare i passi più suggestivi delle Dolomiti.

Quella di sabato è stata la tappa più intensa e mozzafiato: un anello di 230 chilometri, pensato per godere della bellezza delle Dolomiti, con partenza da San Martino di Castrozza, passando per Moena e poi via, tra verdi prati e incantevoli paesaggi, fino a raggiungere Siusi, Ortisei, Selva in Val Gardena e Canazei.

A trionfare, aggiudicandosi il trofeo e anche i due cronografi Eberhard Champion V 31063, è stato l'equipaggio Rossi-Antonelli su Singer Nine Sport incoronato vincitore nella pittoresca cornice del Museo Civico di Bassano.

Sono quasi 10 anni che la Maison svizzera sostiene La Leggenda di Bassano come Main Sponsor, schierando in questa edizione anche il suo brand ambassador, il due volte campione di rally, Miki Biasion, come apripista della manifestazione.

Biasion ha aperto le danze a bordo di una Dallara Stradale, una barchetta senza portiere, come le monoposto da competizione.

Un appuntamento davvero imperdibile per Eberhard & Co. volto a rinsaldare quello che non è solo un legame, ma una condivisione di valori con gli appassionati di auto: unicità, dedizione, eleganza, stile e amore per le sfide, in primis contro il tempo, tutto questo in un contesto di bon vivre e grande bellezza.

giovedì 23 giugno 2022

EBERHARD & CO. SCANDISCE LA XXVII EDIZIONE DE LA LEGGENDA DI BASSANO


Dopo lo straordinario successo dell’edizione 2021, Bassano del Grappa si prepara ad accogliere un nuovo appuntamento con il fascino e l’eleganza che contraddistinguono le auto d’epoca. La 27esima edizione de La Leggenda di Bassano – Trofeo Giannino Marzotto, gara di regolarità riservata alle auto Sport-Barchetta costruite fino al 1960 in programma dal 23 al 26 giugno.

E’ prevista la partecipazione di oltre 100 equipaggi provenienti da 3 continenti con 14 paesi diversi rappresentati, tra i quali Inghilterra, Germania, Spagna, Svezia, Austria, Olanda, Lussemburgo, Argentina, Israele, Ecuador, Canada, USA.

Eberhard & Co. per il nono anno consecutivo sarà Partner e Official Timekeeper di questa importante manifestazione, alla quale l’accomunano valori come la passione per ciò che dura nel tempo e il senso della tradizione.

Valori condivisi anche da Miki Biasion, il pluri iridato campione del mondo di rally, nonché bassanese doc, è brand ambassador della Maison dal 2016. Biasion, dopo una carriera ventennale come pilota, è diventato anche uno dei più importanti e stimati restauratori di vetture vintage, sarà apripista d’eccezione dell’evento, al volante di una Dallara Stradale.

Gli spettacolari passi delle Dolomiti saranno il suggestivo percorso dove sfileranno le auto, un circuito ad anello con base a San Martino di Castrozza per un totale di oltre 400 km. Bassano del Grappa, come di consueto, sarà la cittadina protagonista di partenza e arrivo della gara e il tragitto quest’anno prevederà una prima tappa di 135 km che attraverso Asolo, poi la Valdobbiadene risalendo il Passo San Boldo, famoso per i suoi tornanti in galleria, approderà in serata a S. Martino di Castrozza. La seconda tappa, la più lunga, da 230 km, immergerà i piloti all’interno della bellezza delle Dolomiti attraverso Siusi, Ortisei, Selva in Val Gardena e Canazei per rientrare nella notte a S. Martino. Il ritorno a Bassano, domenica, si snoderà tra Fiera di Primiero, Castel Tesino, Cornale per terminare con la tradizionale passerella fino a Piazza Libertà.

Il pubblico presente potrà ammirare veri e propri pezzi da collezione, tra cui una speciale selezione delle più belle barchette O.S.C.A Fratelli Maserati.

