lunedì 24 aprile 2017

A MONZA PODIO BIS PER DAVIDE RODA NEL PRIMO APPUNTAMENTO DEL LAMBORGHINI SUPER TROFEO EUROPA


Dopo il terzo posto della PRO-AM conquistato nella prima delle due gare del weekend inaugurale del Lamborghini Super Trofeo Europa 2017, Davide Roda è salito nuovamente sul podio conquistando ancora un terzo posto in Gara 2 in equipaggio con Kikko Galbiati.

A Monza, sul suo circuito di casa, il pilota comasco è stato protagonista con i colori del team Antonelli Motorsport di un weekend straordinario. Sabato, solo un testacoda di cui era stato protagonista il lombardo poco prima dei cambi ai box, aveva privato Roda e Galbiati di una probabile affermazione di classe. Oggi, a prendere il via è stato invece Galbiati, che dalla sesta fila si è subito fatto largo.

"Kikko mi ha dato la macchina in una buona posizione. Dopo i pit-stop, quando sono rientrato in pista, ero quarto della PRO-AM. Poi ho passato una vettura del team Konrad ed un'altra macchina della Artline che ha provato a chiudermi in tutti i modi. Alla fine sono riuscito a stargli davanti. Una bella soddisfazione..." - ha commentato Roda.

Due podi consecutivi sono un ottimo risultato, che dà ulteriore carica in vista dei prossimi round del campionato.

Regolarità Auto Storiche - Buon debutto di Senna e Gnocchi a "In corsa con MEDeA"

Si è svolta con successo a Cremona "In corsa con MEDeA", manifestazione di regolarità organizzata dalla Scuderia 3T Autostoriche Cremona, il cui ricavato verrà devoluto alla associazione MEDeA (Medicina e Arte), fondata nel 2003 a Cremona con diverse attività in campo oncologico. 

Gara vinta da Guido Barcella e Ombretta Ghidotti su Porsche 356 davanti a Armando Fontana e Silvia Grossi su Autobianchi A112 e a Antonino Montalbano e Paolo Concari su Autobianchi A1112.


La gara cremonese ha visto il debutto di una nuova coppia della regolarità per auto storiche con al volante una vecchia conoscenza dell'ambiente come Maurizio Senna che si è affidato alle note di Giacomo Gnocchi, debuttante sul sedile di destra in una gara a calendario Aci Sport dopo il debutto assoluto avvenuto poche settimane fa al Memorial Eugenio Castellotti e concluso con un brillante secondo posto.

Il giovane allievo di Maurizio Senna, di cui è concittadino, si è ben comportato anche a Cremona e senza la sbavatura nella parte finale della gara, che prevedeva lo svolgimento di circa 100 prove, avrebbe concluso nella parte alta della classifica finale.

"La gara di Cremona è stata utile per verificare l'affiatamento con Giacomo Gnocchi che avevo visto in azione in occasione del corso che ho organizzato per il Club Castellotti e del Memorial di un mese fa in cui è arrivato al secondo posto. Giacomo è giovane ma ha passione e capacità per emergere nel mondo della regolarità. A Cremona abbiamo disputato una buona gara anche se eravamo per la prima volta insieme in equipaggio" 

Senna e Gnocchi, in gara su una Autobianchi A112, si sono classificati in 24a posizione e la prova è stata per Maurizio Senna un buon allenamento in vista del Valsugana Historic Classic in programma nel prossimo fine settimana e valido per il Trofeo Tre Regioni. In questa occasione, Senna sarà in gara con Lorena Zaffani, sua navigatrice abituale, su Volkswagen Golf Gti.

