Visualizzazione post con etichetta CIV. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta CIV. Mostra tutti i post

mercoledì 28 settembre 2022

L'Autodromo Riccardo Paletti di Varano de' Melegari incorona i campioni CIV Junior 2022


Gabriel Fabio Vuono, Edoardo Savino, Matteo Mancini, Angelo Mottola e Valentino Sponga sono i Campioni Italiani CIV Junior 2022 rispettivamente nelle categorie FIM MiniGP Italy Series, Ohvale GP2 190, Ohvale GP0 110, Aprilia Sport Production SP1 e SP2.

Ultimo round entusiasmante quello del CIV Junior presso l’Autodromo Riccardo Paletti di Varano de’ Melegari, ricco di colpi di scena che hanno stravolto le classifiche generali ma anche altamente formativo per i giovani piloti che si sono dovuti adattare molto velocemente alle condizioni dell'asfalto, passando da pista bagnata ad asciutta nel giro di poche ore.

Dominio totale nel circuito che sorge nel cuore pulsante della Motor Valley per Lorenzo Pritelli che vince gara uno indisturbato dopo il colpo di scena per la classifica di campionato quando Gabriel Fabio Vuono, leader in campionato, scivola sul bagnato nel corso del terzo giro. Al termine della bagarre Carmelo Greco e la wild card Enrico Dal Bosco sono rispettivamente secondo e terzo. In gara due Gabriel Fabio Vuono rompe gli indugi e dopo lo zero di gara uno vince sull'asciutto centrando il titolo tricolore. Roman Durdis e Lorenzo Fino sono secondo e terzo al traguardo. Il Campione Italiano MiniGP Italy Series 2022 è Gabriel Fabio Vuono che insieme al secondo classificato Lorenzo Fino stacca il biglietto per la MiniGP World Final di Valencia, per loro 230 e 213 punti. Più staccato con 150 punti Tomas Turetta terzo classificato.

Condizioni meteo molto difficili con pista bagnata e una leggera pioggia che rende scivoloso il tracciato per gara uno. Partenza thriller per Gionata Barbagallo che scivola in curva uno coinvolgendo anche Cristian Borrelli, finisce subito la loro gara lasciando Edoardo Savino libero di gestire gli avversari senza strafare. Vince Mattia Guaita, secondo Savino, terzo Kevin Cancellieri. Gara due con pista asciutta vede vincere Edoardo Savino al termine di un bel duello con Gionata Barbagallo e Cristian Borrelli che passano sotto la bandiera a scacchi in seconda e terza posizione. Manfredi Balducci, quarto al traguardo, guadagna la terza posizione a causa della squalifica di Cristian Borrelli. Il titolo Ohvale GP2 190 2022 è di Edoardo Savino che con sei vittorie, cinque secondi posti e un unico passo falso totalizza 250 punti, dietro di lui Gionata Barbagallo e Cristian Borrelli rispettivamente con 224 e 148 punti al termine dell'ultima gara.

Problemi in griglia per Luca Rizzi che esce dallo schieramento per poi riposizionarsi in prima fila. Battaglia a fine gara tra Rizzi, Francesco Contu e Matteo Mancini con arrivo al traguardo nell'ordine. Splendida gara due di Matteo Mancini che in lotta per la vittoria del titolo riesce a prendere subito un discreto vantaggio vincendo indisturbato e facendo suo il Campionato. Giorgio Formisano e Stefano Turato tagliano il traguardo in seconda e terza posizione. Matteo Mancini è Campione Italiano Ohvale GP0 110 grazie a cinque vittorie che sommate ai piazzamenti gli permettono di totalizzare 210 punti in classifica generale. I gemelli Stefano e Luca Turato sono rispettivamente secondo e terzo al termine del Campionato con 195 e 169 punti.