La Leggenda di Bassano è iscritta al neonato ASI Circuito Tricolore, che riunisce 15 importanti manifestazioni del motorismo storico nazionale con l’obiettivo di promuovere la conoscenza e la valorizzazione dei territori sotto il Patrocinio del Ministero del Turismo con il patrocinio dei Ministeri della Cultura e del Turismo, del Ministero Infrastrutture e Mobilità Sostenibili e dell’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani (ANCI).

lunedì 28 giugno 2021

I vincitori de La Leggenda di Bassano - Trofeo Giannino Marzotto


Sul gradino più alto del podio della 26esima edizione de La Leggenda di Bassano – Trofeo Giannino Marzotto, gara di regolarità riservata alle auto Sport-Barchetta costruite dal 1920 fino al 1959, è salito l’equipaggio formato da Maurizio Piantelli e Paola Montaldi su Bentley Speed Model del 1926, che si sono aggiudicati orologi Eberhard & Co. della collezione Champion V.

Suddivisa in 3 tappe e caratterizzata da un percorso impegnativo, che ha messo a dura prova i partecipanti, e da un meteo alterno con pioggia battente durante la prima tappa, che ha lasciato spazio a un magnifico sole per la seconda giornata e per l’arrivo a Bassano del Grappa, cittadina nella quale un pubblico appassionato ha atteso l'arrivo delle vetture in Piazza Libertà.

Gli equipaggi hanno percorso oltre 480 km con 36 prove cronometrate, ammirando panorami stupendi, affrontando in particolare il passaggio sulla P.S. Valstagna-Foza, nota agli appassionati come "l'Università del Rally", e assaporando scorci unici tra le suggestive strade che attraversano le Dolomiti per arrivare a San Martino di Castrozza, ai piedi delle Pale di San Martino. Il circuito, ad anello, si è sviluppato con partenza e arrivo a San Martino di Castrozza, con passaggi a Passo Lavazè, Selva di Valgardena e Caprile.

Al secondo posto si sono classificati la coppia Gianmarco Rossi e Manola Antonelli sulla Singer Nine Sport del 1933, mentre sul terzo gradino del podio sono saliti Bruno Roma e Nicoletta Ider sulla Riley 9 Hp Imp Sport del 1935.

La Leggenda di Bassano rappresenta un’importante vetrina dove il pubblico ha avuto l’opportunità di apprezzare dal vivo dei pezzi unici delle tante case automobilistiche rappresentate, come ad esempio una Alfa Romeo RL Targa Florio del 1924, l’Invicta S-Type Low Chassis del 1931, l’Alfa Romeo 8C 2300 Touring del 1933 e la BMW Veritas RS del 1947.



mercoledì 16 giugno 2021

EBERHARD & CO. A "LA LEGGENDA DI BASSANO"


Cresce il fermento, i piloti studiano il roadbook, le auto sono alle fasi finali di messa a punto in vista del trasferimento a Bassano del Grappa, da dove prenderà il via la 26esima edizione de La Leggenda di Bassano – Trofeo Giannino Marzotto, gara di regolarità riservata alle auto Sport-Barchetta costruite fino al 1960, in programma dal 24 al 27 Giugno.

Eberhard & Co. per l’ottavo anno consecutivo sostiene in qualità di Partner e Official Timekeeper questa affascinante manifestazione, che raccoglie oltre 70 equipaggi provenienti da 3 continenti con 13 paesi diversi rappresentati, tra i quali Inghilterra, Germania, Spagna, Austria, Olanda, Lussemburgo, Argentina, Israele, Ecuador, Canada, USA.

Autovetture uniche sfileranno per i più spettacolari passi delle Dolomiti in un percorso ad anello con base a San Martino di Castrozza per un totale di oltre 480 km. Bassano del Grappa sarà la cittadina protagonista di partenza e arrivo della gara come di consueto, ma il tragitto variato rispetto alle precedenti edizioni proporrà una prima tappa di 140 km per salire in quota attraversando la Valsugana e approdare in serata a S. Martino di Castrozza. La seconda tappa, la più impegnativa da 230 km, metterà alla prova i piloti che dovranno superare la Val di Fiemme con il Passo Pampeago, Cavalese, lambendo la città di Bolzano, Castelrotto, Selva di Val Gardena, Canazei e rientrare nella notte a S. Martino. Il ritorno a Bassano domenica transiterà per Pedavena, Cornale e Valstagna, per terminare con la tradizionale passerella fino a Piazza Libertà, dove le auto saranno esposte per farsi ammirare in tutto il loro splendore.