> FOTO DI GIACOMO TERNO

ELF CIV 2017 a Imola: in Superbike vince ancora Michele Pirro


Numeroso il pubblico in Autodromo a Imola per la seconda giornata del primo appuntamento dell’ELF CIV 2017.
In Superbike, Michele Pirro (Ducati Barni Racing su Pirelli) ha trionfato anche alla domenica andando a vincere in solitaria con nuovo giro record (1’48.442). La gara è stata inizialmente interrotta per bandiera rossa a causa di una serie di cadute per olio in pista. Dopo la pulizia e la procedura di ripartenza veloce, la gara è stata disputata sempre sulla distanza di 14 giri. Seconda posizione per Michael Rinaldi. Il pilota Ducati Aruba Junior ha dimostrato di essersi preparato al meglio per la gara di Assen. Terza posizione per Roberto Tamburini su Pata Yamaha Official Team, che migliora rispetto a sabato dove aveva chiuso ai piedi del podio. Quarto posto per Eddi La Marra (Ducati Motocorsa). La classifica di campionato vede Pirro in testa a punteggio pieno seguito dalla wild card (nelle gare di Imola) Rinaldi (36 p.) con Zanetti 3° a 29 punti (7 in gara). 

La seconda gara SS600 è andata a Davide Stirpe. Dopo una partenza che ha visto tutti i piloti vicini tra loro è stato l’alfiere Extreme Racing Service su MV Agusta a dimostrare di avere qualcosa in più, andando a vincere e conquistando anche la vetta della classifica di campionato. Dietro di lui le Yamaha del team Gas Racing. A tagliare il traguardo in 2° posizione è stato Marco Bussolotti, distanziando di pochissimo Lorenzo Gabellini. Quarto posto per la MV Agusta Ellan Vannin di Ilario Dionisi che è riuscito a precedere Loris Cresson con Nicola Morrentino solo 6° oggi. In classifica generale c’è Stirpe al comando (45 p.) davanti a Morrentino (35) e Bussolotti (33 p.).

Spettacolare battaglia in Moto3, con volata a cinque piloti conclusa solo all’ultima staccata. E con un podio composto da piloti 3570 Talenti Azzurri FMI. Anthony Groppi era stato il primo a passare sotto la bandiera a scacchi, ma è stato penalizzato di un secondo per taglio dell’ultima variante. La vittoria è andata a Nicholas Spinelli (Pro Racing Team KTM), con seconda posizione per Edoardo Sintoni (3570 MTA Mahindra) e Kevin Zannoni a chiudere il podio (MF84 Pluston Althea KTM). Dietro di loro i piloti del team di Fausto Gresini Tommaso Marcon e Groppi. In classifica generale conduce Sintoni (p. 45) davanti a Spinelli (p. 35) con Groppi 3° (p.31 ).

> Foto di Andrea Bonora

CIV a Imola: Elia Bartolini ancora a podio con RMU VR46RA



Nella seconda giornata di gare all’Autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola dove si è aperto il Campionato Italiano Velocità 2017, nella PreMoto 3, dopo la stupenda vittoria di ieri, il romagnolo Elia Bartolini (RMU VR46 RA) ha dato spettacolo anche oggi cogliendo il terzo posto al termine di una gara mozzafiato. Il pilota di Sarsina è scattato in scia a Surra (SpeedUP) con il quale si è alternato al comando per i primi 6 giri. Al settimo passaggio nella bagarre Bartolini è stato scavalcato da Surra e Brianti (2 Wheels Polito). 
Gli ultimi tre giri sono stati da cardiopalma con il pilota RMU VR46 RA che ha cercato di passare in tutti i modi i due avversari all’interno e all’esterno, cogliendo il terzo posto. E’ stato un grande week end di esordio per lui e per il team con vittoria, podio, pole position e giro veloce in gara 1. 
Lorenzo Bartalesi ha preso una buonissima partenza e dal sesto posto è risalito fino al quarto. Anche per lui week end molto positivo in vista di Misano Adriatico. L’americano Jigalov al 4° giro è uscito di pista alla Variante Alta, ha saputo tenere la moto rientrare in pista ed ottenere un buon 11esimo posto e 5 punti in classifica. Bartolini è secondo in classifica generale a 4 punti da Surra, Bartalesi è 4° e Jigalov 7°.

