Visualizzazione post con etichetta BOSS GP. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta BOSS GP. Mostra tutti i post

mercoledì 19 ottobre 2022

BossGP / Walter Colacino su Lola-Alfa Romeo vince al Mugello in Superlights


Un gioco di squadra riuscito bene, possiamo sintetizzare così le giornate al Mugello della BossGp che ha visto scendere in gara Walter Colacino con la Lola-Alfa Romeo 3000. 
Quando sali sul gradino più alto del podio non può che essere considerato un risultato soddisfacente, se poi questo è frutto di lavoro in team la soddisfazione è doppia. 
In questo caso Roberto Vanni, pilota lucchese, che ha già saggiato in più di una occasione la vettura ha dato un sostanziale contributo provando in pista, durante le prove libere del venerdì, il settaggio di gara della monoposto. 
Una più che doverosa citazione visto la fortunata coincidenza con la vittoria ottenuta da Colacino in gara 2 nella classe Superlights disputata sul circuito toscano. Un risultato che ha fatto seguito al già prezioso secondo posto ottenuto in gara 1. (Luciano Passoni)

martedì 12 aprile 2022

Da Hockenheim a Misano il 2022 di Boss GP



Tra un mese, la serie di corse tra le più più veloci d'Europa tornerà alla ribalta sulle piste degli autodromi di cinque Paesi. La BOSS GP Racing Series è pronta per offrire ai partecipanti e agli appassionati eventi spettacolari anche nel 2022 in sette round con due tappe in Italia al Circuito del Mugello ed a quello di Misano Adriatico, dove è in programma il gran finale della stagione.


Nelle gare di BOSS - Big Open Single Seater - sono ammesse, tra l'altro, monoposto di F1 degli ultimi 20 anni, Formula 2, IndyCar, World Series by Renault e A1 GP.  


Dario Pergolini, nuovo coordinatore di BOSS GP Racing Series: "Abbiamo tanti grandi team e piloti provenienti da tutta l'Europa, dal Regno Unito e dagli Stati Uniti che sono fedeli alle nostre serie di corse.  Ogni stagione vogliamo offrire loro una piattaforma professionale in cui le monoposto della classe più alta possono essere guidate in modo corretto su circuiti selezionati con i più elevati standard di sicurezza FIA, qualcosa che è possibile solo nella BOSS GP Racing Series!"


Gli appuntamenti di BOSS GP 2022:


6–8 maggio |  Hockenheim

3–5 giugno |  Red Bull Ring Spielberg

17–19 giugno |  Le Castellet

9–11 settembre | Brno

14–16 ottobre |  Mugello 

 4–6 novembre | Misano


In fase di definizione il settimo evento della stagione 2022.


Ulteriore informazione: www.bossgp.com


Foto di Michael Jurtin

martedì 13 aprile 2021

Boss GP ha inaugurato la stagione 2021 al Mugello

La Boss GP Racing Series ha inaugurato la stagione 2021 al Mugello con monoposto  Formula 1, Formula 2, F3000 e Auto GP. Venerdì mattina, all'Autodromo del Mugello nuovi team, nuovi piloti, nuove auto e nuove livree. La prima uscita dopo la pausa invernale ha messo in mostra la voglia di rimettersi in gioco. All'apertura della stagione della Boss GP la domanda ricorrente per ingegneri e piloti prima dell'inizio delle gare era: le gomme da asciutto P-Zero di Pirelli o le gomme da pioggia Cinturato? Entrambe le gare erano state precedute dalla pioggia, ma la pista stava iniziando ad asciugarsi.