Gioielli su quattro ruote sfrecceranno tra le strade di Veneto e Trentino-Alto Adige, come ad esempio l’Alfa Romeo BC 2900 A “Botticella” del 1936 (ex Scuderia Ferrari) e la rarissima BMW 328 Frazer-Nash del 1939, oltre a importanti esemplari di Bentley, Ferrari e Maserati e la presenza di O.S.C.A. tra le quali una TN 1500 del 1955 e una MT4 1500 del 1955.

La Leggenda di Bassano è iscritta al neonato Circuito Tricolore ASI, che riunisce 10 importanti manifestazioni del motorismo storico nazionale con l’obiettivo di promuovere la conoscenza e la valorizzazione dei territori sotto il Patrocinio del Ministero del Turismo.

Un evento che rappresenta per Eberhard & Co. un momento di grande rilievo dove poter incontrare gli appassionati di auto d’epoca, sia piloti che pubblico e poter così rinsaldare nuovamente il forte legame con il mondo della velocità e delle corse che vanta radici profonde sin dagli anni Novanta del Novecento.

“La situazione attuale finalmente sembra prospettare per i prossimi mesi un miglioramento delle condizioni e si prefigura un ritorno alla vita normale. Una manifestazione come la Leggenda di Bassano, realizzata con l’adesione di un corposo numero di equipaggi italiani ma soprattutto esteri rappresenta un segnale positivo in questa direzione. Abbiamo voluto sostenere l’Organizzazione per essere vicini al pubblico, che finalmente potrà assistere numeroso alla gara, grazie alle minori restrizioni. Con gli appassionati di motori abbiamo infatti instaurato un rapporto ormai trentennale ed abbiamo ottenuto una forte riconoscibilità nell’universo delle gare d’epoca, a noi accomunato da valori come la tradizione, il recupero della preziosità del passato, affiancati da una ricerca costante d’innovazione.” – dichiara Mario Peserico, Amministratore Delegato di Eberhard Italia.

giovedì 13 giugno 2019

Eberhard & Co. partner e official Timekeeper de La Leggenda di Bassano – Trofeo Giannino Marzotto


Eberhard & Co. si conferma per il settimo anno consecutivo Partner e Official Timekeeper per la 25esima edizione de La Leggenda di Bassano – Trofeo Giannino Marzotto, gara di regolarità riservata alle Sport-Barchetta costruite fino al 1960, in programma dal 20 al 23 Giugno a Bassano del Grappa.
I 120 equipaggi iscritti, provenienti da tutto il mondo con 14 diversi paesi rappresentati, avranno l'opportunità di vivere a pieno lo spettacolo delle Dolomiti lungo strade di grande fascino. La partenza vedrà sfilare i partecipanti da Bassano del Grappa, con una prima tappa di 160 km, per raggiungere successivamente Asiago ed approdare in Trentino, attraversando Trento, per terminare a Madonna di Campiglio.
La seconda tappa, circa 290 km, metterà alla prova i piloti toccando Passo Gavia, Passo del Foscagno e Passo dell'Aprica, passando per Livigno e si concluderà nuovamente a Madonna di Campiglio in serata.
Il terzo e ultimo giorno vedrà le auto transitare per Trento, Borgo Valsugana, Cismon del Grappa e scenderà verso Bassano del Grappa per la tradizionale sfilata fino a Piazza Libertà.
La Leggenda di Bassano rappresenta per Eberhard & Co. uno degli appuntamenti più importanti dedicati all'universo delle auto vintage. Un legame consolidato unisce infatti Eberhard & Co. al mondo della velocità e delle sfide dal gusto retrò e risale al 1992, quando il marchio dedicò a uno dei più grandi piloti di tutti i tempi, Tazio Nuvolari, una speciale collezione di orologi, realizzata con forti richiami allo stile automobilistico e alla strumentazione delle corse dell'epoca, diventando inoltre sponsor della manifestazione più importante a lui intitolata. Da allora il brand è presente in molte degli eventi più significativi nel panorama delle corse d'auto storiche a livello nazionale e internazionale.
All'edizione 2019 de La Leggenda di Bassano è confermata la presenza del due volte campione del mondo di rally Miki Biasion, Brand Ambassador della Maison, bassanese doc, che formerà un equipaggio speciale insieme all'AD di Eberhard Italia, Mario Peserico.