Al termine della mattinata non piove più e sull'asfalto cominciano a formarsi delle tracce asciutte. Parte fortissimo Valentino Sponga già Campione Italiano SP2 con un round di anticipo. Errori e cadute stravolgono l'ordine di arrivo, vince Roberto Piras seguito da Matteo Turato e Sponga. Per la SP1 il vincitore di gara uno è Alessandro Aguilar Carballo seguito da Nicolas Zanin e Angelo Mottola. In gara due Valentino Sponga parte bene e domina tutta la gara, dietro di lui rimonta furibonda di Gianmaria Ibidi che chiude al secondo posto, terzo Matteo Turato per la SP2. Nicolas Zanin vince nella classe SP1 seguito da Alessandro Aguilar Carballo e Leonidas Guimaraes. A seguito della squalifica di Antonio Iorio il Campione Italiano Aprilia Sport Production SP1 è Angelo Mottola per un solo punto su Antoine Nativi, 164 punti per il campione, 163 punti per il francese. Terzo in classifica Alessandro Aguilar Carballo con 157 punti.

Per scoprire tutte le attività dell'Autodromo di Varano de' Melegari e il calendario completo 2022 è possibile consultare il sito ufficiale autodromovarano.it, e i canali ufficiali sui social network.

Credits: Autodromo Riccardo Paletti - Ufficio Stampa


lunedì 19 settembre 2022

MotoCorse, CIV: Prime vittorie e spettacolo in pista al Mugello nel penultimo round tricolore


Prime vittorie, arrivi in bagarre e tanto spettacolo. Le gare del sabato del round Pata al Mugello hanno regalato emozioni a cominciare dalla Sbk, che ha visto la prima vittoria al CIV di Randy Krummenacher. Il pilota svizzero ha ottenuto il successo su una pista che dopo la pioggia intensa della mattina si andava asciugando. Condizioni difficili quindi, che non hanno impedito all’alfiere Yamaha Team Keope di conquistare la prima posizione con oltre 22 secondi di vantaggio sull’Aprilia Nuova M2 Racing di Alex Bernardi, con la Honda Scuderia Improve – Firenze Motor di Luca Vitali a chiudere il podio. Doppia caduta per Michele Pirro. Il pilota Barni Spark Racing Team è riuscito comunque a ripartire, chiudendo undicesimo, con una Ducati danneggianta e senza l’ausilio del freno anteriore. Out invece per una scivolata Alessandro Delbianco. In classifica generale Pirro è leader con 184 p. davanti a Delbianco con 123 p. e Vitali con 110 p.

In Moto3 è stato Vicente Perez Selfa a vincere, primo successo anche per lui in questa stagione. Il pilota We Race-SM POS Corse BeOn ha tagliato per primo il traguardo con un vantaggio di cinque secondi sui suoi inseguitori. Dietro di lui, bagarre a tre per le restanti posizioni di vertice, con l’alfiere Pata Talento Azzurro FMI Cesare Tiezzi (AC Racing Beon) secondo davanti ad Alberto Ferrandez Beneite (Gp Project 2 WP Factory Racing 2WheelsPoliTo). E con Biagio Miceli (Gresini Racing) ai piedi del podio, vicinissimo ai suoi avversari. In classifica generale Carraro, impegnato nel mondiale Moto3 in sostituzione dell’infortunato Matteo Bertelle, è ancora leader con 151 p. davanti a Tiezzi con 143 p. e Ferrandez con 129 p.

Testa a testa nella SSNG, con Nicholas Spinelli (Barni Spark Racing Team) e Matteo Ferrari (Ducati Toccio Racing) che sono si sono giocati la vittoria in volata. Ad ottenere il successo, il primo per lui nella categoria, è stato il pilota del Barni Spark Racing Team, per soli 8 millesimi sul rivale su Ducati Toccio Racing. Terzo posto, distante però oltre 26 secondi dai primi, per Lorenzo Gabellini (Cecchini Racing Team Ducati), con Massimo Roccoli (Yamaha Promodriver Organization) ai piedi del podio. In classifica generale Spinelli è il nuovo leader con 142 p. davanti a Roccoli con 141 p. e Roberto Mercandelli (Team Rosso e Nero Yamaha, 7° in gara) a 129 p. Nella 600CIV vittoria per Emanuele Pusceddu (J. Angel Racing Team Yamaha), vincitore davanti a Marco Bussolotti (Axon-Seven Team Yamaha) con Kevin Zannoni (Team Rosso e Nero Yamaha) terzo. In classifica generale Bussolotti è in vetta con 200 p. davanti a Zannoni con 155 p. e Pusceddu a 150 p.