In gara 1, è stato subito chiaro che la gomma da pioggia era la scelta giusta. Marco Ghiotto  era già in testa quando ha frenato bruscamente alla prima curva mentre il poleman Marc Faggionato, cauto in partenza, ha subito perso alcune posizioni. Il primo inseguitore di Ghiotto è stato Andreas Fiedler che ha iniziato la gara dall'undicesima posizione ed è risalito al secondo posto nel corso del primo giro. Ma al quarto giro Fiedler è stato costretto al ritiro ed ha parcheggiato la sua GP2-Dallara nel paddock. Largo quindi a Luca Martucci che ha stabilito il giro più veloce ma ha perso troppo tempo con Ghiotto nelle prime fasi della gara ed ha concluso al secondo posto alle spalle di Ghiotto. Gianluca De Lorenzi si è ripreso velocemente da una escursione nella ghiaia e il terzo posto è stato una meritata ricompensa al debutto del Boss GP per lo specialista del Nürburgring. 

Gara 2. Gerstl si è preso la rivincita ed ha allungato all'inizio della seconda gara. Il poleman è entrato per primo alla curva 1 con la sua Toro Rosso STR1 e ha mantenuto la posizione fino alla fine della gara.  Nella classe Formula ha vinto ancora Marco Ghiotto. Decisivo il penultimo giro. Ghiotto era andato in testacoda al primo giro e poi ha iniziato un inseguimento strepitoso, concretizzato al penultimo giro: Marc Faggionato ha difeso tenacemente il suo comando, ma all'uscita della curva medio-veloce 12, Ghiotto inserisce un buco e lo supera. Alle loro spalle, De Lorenzi è arrivato terzo di classe. 

Crediti foto: Michael Jurtin

sabato 6 marzo 2021

GDL RACING AL DEBUTTO NELLA BOSS GP CON DE LORENZI SU LOLA


San Marino, 6 marzo 2021. La GDL Racing debutta nella Boss GP e lo fa con il pilota e team manager Gianluca De Lorenzi. Un doppio ritorno per il ravennate, sammarinese d'adozione, che a 49 anni suonati si rimette in gioco in prima persona in una serie di altissimo livello, scendendo in pista con una Lola B50/52 ex A1 GP, per l'occasione motorizzata Gibson.
A tre anni distanza dalla sua ultima apparizione al volante, in occasione della 1000 Km del Paul Ricard del 2018 valevole per il Blancpain Gt, quando conquistò il successo nella classe Pro-Am su una Ferrari della AF Corse, De Lorenzi indosserà nuovamente casco e tuta. Un vero e proprio ritorno, dal momento che la sua carriera iniziò proprio con le monoposto in cui ha militato per diverse stagioni in Formula 3 subito dopo la gavetta nei kart.
Per il momento in programma ci sono solo le tre gare tricolori di un calendario che include in tutto sei eventi, quelle di Mugello, Misano e Imola, con un'opzione per prendere parte anche alla tappa tedesca del Nürburgring.

"Non riesco a fare di più. Con il team siamo già presenti in cinque campionati: Porsche Sports Cup Suisse, Carrera Cup Italia, Fun Cup, RCN e NLS, oltre alla 24 Ore del Nürburgring - ha commentato De Lorenzi - A questo si aggiunge l'impegno nel seguire la struttura che ho in Germania, dedicata al noleggio vetture sul circuito del Nordschleife, ed il B&B alle porte del mitico Ring”.

L'idea è anche quella di collocare l'impiego in pista della Lola-Gibson nell'ambito di un programma dedicato in futuro ai clienti che vorranno provare l’ebrezza di una vettura molto simile alle Formula 1. Una monoposto equipaggiata con una motorizzazione V8 di 3400 cm3 in grado di sviluppare ben 550 cv.