giovedì 29 giugno 2017

Weekend ricco di soddisfazioni per il Team Bassano


Rally, pista e regolarità hanno portato nello scorso fine settimana nuove soddisfazioni al Team Bassano presente in tre prestigiose manifestazioni. Al Rally Lana Storico è arrivata una bella vittoria nel 3° Raggruppamento grazie ad Ivan Fioravanti e Vincenzo Torricelli con la Ford Escort RS Gruppo 4 che hanno portato in sesta posizione assoluta dominando la loro categoria; buona gara per Giulio Pedretti e Stefano Cirillo giunti ad un passo dalla top ten per soli 4”9 con la BMW M3 Gruppo A e ottima prestazione per Tiziano Nerobutto in coppia con Patrick Varale sull'Opel Kadett Gt/e con la quale conquista la vittoria di classe per l'inezia di 0”8 dopo un'avvincente sfida durata dieci prove speciali. E nella stessa classe, la 2-2000, si stavano comportando egregiamente anche Concetto e Carlo Pettinato che hanno a lungo duellato coi primi due ma proprio nelle ultime battute di gara un problema alla bobina li rallenta e concludono quarti di categoria. Scorrendo la classifica assoluta, al ventesimo posto si trova l’Opel Ascona SR di Stefano Marchetto e Paolo Herbet, secondi di classe; bisogna poi scorrere sino alla trentaquattresima per arrivare a Massimo Giudicelli e Nicolas Caberlon, quarti della numerosa 2-1600 con la Volkswagen Golf Gti. Tra i ritirati, Roberto Giovannelli ed Isabella Rovere, non partiti nella prima tappa con la Porsche 911 RS; Luigi Capsoni e Lucia Zambiasi out nella prima tappa con l’Alpine Renault A110; Fausto Fantei e Franco Nannetti con l’Alfa Romeo Alfasud TI. Nella classifica delle scuderie il Team Bassano si è classificato in seconda posizione.

Team Bassano sugli scudi anche nel Trofeo A112 Abarth dove si è festeggiata la prima vittoria di Scalabrin e Fantinato che hanno preceduto Battistel e Rech e Canetti – Lucini. All’arrivo anche Giacomo Domenighini con Annalisa Vercella Marchese, Giancarlo Nardi e Paola Costa, Giuseppe Cazziolato e Giorgio Volpato, Filippo Fiora e Carola Beretta, Antonello Pinzoni e Roberto Spagnoli,Giorgio Pesavento e Andrea Fiorin, Cochis e Manganone.

Buone notizie sono poi arrivate da “La leggenda di Bassano” gara di regolarità unica nel suo genere che ammette al via solo vetture “sport”: l’equipaggio dall’ovale azzurro formato da Andrea Giacoppo e Daniele Grillone Tecioiu ha vinto la gara con la Fiat Balilla Coppa d’Oro, portando un nuovo prestigioso alloro nelle bacheche del Team Bassano. Contemporaneamente dall’autodromo di Monza arrivavano le conferme del secondo posto assoluto conquistato da Mario Massaglia con la Porsche 935 Gruppo 5 del buon primo di classe di Roberto Piatto ed Enzo Armellini con la BMW 1602 Gruppo 2.