Bagarre in Premoto3, con i primi sei piloti racchiusi in quattro decimi. A conquistare la vittoria è stato Leonardo Zanni (AC Racing Team Brevo), davanti a Brian Diego Uriarte (BeOn) con Lorenzo Cavalletto (We Race-SM POS Corse Brevo) in terza posizione. Vicinissimi a loro hanno concluso nell’ordine: Edoardo Liguori (Pasini Racing Team 2WheelsPoliTo), Giulio Pugliese (AC Racing Team Brevo) e il sudafricano Kgopotso Mononyane (M&M Technical Team). In classifica Zanni è leader con 162 p. davanti a Pugliese con 132 p. e Uriarte a 105 p.

Battaglia anche in Ss300, con un arrivo in volata che ha coinvolto cinque piloti. La prima posizione è andata al poleman Matteo Vannucci (AG Motorsport Italia Yamaha), che è riuscito a piegare Oscar Nunez Roldan (TMF Guerreri Racing Team Kawasaki) secondo e Leonardo Carnevali (Box Pedercini Corse Kawasaki) terzo, con Alfonso Coppola (VM Racing Team Yamaha) ed Emiliano Ercolani (Yamaha) vicinissimi ai rivali. Nella generale Carnevali è leader con 156 p. davanti a Vannucci con 150 p. e Vocino (Prodina Racing Kawasaki, 8° in pista) con 126 p.

Le gare della domenica del round Pata CIV hanno lasciato aperta la lotta per il titolo in tutte le categorie, con un colpo di scena in Sbk. Al Mugello è stato Alessandro Delbianco a vincere. Il pilota Aprilia Nuova M2 Racing ha ottenuto così la tanto attesa prima vittoria nella categoria, conquistando il successo con un secondo di vantaggio sulla Yamaha Keope Motor Team di Randy Krummenacher, con la Honda Scuderia Improve – Firenze Motor di Luca Vitali a chiudere il podio. 

Il colpo di teatro è avvenuto alla fine del penultimo giro. Michele Pirro era in testa, in pieno controllo della gara, quando la sua Ducati Barni Spark Racing Team ha cominciato a fumare. Problema tecnico per lui e ritiro, proprio mentre era in procinto di conquistare l’ennesimo titolo italiano. In classifica generale Pirro è leader con 184 p. davanti a Delbianco con 148 p. e Vitali con 126 p.


Doppietta per Vicente Perez Selfa in Moto3. Il pilota We Race-SM POS Corse BeOn ha concluso un weekend perfetto, pole e doppia vittoria, con il successo di oggi ottenuto con oltre 11 secondi di vantaggio su Alberto Ferrandez Beneite (Gp Project 2 WP Factory Racing 2WheelsPoliTo). Bagarre per il terzo gradino del podio, al termine della quale è stato Daniel Munoz (Phantom) ad avere la meglio su Biagio Miceli (Gresini Racing) e Mattia Volpi (Brevo). Sesta posizione per il pilota Pata Talento Azzurro FMI Cesare Tiezzi (AC Racing BeOn). In classifica generale Tiezzi è leader con 153 p. davanti a Carraro con 151 p. e Ferrandez con 149 p.

Gran battaglia in Premoto3, con un arrivo in volata che ha coinvolto ben sei piloti. A vincere al fotofinish è stato Brian Diego Uriarte (BeOn), davanti al pilota Pata Talento Azzurro FMI Leonardo Zanni (AC Racing Team Brevo) con il compagno di team Gabriel Tesini a chiudere il podio. Sesta posizione finale per Giulio Pugliese. In classifica generale Zanni è leader con 182 p. davanti a Pugliese con 142 p. e Uriarte con 130 p.