In Moto3 non ha preso purtroppo il via Thomas Rossi, il riminese caduto ieri alla Variante Alta ha riportato la frattura scomposta del polso sinistro mentre stava battagliando per la sesta posizione. Ha vinto Spinelli (KTM) davanti a Sintoni (Mahindra) e Zannoni KTM).

Ramona GATTAMELATI team Co Ordinator VR46 Riders Academy: «Molto positivo il week end di Elia Bartolini che è secondo in classifica in un Campionato che è molto lungo regalandoci i primi due podi stagionali. Oggi probabilmente ha commesso qualche errorino ma la sua prestazione lo colloca tra i protagonisti del torneo. Bartalesi e Jigalov hanno mostrato belle cose e hanno un ampio margine di miglioramento. Per la Moto 3 con Thomas Rossi i medici prevedono un periodo di recupero che probabilmente lo obbligherà a saltare la tappa di Misano Adriatico. Già da domani (oggi, ndr)saremo al lavoro per preparare la prossima gara, abbiamo in programma due test, al World Circuit con VR46 e un secondo in un altro circuito ancora da definire».

Prossimo Round CIV: 20 e 21 maggio Misano World Circuit

- Crediti: Studio Bergonzini Comunicazione

domenica 23 aprile 2017

Blancpain GT Series Endurance Cup: Lamborghini davanti a Ferrari e Mercedes nella 3 Ore di Monza



Affermazione della Casa di Sant’Agata Bolognese nella prima gara endurance del campionato Blancpain GT 2017 che si è svolta all’Autodromo Nazionale Monza, concludendo un fine settimana che ha richiamato un folto numero di appassionati (in totale oltre 20mila presenze). Partenza (in pole la Ferrari 488 GT3 numero 50 dell’AF Corse) caratterizzata da vari contatti che innescano una gigantesca carambola che coinvolge numerose vetture di cui una decina escono di pista con danni che impediscono la loro ripartenza. 
Inevitabile bandiera rossa e alla ripartenza, dopo circa un quarto d’ora, in testa è la Ferrari 488 GT3 numero 72 (SMP Racing) guidata dallo spagnolo Miguel Molina, seguita dalla Bentley Continental numero 7 (M-Sport) con il britannico Guy Smith e dalla Lamborghini Huracan numero 63 (GRT Grasser Racing Team) con Mirko Bortolotti. Bortolotti attacca, alla ricerca del secondo posto, ma poi desiste all’annuncio della penalizzazione comminata alla Bentley, ritenuta responsabile dell’incidente iniziale: uno stop and go che Smith non rispetta e che gli vale la bandiera nera. 
Tre italiane al comando, Ferrari e due Lamborghini (terzo Fabrizio Crestani dell’Orange 1 Team Lazarus). Quarta la Nissan Nismo (Motul Team) con il britannico Struan Moore, mentre prodigiosa è la cavalcata della Porsche 911 con il tedesco Alfred Renauer (Herberth Motorsport): partito dalla dodicesima fila risale fino alla quinta posizione. 
Dopo un’ora, cambio e rifornimento ai box. Trascorre un’altra mezz’ora e ai 150 minuti questa è la situazione: in testa la Lamborghini Huracan numero 63 ora guidata da Andrea Caldarelli, che si avvantaggia di una ventina di secondi, seguita dalla Ferrari 72 con il russo Victor Shaytar, dalla Audi R8 LMS numero 75 (ISR) con il ceco Filip Salaquarda e dalla Ferrari 488 GT3 numero 50 con Michele Rugolo. Bel duello fra Salaquarda e Rugolo per la terza posizione e poi fra i due e Shaytar per la seconda. Alla fine dei cambi, conclusi appena oltre la seconda ora, si arriva con in testa la Ferrari 488 numero 55 della Kaspersky Motorsport guidata dal britannico James Calado che cede la guida a Giancarlo Fisichella, che riparte in sesta posizione.