L’imminente fine settimana propone la cronoscalata Trento – Bondone alla quale sono iscritti: Guido Vettore su BMW 2002 Ti, Giampaolo Basso e Agostino Iccolti su Porsche 911 RSR, Roberto Piatto su Fiat Ritmo 75, Gianfranco Marconcini su Opel Kadett Gt/e, James Bardini con la Fiat 128 Rally e Silvio Andrighetti con la Lancia Stratos. Due le A112 abarth al via della 8^ Coppa Città di Bassano con Melchiori –Savio e Chiurato – Boni.

> Crediti:
Andrea Zanovello - www.rallysmedia.com
Fotozeta

mercoledì 22 giugno 2016

La Leggenda di Bassano: vittoria di Horst e Perbellini su Jaguar Biondetti Special



Si è conclusa a Bassano del Grappa “La Leggenda di Bassano – Trofeo Giannino Marzotto”, manifestazione sportiva di regolarità per auto storiche che ha visto partecipare 81 meravigliose vetture da corsa, tutte rigorosamente Sport Barchetta, costruite fino al 1960.



L’evento, sponsorizzato da Pakelo lubrificanti e il Museo dell’automobile Bonfanti-Vimar, è stato organizzato dal Circolo Veneto Automoto d’Epoca “Giannino Marzotto” in collaborazione con Historic Racing Bassano, ha preso il via il 16 giugno da Bassano del Grappa sotto un cielo sereno e con temperature quasi estive. 


Prestigiosa partecipazione alla gara il due volte campione del mondo Rally Miki Biasion a bordo di una Devin D-Porsche del 1959 con livrea rossa a riga centrale bianca, quasi a simboleggiare il grande legame con Bassano del Grappa, comune della provincia vicentina.


Alla partenza tutte le auto iscritte, affascinanti esemplari di vetture da corsa storiche provenienti da tutto il mondo, sono state sottoposte alle verifiche tecnico-sportive.Alcuni modelli già dalla partenza hanno evidenziato delle problematicità meccaniche che hanno pian piano assottigliato il numero dei partecipanti riducendolo dagli 81 iscritti ai 57 effettivamente giunti al traguardo. 

Stiamo naturalmente parlando di vetture da corsa, rigorosamente costruite fino al 1960, che hanno subito nel corso della loro esistenza alcune riparazioni e rifacimenti appropriati e che sono state restituite al loro originale splendore da un lavoro sapiente ed accurato svolto da team specializzati nel restauro d’auto d’epoca.


La prima tappa del La Leggenda di Bassano ha percorso le magnifiche strade di San Martino di Castrozza, transitando per Passo Rolle, Cavalese, Egna/Ora e Appiano sulla Strada del Vino, fino a concludersi nella splendida cornice di Merano, dove le auto sono transitate lungo le strade cittadine, ammirate da un folto gruppo di spettatori. La seconda giornata, caratterizzata da una forte grandinata, partendo da Merano è transitata da Passo Giovo e Vipiteno, Passo Pennes e Sarentino, Chiusa, Bressanone e Plose, Passo delle Erbe, Corvara e Passo Pordoi, Canale d’Agordo per giungere in serata nuovamente a San Martino di Castrozza. La terza ed ultima tappa ha visto la partenza da San Martino di Castrozza transitando attraverso Fonzaso fino a Bassano. Qui, per celebrare i 25 anni di vita del Museo dell’Automobile “Bonfanti – Vimar”, le vetture si sono sottoposte ad un controllo a timbro di fronte all’entrata dell’imponente sito museale. E finalmente l’arrivo della prima classificata nello scenario fiabesco di piazza Libertà a Bassano del Grappa. Infine la grande parata delle auto alla volta del castello superiore di Marostica dove si sono svolti il pranzo e la cerimonia di premiazione.

La corsa è stata vinta da Keil Horst e Gino Perbellini del club Asc su una Jaguar Biondetti Special del 1950. L’equipaggio ha ricevuto come premio due splendidi cronografi “Tazio Nuvolari Solo Tempo” Eberhard & Co. Al secondo posto si sono classificati gli svizzeri Jolly Philippe e Guerrieri Salvatore a bordo di una Amilcar CG SS del 1927, mentre la terza piazza è andata a Manuel Jolly e A. Jolly con una Amilcar CG SS Compressore del 1926.