Vittoria di Matteo Vannucci in Ss300. Scattato dalla pole, il pilota AG Motorsport Italia Yamaha è stato autore di una gara condotta in solitaria dall’inizio alla fine, nella quale ha imposto un ritmo insostenibile per i suoi avversari, andando a vincere con quasi dieci secondi di vantaggio sul gruppo dei suoi inseguitori. Dietro di lui bagarre per le restanti posizioni del podio, con un arrivo in volata che ha visto tanti piloti lottare per fare risultato. A conquistare la seconda posizione è stato Nikolas Marfurt (Racestar Yamaha) con Davide Conte (GradaraCorse Kawasaki) terzo, primo podio per lui. In classifica generale Vannucci è leader con 175 p. davanti a Carnevali (Box Pedercini Corse, 6° in gara) con 166 p. e Vocino (Prodina Racing Kawasak, out in gara) con 126 punti. Vannucci che conclude qui la sua stagione al CIV in quanto impegnato nel mondiale di categoria. Mattia Martella (Prodina Ircos Kawasaki) era transitato secondo sotto la bandiera a scacchi, salvo essere poi penalizzato di 1 secondo per track limit.

La gara della Supersport, dopo essere stata interrotta per due bandiere rosse esposte per cadute, è stata cancellata in quanto, essendo l’ultima della giornata, non poteva più godere delle condizioni di visibilità necessarie per svolgersi in sicurezza.

Il CIV tornerà in pista a Imola per il round finale dell’otto e nove ottobre.

Credits: Bonoragency Photosport; Civ.tv

domenica 31 luglio 2022

CIV. Doppiette per Pirro (Sbk) e Mercandelli (Ng) a Misano


Non sono mancate le emozioni nelle gare della domenica del round Vircos al Misano World Circuit “Marco Simoncelli”, giornata che ha visto anche la parata dei motociclisti tra le curve del circuito in occasione del raduno del Moto Club Misano.

Dopo le vittorie nella Racing Night, Michele Pirro e Roberto Mercandelli si sono ripetuti nelle gare disputate domenica.
In Sbk è stata doppietta per Pirro dopo una bella battaglia con Alessandro Delbianco. Il pilota Barni Spark Racing Team Ducati è scattato bene al via, andando subito in testa, con l’alfiere Aprilia Nuova M2 Racing che è rimasto incollato al pluricampione italiano, andando poi a prendersi la vetta della gara. 

I due distanziavano i rivali mettendo in mostra un gran passo, con Pirro che provava ad andar via e Delbianco che cercava in tutti i modi di restare vicino al rivale, salvo doversi arrendere nella parte finale di gara, con Pirro che realizzava il best lap alla penultima tornata (1’35.860). 
Settima vittoria su otto gare per Pirro, quinto podio per Delbianco in questo 2022. Terza posizione per la Yamaha Keope di Randy Krummenacher, primo podio per lui nella Sbk italiana. In classifica generale Pirro è leader con 179 p. davanti a Delbianco con 123 p. e Canepa con 104 p.
Doppietta anche per Roberto Mercandelli in Ng. In una gara dove sono stati in quattro a giocarsi la vittoria, il pilota Team Rosso e Nero Yamaha è stato autore di un funambolico penultimo giro, grazie al quale è riuscito a conquistare quel tanto di margine che gli ha regalato la vittoria anche nella gara di domenica. Alle sue spalle, seconda posizione per Nicholas Spinelli (Barni Spark Racing Team Ducati), con Matteo Ferrari (Ducati Toccio Racing) terzo e Massimo Roccoli (Yamaha Promo Driver Organization) ai piedi del podio. 

In classifica generale Roccoli è in vetta con 128 p. davanti a Mercandelli con 120 p. e Spinelli con 114 p. Nella 600CIV la vittoria è andata a Emanuele Pusceddu (J. Angel Racing Team Yamaha) davanti a Marco Bussolotti (Axon Seven Yamaha) e Armando Pontone (Bike e Motor Racing Team Yamaha). In classifica Bussolotti è primo con 180 p. davanti a Zannoni (Team Rosso e Nero Yamaha, out in gara) con 139 p. e Pusceddu con 125 p.