L’ultima frazione di gara, dopo la girandola dei cambi, vede saldamente al comando la Lamborghini numero 63 con il tedesco Christian Engelhart. Grande battaglia sul filo di pochi decimi, alle sue spalle, fra la Ferrari numero 72 con Davide Rigon, l’Audi numero 75 con l’austriaco Clemens Schmid e la Ferrari 50 con Alessandro Pier Guidi. Rigon perde la seconda posizione a causa di una penalizzazione: dopo il drive through, ricevuto per aver compiuto un sorpasso con bandiere gialle, rientra sesto dietro Fisichella. Si scatena, curva dopo curva, la lotta fra Schmid e Pier Guidi. Quarta è la Mercedes AMG numero 84 del team HTP Motorsport con il francese Franck Perera. A sei minuti dalla conclusione l’Audi di Schmid è costretta al ritiro. La Lamborghini Huracan con Engelhart vola indisturbata, forte di un vantaggio di circa 30 secondi, al traguardo e vince, dopo 92 giri, alla media di 158.2 Km/h. Seconda la Ferrari di Pier Guidi e terza la Mercedes di Perera. Al quarto posto giunge Fisichella. Giro più veloce per l’Aston Martin numero 97 con il britannico Jonny Adam alla media di 190.6 Km/h.

- foto Giorgio Aroldi

Il team Antonelli Motorsport trionfa a Monza nel Lamborghini Super Trofeo Europa con Mikaël Grenier e Loris Spinelli


Subito a segno il team Antonelli Motorsport, nella prima uscita stagionale del Lamborghini Super Trofeo Europa. Vittoria in Gara 2 e un terzo posto per l'inedito equipaggio formato dal pescarese Loris Spinelli, già campione PRO-AM 2015 con il team emiliano, ed il nuovo arrivo Mikaël Grenier.

L'equipaggio PRO italo-canadese è stato protagonista assoluto del weekend di Monza. Ieri, in Gara 1, Spinelli e Grenier avevano centrato il secondo posto, ma una penalizzazione comminatagli dopo l'arrivo per "unsafe release" nella ripartenza dopo il pit-stop, li aveva di fatto retrocessi di una posizione.

Oggi proprio Grenier è stato autore di un eccellente primo "stint" di guida, mantenendosi quarto al pronti-via e rimanendo attaccato al gruppo dei primi tre. Al quinto giro il pilota di Quebec City ha superato Axcil Jefferies ed è risalito secondo, approfittando anche dell'uscita di scena della vettura di Luca Rettenbacher che tallonava quella del leader Jonathan Cecotto. Quindi l'intervento della safety car ha ricompattato il gruppo e quando la situazione è tornata alla normalità Grenier è stato uno dei primi a effettuare la sosta ai box, lasciando così il volante a Spinelli.

L'abruzzese è rientrato dietro alla vettura di Rik Breukers, ma dopo un paio di giri è riuscito a passarlo alla prima variante con una manovra decisa, portandosi così al comando, approfittando anche di un problema accusato dalla vettura di testa guidata da Vito Postiglione. Negli ultimi giri Spinelli si è quindi difeso bene dagli attacchi di Breukers, andando a raccogliere un successo meritato ed altri punti importanti per la classifica.

Ma a Monza, sul loro circuito di casa, hanno fatto bene anche Kikko Galbiati e Davide Roda, con un'altra delle vetture della squadra emiliana, già terzi della PRO-AM e decimi assoluti in Gara 1 e poi ancora sul podio in Gara 2, quando hanno concluso nuovamente terzi di classe. Per Roda, protagonista nella serie Middle East lo scorso febbraio, quando ha ottenuto anche una vittoria assoluta ad Abu Dhabi, ed il suo giovane compagno di squadra (che aveva esordito brillantemente nel Super Trofeo in occasione delle World Finals 2016 di Valencia), si è trattato di un ottimo inizio che gli ha anche fruttato tanti punti importanti nell'ottica del prosieguo della stagione.