Il calendario 2021 della Boss GP verrà inaugurato proprio al Circuito del Mugello, nel fine settimana del 9/11 aprile.

martedì 14 luglio 2020

BossGP Racing Series/ Per Roberto Vanni e la Lola Alfa Romeo 3000 poca fortuna a Imola


Imola, è il 12 luglio di un anno segnato di rosso nel calendario della storia, il crocevia di un prima e un dopo molto diversi. Si torna alla normalità, che, per chi corre in auto, significa il ritorno in pista. Per Roberto Vanni, trentacinquenne pilota lucchese, una attesa durata più a lungo del previsto. Qualche mese di un tempo, che sembrava non finire, a pensare, a desiderare e sperare. Ma ormai siamo a un passo, l’ultimo atto che riempie e brucia in pochi istanti tutta quell’attesa. Le mani sul volante, gli occhi sul semaforo e il pensiero al bambino che sognava questo momento. Walter ha fatto l’ultimo controllo alle gomme, Leonardo ha accordato la voce del motore alle note più alte, Domenico gli ha sussurrato l’ultimo consiglio, Luciano ha catturato le sue ambizioni, le sue emozioni e le sue paure, Rosanna immortala il momento che rappresenterà il ricordo negli album della memoria. Ormai tutti quei colori, mischiati al frastuono delle voci e dei motori, si sono dissolti nel verde del semaforo. Roberto Vanni su Lola Alfa Romeo 3000, BossGp Racing Series FIA: la giostra ha cominciato a girare, e finalmente si sente pilota. Un debutto per lui, per il team e il ritorno, dopo anni, di una formula 3000 nella più veloce serie europea, tutto questo in uno schieramento con nomi che rappresentano la storia del motorsport: Benetton, Toro Rosso, Jaguar, Dallara, Renault e in un circuito molto impegnativo.


La gara dura pochissimo, il pilota toscano, dopo anni di gavetta in varie categorie, accompagna, lungo i saliscendi imolesi, i 400 CV della Formula 3000 con le dovute precauzioni. Questi mesi di fermo non hanno aiutato la forma fisica e forse anche mentale, le prove del sabato sono stati i primi test data l’impossibilità di altre sedute, se non una breve parentesi a Varano. Non è certo il risultato eclatante l’obbiettivo di questa performance ed anche il team ha bisogno di accumulare esperienza. Roberto, dopo una buona partenza si ritira già nel corso del primo giro, un pezzo da pochi euro, che vale il resto di una banconota per un caffè al bar basta a lasciarlo a piedi. Se è importante partecipare è pur vero che importante è anche cominciare e, aver raggiunto due obbiettivi su tre, il terzo sarebbe finire, non è cosa da poco. Per questo la giornata è positiva, il ghiaccio è rotto, si chiude una parentesi mentre il pensiero è già ad un futuro promettente. (Luciano Passoni)

lunedì 6 luglio 2020

Roberto Vanni al debutto in BOSS GP Racing Series

Il sogno è a un passo, lo speaker di Imola chiamerà il suo nome: Roberto Vanni su Lola 3000 Alfa Romeo, un ragazzo diventato uomo, e l’uomo che diventa pilota. Si sentirà così Roberto quando il semaforo rosso si mischierà ai mille colori del quadro di Imola dove sarà immerso. Jaguar, Dallara, Toro Rosso, Benetton, lo schieramento che avrà davanti, che lo affiancherà, lo sfiderà e lo sfilerà, nomi prestigiosi che sono storia e leggenda del suo sport preferito e della sua incontenibile passione. 

Boss GP Racing Series FIA, il traguardo di tappa di un lungo percorso, tra serie minori e gare di contorno, un grande salto, impensabile, inimmaginabile eppure sognato. Al semaforo verde esploderanno i 400 cavalli della sua vettura in una sinfonia metallica e struggente, così nel disegno dei dolci saliscendi del circuito emiliano si colmerà in pochi secondi la distanza tra il sogno di un ragazzo e il desiderio di un uomo, il resto sarà cronaca di una gara qualunque e Roberto si sentirà finalmente pilota. Imola 12.07.2020. (Luciano Passoni)

sabato 15 giugno 2019

Boss GP/ A Monza Benetton batte Toro Rosso. Tra le GP2, vittoria di Marco Ghiotto