Nel corso della giornata c’è stato spazio anche per il momento clou del raduno del Moto Club Misano: la parata in pista dei motociclisti. Un serpentone di moto che ha attraversato il circuito di Misano regalando un gran colpo d’occhio.

Il CIV tornerà in pista con il quinto round del Mugello il 17 e 18 settembre.

Crediti foto: Bonoragency Photosport

domenica 19 giugno 2022

Motocorse, CIV: doppietta di Pirro e Baldassarri al Mugello



Gare spettacolari nella domenica del round Just1 CIV al Mugello, a cominciare dalla Sbk. A vincere è stato ancora Michele Pirro (Barni Spark Racing Team), quinto successo su sei gare per lui e doppietta al Mugello. In pista però c’è stata battaglia, con Andrea Mantovani a lungo in testa. Il pilota Broncos Ducati ha provato in tutti i modi a portarsi a casa la vittoria, arrendendosi solo nel finale al ritmo di Pirro e chiudendo in seconda posizione, a cinque decimi dal pluricampione italiano. Bagarre per il terzo posto, con una volata che ha visto prevalere la Yamaha Keope Motor Team di Canepa sull’Aprilia Nuova M2 Racing di Alessandro Delbianco, con quest’ultimo che nella prima parte di gara era riuscito a stare in vetta e battagliare con Mantovani. In classifica generale Pirro è leader con 129 p. davanti a Canepa con 104 p. e Delbianco con 83 p.

Doppietta per Lorenzo Baldassarri nella Ng. Il pilota Yamaha Evan Bros, proveniente dal mondiale di categoria e impegnato al CIV come wild card, è riuscito a battere la Ducati Barni Spark Racing Team di Nicholas Spinelli, secondo al traguardo e distante 3 secondi e mezzo da “Balda”. Battaglia per il terzo posto, al termine della quale l’ha spuntata Matteo Ferrari (Ducati Toccio Racing), davanti al pilota Pata Talento Azzurro FMI Matteo Patacca (Ducati Renzi Corse), Stefano Valtulini (Yamaha Gomma Racing) e Massimo Roccoli (Yamaha Promodriver organization). In classifica generale Roccoli è ancora leader con 99 p. davanti a Valtulini con 81 p. e Spinelli con 74 p. 
Nella 600CIV prima vittoria per Emanuele Pusceddu (J Angel racing Team Yamaha), bravo ad avere la meglio su Marco Bussolotti (Axon Seven Yamaha) con Kevin Zannoni (Rosso e Nero Yamaha) terzo. In classifica generale Bussolotti è leader con 135 p. davanti a Zannoni, a 126 p. Pusceddu è terzo con 96 p.

Vittoria di Guido Pini (AC Racing Team BeOn) in Moto3. Il 14enne Pata talento Azzurro FMI, al primo weekend di gara nella Moto3 dell’italiano (wild card), è riuscito a battere in volata lo spagnolo Alberto Ferrandez Beneite (GP Project 2 WP Factory Racing 2WheelsPoliTo), confermando tutto il suo talento. Pini è infatti impegnato anche nella European Talent Cup, competizione in cui è attualmente secondo. Gran bagarre per la terza posizione, con un arrivo al fotofinish che ha premiato l’alfiere Gresini Racing Biagio Miceli, davanti a Cesare Tiezzi (AC Racing Team BeOn). Out al primo giro per una caduta Nicola Carraro (We Race – SM Pos Corse BeOn). In classifica generale Carraro è leader con 106 p. seguito da Tiezzi, vicinissimo a 101 p. con Miceli terzo a 92 p.

Battaglia in Premoto3, con un arrivo in volata che ha visto quattro piloti giocarsi la vittoria. Alla fine è stato il pilota Pata Talento Azzurro FMI, Edoardo Boggio (GP Project 2 WP Factory Racing 2WheelsPoliTo), ad avere la meglio su Brian Diego Uriarte (BeOn), Giulio Pugliese (AC Racing Brevo) e Leonardo Zanni (AC Racing Brevo), bravo a rimanere in piedi nonostante un piccolo errore all’ultimo giro. In classifica generale Zanni è sempre leader con 125 p. davanti a Giulio Pugliese con 96 p. e Luca Agostinelli (M&M Technical Team, 9° in gara) a 64 p.