Peccato invece per Pietro Negra, già in Gara 1, sabato, non particolarmente fortunato, e nel giro di ricognizione costretto a procedere lentamente per un problema sulla sua vettura, riagganciando solo in un secondo momento la coda dello schieramento, ma poi rallentando nuovamente nel corso del secondo giro per rientrare ai box, finendo sul fondo.

Velocità Salita - Stefano Peroni su Osella domina la XXXI Camucia-Cortona


Stefano Peroni ha conquistato il successo nella XXXI Camucia-Cortona con una grande prestazione al volante della Osella PA 8/10. L'esperto pilota e preparatore fiorentino affiancato dal Team Italia, ha siglato lo splendido evento della Valdichiana, secondo episodio del Campionato Italiano Velocità Salita Autostoriche, con un sonoro 1'56''02 migliorato da un 1'55''99 che gli hanno assicurato una doppia vittoria su entrambe le salite di gara. Peroni si è quindi proiettato in vetta all'ipotetica classifica generale, come al primo posto del 3° Raggruppamento e tra i motori da 2000cc. 
A ridosso del vertice durante la tre giorni aretina si è evidenziato Piero Lottini, che ha lanciato la Osella PA 9/90 della Scuderia Bologna Squadra Corse al comando del 4° Raggruppamento su entrambe le salite di gara. Il pilota pisano si è imposto alla seconda piazza dell'ipotetica classifica generale in virtù del secondo tempo assoluto nell'ultima salita, conquistando punti fondamentali in ottica di campionato. Il week end organizzato dal Circolo Autostoriche “Paolo Piantini” ha regalato grandi soddisfazioni anche a Giuliano Peroni, che ha regalato l'ennesimo successo di gruppo alla scuderia Team Italia, imponendo la Martini MK 32 davanti a tutte le monoposto di 5° Raggruppamento e completando al terzo posto un podio virtuale tutto toscano.

Tra i premiati nella Sala Consiliare del Comune di Cortona anche un altro fiorentino, il pluricampione Tiberio Nocentini che insieme alla sua Chevron B19 ha portato i colori del Team Italia anche in vetta al 1° Raggruppamento, chiudendo al quarto posto nella classifica assoluta in entrambe le gare. Alle sue spalle è arrivato per due volte il quinto tempo firmato da Giuliano Palmieri su De Tomaso Pantera, che si è assicurato il successo nel 2° Raggruppamento come nella classe GTS+2500. Buona prova anche per Fosco Zambelli con la sua Alfa Romeo GTAM, che grazie all'ottavo tempo assoluto si aggiudica la prima posizione nella classe TC2000 e il secondo gradino di raggruppamento. Terzo risultato di categoria invece per Matteo Adragna, che impone la sua Porsche Carrera 911 RS sul podio delle GTS+2500 davanti alla Carrera RS di Ildebrando Motti.

Appena dietro al gruppo di vertice si registra la prestazione di Massimo Vezzosi, che ha proiettato la BMW 2002 Schnitzer del Club 02 al miglior piazzamento tra le silhouette, aggiudicandosi il primo posto nella particolare classe 2000. Appena dietro troviamo Gennaro Ventriglia, che ha distinto la sua Fiat X1/9 Dallara allestita dalla scuderia Vesuvio grazie al settimo tempo assoluto di gara, nonché al miglior piazzamento tra le silhouette 1600, davanti al nono della Lucchini SN86 di Sandro Zucchi che strappa il secondo miglior risultato del 4° Raggruppamento e il successo di classe N3000. Completa il pacchetto dei primi dieci piloti assoluti in gara Raniero Fumi, che al volante della Lucchini SN88 si piazza alle spalle nel compagno della Scuderia Bologna Squadra Corse nelle due graduatorie.