In gara-1 Boss GP all'Autodromo di Monza, lo statunitense Phil Stratford ha portato alla vittoria - la seconda in questa stagione - la monoposto di F1 Benetton B197 precedendo l'austriaco Ingo Gerstl sull'altra F1 in pista a Monza, la Toro Rosso con motore Cosworth che era partita dalla pole position. 
Stratford ha dedicato la vittoria agli uomini del suo team, Mansell Motorsport, che hanno lavorato a lungo nella notte sulla monoposto per eliminare un problema al cambio. Terzo posto in categoria Open per "Piter" su Dallara WSR 3.5 Turbo.
Spettacolare vittoria dell'italiano Marco Ghiotto nella categoria Formula. Il pilota della Scuderia Palladio, in gara con una GP2 Dallara Mecachrome, da difeso la prima posizione durante tutta la gara ed ha concluso davanti a Andreas Fiedler, Luca Martucci e Philippe Haezebrouck, tutti su monoposto GP2 Dallara Mecachrome. 

Warm up domani alle ore 10:35, Boss GP gara 2 alle 14:35.

Foto Claudio Pezzoli/Reporter Press Agency

giovedì 8 febbraio 2018

La BOSS GP è nel futuro del Barone Rampante

Dopo l’inaspettato stop della World Series Formula V8, il Team Barone Rampante è intenzionato a partecipare alla Boss GP Championship nella stagione 2018. La squadra veneziana dispone di tre monoposto, che farà scendere in pista quest’anno nel Campionato dedicato alle potentissime ex monoposto di Formula Uno, Formula Indy, GP2 e Auto GP.
Una scelta scaturita dalla constatazione che Boss GP è uno dei campionati più consoni alla potenza e alle caratteristiche della Dallara motorizzata Gibson, ma anche per il crescente interesse che la categoria sta riscuotendo in Europa.
Il calendario prevede appuntamenti sui circuiti più prestigiosi del Vecchio Continente, a partire da Aprile, come Hockenheim, Red Bull Ring, Assen, Brno e Paul Ricard, mentre la gara di casa per la squadra veneziana sarà sul tracciato di Monza, ai primi di Luglio.

sabato 13 agosto 2016

Auto GP Formula Open: Luis Michael Dorrbecker miglior pilota con vettura Auto GP nella Boss GP ad Assen

Il campionato Auto GP Formula Open 2016 ha interrotto il suo svolgimento. Alcuni piloti, al volante delle Lola B05/52 Auto GP, hanno deciso di passare alla serie Boss GP (categoria molto simile all’Auto GP), disputando con ottimi risultati le gare di Monza (3/7/2016) ed Assen (7/8/2016), nella Formula Class. 
Il tedesco di origini messicane Luis Michael Dorrbecker (Torino Squadra Corse), 4° assoluto in qualifica, ha chiuso ad Assen gara-1 al 6° posto, sfiorando il podio in gara-2. Il giovanissimo indiano Mahaver Raghunathan (PS Racing) in Olanda si è piazzato 7° (gara-1) e 5°(gara-2). 
Lo svizzero Christof Von Grünigen (Zele Racing) in gara-1 si è ritirato per problemi al cambio, mentre in gara-2 si è piazzato 8°, nonostante una penalizzazione di 10’ per una irregolarità al via. Attualmente nella classifica della Boss GP Dorrbecker è 6°, Raghunathan 9° e Von Grünigen 12°. I piloti dell’Auto GP parteciperanno anche alla prossima gara del campionato Boss GP, a Brno l’11 settembre.

> Fonte: http://www.autogp.net/

venerdì 8 luglio 2016

Peroni Race Weekend a Monza - Boss GP: le foto di Claudio Pezzoli

Peroni Race Weekend a Monza - Boss GP, 3 luglio 2016
© foto di Claudio Pezzoli

riproduzione riservata - cliccare su una foto per aprire la galleria