Doppietta per Leonardo Carnevali nella Ss300. Il pilota Box Pedercini Corse Kawasaki ha ottenuto un doppio successo nel round Just1, con Matteo Vannucci ancora secondo e Oscar Nunez Roldan (TMF Guerreri Racing Team Kawasaki) terzo. La lotta per la vittoria ha visto questi tre piloti arrivare vicinissimi sotto la bandiera a scacchi, con la volata che aveva premiato Vannucci. Il pilota AG Motorsport Italia Yamaha è stato poi penalizzato per un track limit avvenuto nell’ultimo giro. Quarto posto per Emanuele Vocino (Prodina Racing). In classifica generale Vannucci è leader con 125 p. davanti a Carnvali con 110 p. e Vocino con 85 p.

Il CIV tornerà in pista il 30 e 31 luglio dal Misano World Circuit, appuntamento in cui ci sarà la Racing night.


MotoCorse, CIV al Mugello: le foto di Bonoragency Photosport

Autodromo del Mugello
19 Giugno 2022
CIV, Campionato Italiano Velocità Moto

foto di Bonoragency Photosport

riproduzione riservata

















mercoledì 30 marzo 2022

MotoCorse/ Parte da Misano la stagione 2022 del CIV


Il CIV sta per tornare in pista. Nel fine settimana il Misano World Circuit “Marco Simoncelli”, che quest’anno festeggerà i 50 anni di storia, ospiterà il Round XLMoto della nuova stagione del Campionato Italiano. Un 2022 ricco di novità, con la categoria Supersport Ng, il motore 450 per tutta la griglia della Moto3, i nuovi limiti di età per le categorie e una SBK dove abbonda il talento. Round XLMoto che godrà di ampia visibilità con la new entry di FedermotoTV, la nuova piattaforma Ott FMI che trasmetterà tutte le gare del CIV. Un weekend aperto al pubblico dove non mancheranno gli eventi, a cominciare dalla presentazione del progetto CIV Green, dedicato alla compensazione delle emissioni di CO2.

SBK stellare nel CIV 2022, con tutte le maggiori Case presenti, Aprilia, Ducati, Honda, Kawasaki, Suzuki, Yamaha. Si riparte dal pluricampione Michele Pirro e dal team Ducati Barni Spark Racing. La lista degli avversari per il tester Ducati è lunga: Canepa con la Yamaha del Keope Motor Team, Delbianco con l’Aprilia Nuova M2 Racing, Zanetti con la Ducati Broncos e le Honda DMR Racing e Improve di Flavio Ferroni e Luca Vitali. E ancora la Suzuki Penta Motorsport di Danny Webb e la Kawasaki Black Flag Motorsport di Sheridan Morais, rispettivamente sostituti degli infortunati Kevin Manfredi e Samuele Cavalieri. Restando in tema sostituti, da segnalare la presenza di Mattia Pasini con la Yamaha del Team Keope al posto di Randy Krummenacher, costretto a dare forfait per problemi fisici. Curiosità per vedere in pista Doriano Vietti Ramus, fratello di Celestino.

Tutti da scoprire gli equilibri della Moto3 e i suoi nuovi protagonisti. A cominciare dai Pata Talenti Azzurri Cesare Tiezzi e Riccardo Trolese (entrambi Beon AC Racing), saliti dalla Premoto3, così come il campione 2021 dell’entry class, lo spagnolo Ferrandez Beneite, al via in Moto3 con la 2WheelsPoliTo del Gp Project 2 Wp Factory Racing. Una nuova stagione che vedrà anche il ritorno all’italiano di Nicola Carraro (Beon We Race – SM Pos Corse).