Rally auto storiche: Lucio Da Zanche brilla al debutto in Repubblica Ceca


Lucio Da Zanche sale sul terzo podio stagionale consecutivo in Repubblica Ceca. Al debutto nel Vltava Rally, secondo round del Campionato Europeo Rally auto storiche, il già titolato europeo del 2014 ha colto un brillante terzo posto assoluto al volante della Porsche 911 RSR firmata Pentacar e Sanremo Games. Il campione di Bormio, affiancato dal navigatore Daniele De Luis, ha disputato per la prima volta la competizione ceca sapendo far valere sensibilità e tecnica di guida sia in condizioni di asciutto sia sul bagnato fino al traguardo di un percorso mai visto prima, dove il bottino di prove speciali vinte è lievitato chilometro dopo chilometro fino a quattro. Sulle 14 in programma, l'equipaggio valtellinese della scuderia Rododendri Historic Rally ha infatti segnato il crono più veloce sulle PS4 (14 km), PS10 (2,6 km), PS11 (9,6 km) e PS14 (6,6 km), segnando una splendida progressione. 
Dopo i due grandi podi assoluti conquistati in Spagna al Rally Costa Brava e al Sanremo, Da Zanche torna dalla gara che aveva base nella città di Klatovy con l'ennesimo risultato di prestigio di un 2017 iniziato sempre ai vertici. 
In evidenza anche gli altri equipaggi sulle Porsche by Pentacar: Maurizio Pagella continua la serie positiva salendo sul podio del terzo raggruppamento confermando l'ottima intesa con il co-pilota Roberto Brea, mentre Antonio “Nello” Parisi è di nuovo imprendibile al top del primo raggruppamento navigato da Giuseppe D'Angelo.

Il commento di Da Zanche: “Abbiamo disputato una grande gara. Era difficile immaginare un esordio così incisivo in Repubblica Ceca. La nostra Porsche è stata competitiva e non ci è mai mancato il supporto degli pneumatici Pirelli, a tratti siamo stati velocissimi e dove abbiamo potuto attaccare a fondo lo abbiamo fatto nonostante per noi le prove fossero del tutto nuove e difficili da interpretare. Con De Luis e la squadra siamo felicissimi per questo podio dopo sfide impegnative contro tanti avversari, anche già esperti di questo rally. Soprattutto con un pilota già F.1 come Erik Comas è stata splendida la sfida nella prima tappa ed è stato bello segnare alcuni scratch nella giornata conclusiva su asfalto bagnato. Insomma, non abbiamo mai mollato e alla fine un risultato così importante ha ripagato tutti i nostri sforzi”.

> Foto Robert Balcar

sabato 22 aprile 2017

Blancpain GT Series: Ferrari davanti a Bentley nelle prove a Monza

FOTO LORENZO BERETTA
> 22 Aprile 2017 - E' entrato nel vivo il fine settimana monzese del Blancpain GT Series con le prove libere e la sessione di prequalifica. La vettura più veloce è stata la Ferrari 488 GT3 del team SMP Racing (equipaggio Shaytar/Molina/Rigon) in 1:48.381 (media 192.4 Km/h), davanti alla Bentley Continental GT3 del Bentley Team M-Sport (a 11 millesimi) e alla Ferrari 488 GT3 di AF Corse. Domani la pole position e la gara di 3 Ore con partenza alle ore 14.45.

La giornata di oggi ha visto anche lo svolgimento delle prime due gare. Ha iniziato la Formula Renault 2.0 Eurocup che, nella sua prima tappa stagionale, regala solo alcuni momenti entusiasmanti a causa di numerosi contatti e uscite di pista che hanno costretto la direzione gara ad utilizzare nei 25 minuti previsti per ben tre volte la safety car. Protagonista assoluto di questa Gara 1 è il russo Robert Schwartzman (R-ace GP) che, autore della pole position, riesce a rintuzzare gli attacchi del francese Gabriel Aubry (Tech 1 Racing), che partiva con lui dalla prima fila, e nel finale dell’altro transalpino Sacha Fenestraz (Josef Kaufmann Racing) con cui ingaggia un appassionante duello alla Prima variante. Vince quindi Schwartzman, alla media di 144.6 Km/h, davanti a Fenestraz e Aubry. Dietro di loro gli altri due piloti della R-ace GP: il britannico Will Palmer e il belga Max Defourny.

Primo round di campionato anche per il Lamborghini Super Trofeo: Gara 1 parte con 35 Huracan sulla griglia di partenza con la numero 7 del GDL Racing, condotta dall’olandese Rik Breukers, in pole position e che poi riesce a mantenere la testa rintuzzando l’attacco della numero 23 dell’Imperiale Racing guidata in avvio da Vito Postiglione. Dietro di loro Loris Spinelli con la numero 17 (Antonelli Motorsport). L’inizio di gara vive soprattutto sulla lotta per la quinta posizione fra il venezuelano Jonny Cecotto jr (numero 3 del Bonaldi Motorsport) e l’austriaco Gerhard Tweraser (numero 8 dell’ArtLine Team Georgia). Postiglione non solo non riesce a superare Breukers ma perde terreno e deve difendersi da Spinelli. Dopo il cambio pilota e la chiusura della corsia box (apertura prevista fra il 20° e il 30° minuto dei 50 previsti di gara) alla guida sono, nell’ordine, la 7 con il pilota dello Zimbabwe Jefferies Axcil Ramar, la 17 con il canadese Mikael Grenier, la 6 con il brasiliano Raphael Abbate (del Team VS Racing in coppia con il giapponese Yuki Nemoto) e la numero 23 con l’altro figlio d’arte Jonathan Cecotto (fratello minore di Jonny). In quest’ordine arrivano al traguardo. Vince quindi l’equipaggio del GDL Racing Breukers/Jefferies alla media di 171.0 Km/h. Da segnalare l’iniziativa del team Antonelli che promuove sulle proprie vetture due associazioni onlus: “Sos Villaggi dei bambini” e la “Fondazione Giovanni Paolo II”.

La giornata di domani prevede un intenso programma. Per la Blancpain GT Series: qualifiche dalle 9.50 alle 10.50 e gara dalle 14.45 alle 17.45; per la Formula Renault 2.0 Eurocup: qualifiche dalle 9.00 alle 9.35 e gara 2 dalle 12.40 alle 13.10, per il Lamborghini Super Trofeo: gara 2 dalle 11.20 alle 12.10.

ELF CIV 2017, spettacolare debutto a Imola


> 22 Aprile 2017 - Spettacolare partenza dall’Autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola per l’ELF CIV 2017. Giornata  iniziata con la conferenza di presentazione del progetto charity in collaborazione tra il Campionato e Dynamo Camp Onlus, associazione che si occupa di aiutare bambini affetti da gravi malattie tramite attività di terapia ricreativa. 

In pista, la Moto3 ha regalato subito un finale da brividi con bagarre fino alla bandiera a scacchi. A spuntarla è stato Edoardo Sintoni sulla Mahindra del Team 3570 MTA. Il poleman di Imola non era partito al meglio ma ha recuperato ed ha passato il rivale Anthony Groppi all’ultima curva, dimostrando talento e sangue freddo. Il pilota Honda Gresini Racing Team era scattato forte al via, conducendo la gara fino alla parte finale, nella quale i suoi avversari recuperavano. Sorride tutto il Team di Fausto Gresini perché sul 3° gradino del podio c’è Tommaso Marcon, che precede Kevin Zannoni (KTM MF84 Pluston by Althea) autore di un piccolo errore nelle fasi finali che gli ha compromesso la lotta per il podio. Out per cadute i due piloti del Max Racing Team (Delbianco e Baldini), mentre Bruno Ieraci (TM Racing Factory) era tra i primi ma è stato penalizzato per jump start e ha chiuso 13°.