Grande novità per la 600 del CIV, che nel 2022 vedrà griglia unica ma classifiche separate per due diverse categorie, la 600 CIV, formata da moto con la consueta configurazione, e la Supersport Ng, con moto in configurazione mondiale, che seguiranno lo stesso regolamento iridato. Tanti i nomi da tenere d’occhio nella Ng: Matteo Ferrari (Ducati Toccio Racing), Mattia Casadei (Yamaha Rosso Corsa), Nicholas Spinelli (Ducati Barni Spark Racing), Stefano Valtulini (Yamaha Gomma Racing). Ai quali si aggiungono il pluricampione Massimo Rocoli (Yamaha Promo Driver Organitazion), l’alfiere Pata Talenti Azzurri Matteo Patacca (Ducati Renzi Corse) e i due protagonisti della scorsa stagione: Davide Stirpe (MV Agusta Extreme Racing Service) e Roberto Mercandelli (Yamaha Rosso e Nero). Anche nella 600 CIV non mancano i pretendenti al titolo, tra i quali Marco Bussolotti (Yamaha Axon Seven Team) e Kevin Zannoni (Team Rosso e Nero). Riflettori puntati poi sul giapponese Shogo Kawasaki (Yamaha Faieta Motors By Speed Action).

Tanti piloti al via con equilibri tutti da scoprire. Questi gli elementi principali della Premoto3, categoria che da quest’anno vedrà innalzato il limite di età minimo per partecipare, fissato ora a 13 anni, con l’inserimento di un’età massima: 16 anni. A lottare per le posizioni di vertice ci saranno, tra gli altri, i piloti parte del progetto Pata Talenti Azzurri Giulio Pugliese, Leonardo Zanni e Gabriel Tesini (Brevo Ac Racing) insieme a Edoardo Liguori, Mattia Romito e Matteo Gabarrini (2 Wheels Polito Pasini Racing). Occhi puntati anche sul sudafricano Kgopotso Mononyane (M&M Technical Team), già presente al CIV 2021.

Discorso simile per la SS300, con più di 40 piloti al via e tanti protagonisti pronti a giocarsi il titolo, tra i quali non mancherà il campione in carica Matteo Vannucci (Yamaha AG Motorsport Italia). Limite di età minimo dei partecipanti innalzato anche nella 300, ora a 14 anni, con un’età massima fissata a 25 anni. Riflettori puntati anche sul Withu 511 Racing Team, la squadra tutta al femminile che vedrà al via la spagnola Sara Sanchez e la sudafricana Jessica Howden su Kawasaki. Tutto per una categoria con diversi piloti stranieri al via.

Non mancheranno gli eventi di contorno al Round XLMoto. Sabato spazio alla presentazione di CIV Green, il progetto di compensazione ambientale delle emissioni di CO2. Nel 2021 alcuni tecnici FMI, con la supervisione degli specialisti ISPRA, hanno determinato le emissioni di CO2 delle sei prove del CIV 2021, stabilendo poi la quantità di alberi da piantare per compensarle. Attività che non è rimasta su carta ma è stata concretamente realizzata. Lo scorso 21 marzo infatti sono stati piantati a Misano circa 60 alberi grazie anche al supporto del Comune di Misano, del Reparto Carabinieri Biodiversità di Pieve Santo Stefano, fornitore degli alberi, e della GEAT, società che cura il verde a Misano. Il progetto CIV Green, coordinato dalla Commissione Ambiente e dal Comitato Italiano Velocità FMI con il supporto dei Delegati Ambientali FMI e dei Comitati Regionali, ha visto anche il coinvolgimento dei rispettivi autodromi sede del CIV. Durante la presentazione, oltre a rappresentati federali interverranno anche autorità comunali e vertici CUFA. Considerato l’impegno per il continuo miglioramento della sostenibilità del motociclismo FMI, è stato deciso di avviare la certificazione del CIV secondo la ISO 20121:2013, relativa alla sostenibilità ambientale dei grandi eventi. Cosa che farà del CIV il primo campionato motociclistico al mondo con certificazione di sostenibilità.

Credits: Media CIV; foto Dario Avancini

lunedì 5 luglio 2021

ELF CIV A IMOLA: LE FOTO DI DARIO AVANCINI

ELF CIV ALL'AUTODROMO ENZO E DINO FERRARI
Round 3
Imola, 3 luglio 2021 - 4 luglio 2021
le foto di Dario Avancini - Photo Art Evolution