Lotta tra Ducati in SBK. A spuntarla è stata quella del Barni Racing Team di Michele Pirro che ha avuto la meglio nel duello con Lorenzo Zanetti (Motocorsa Racing). Il numero 51 nella prima parte di gara ha tenuto il ritmo del rivale, fino a passarlo dopo una lotta che ha regalato spettacolo, con Zanetti che ha avuto il merito di tenere alto il livello della gara fino alla fine. I due piloti, entrambi gommati Pirelli, hanno fatto il vuoto dietro di loro. Terzo posto per la Ducati del team Aruba Junior di Michael Rinaldi, wild card all’ELF CIV in preparazione della gara di FIM CUP STK1000 di Imola a metà maggio. Quarto posto per la Yamaha Pata Official Team di Roberto Tamburini davanti a Eddi La Marra, compagno di squadra di Zanetti, con il campione di Ferentino che ha firmato un buon rientro in pianta stabile alle corse.

> crediti: Andrea Bonora FOTOSPORT
               http://www.civ.tv

A MONZA SUBITO PODIO PER DAVIDE RODA NEL PRIMO APPUNTAMENTO DEL LAMBORGHINI SUPER TROFEO EUROPA


Il primo round del Lamborghini Super Trofeo Europa si è subito tradotto in un brillante podio per Davide Roda, che a Monza, sul suo circuito di casa, ha conquistato il terzo posto della PRO-AM ed il decimo assoluto nella prima delle due gare del weekend che ha disputato alternandosi al volante della vettura del team Antonelli Motorsport con il giovane Kikko Galbiati.

Il pilota comasco, reduce dal debutto nella European Le Mans Series dello scorso fine settimana e protagonista a inizio anno del Lamborghini Super Trofeo Middle East che ha inaugurato subito con la vittoria assoluta di Abu Dhabi ed altri successi di classe che lo hanno portato a sfiorare il titolo, sul tracciato brianzolo ha cominciato la stagione continentale del monomarca riservato alle vetture della Casa di Sant'Agata Bolognese con il piede giusto.

"Sono partito bene e ho mantenuto la posizione al via. - ha commentato Roda, che nel primo turno di prove cronometrate era riuscito a qualificarsi in settima fila - Peccato che poco prima di lasciare la macchina a Galbiati, abbia commesso un piccolo errore alla Roggia mentre ero in lotta con altre vetture, finendo per girarmi e perdere del tempo prezioso. Poi Kikko ha fatto una rimonta straordinaria, risalendo dalla ventesima alla decima posizione. Senza quell'imprevisto avremmo potuto vincere la classe".

In ogni caso per Roda e Galbiati si è trattato di un ottimo inizio. E domani, in Gara 2, Galbiati avrà anche l'opportunità di avviarsi dalla quinta fila.
Gara 2 che scatterà alle ore 11.20, sempre con la diretta sul sito internetdi Lamborghini Squadra Corse.

CIV a Imola: con Elia Bartolini la prima vittoria RMU VR46


IMOLA 22 APRILE 2017 – Prima giornata di gare oggi qui all’Autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola dove si è aperto il Campionato Italiano Velocità 2017, la massima competizione del motociclismo nazionale che vede al via il team RMU VR46 Riders Academy nelle classi Moto3 e PreMoto 3 con 4 piloti.

Nella PreMoto 3, il cesenate Elia Bartolini ha colto una stupenda vittoria al suo esordio nella classe 250cc a quattro tempi con la RMU VR46 RA PM3, completata dalla pole position e dal giro veloce della gara. Bartolini è partito bene portandosi subito al comando e alternandosi con il forte Alberto Surra (SpeedUP) che al penultimo giro si è portato in testa. Il pilota RMU VR46 RA ha saputo riprenderlo, sorpassarlo e resistere all’attacco finale alle Variante Bassa. Ottimo quarto posto per Lorenzo Bartalesi, penalizzato da una partenza non perfetta ha portato a casa un risultato importante davanti al compagno di team Damian Jigalov, che col quinto posto ha replicato il miglior risultato 2016 ed è pronto domani ad andare all’attacco.

In una classe Moto3 ricca e competitiva come non mai, debutto per il rimineseThomas Rossi in sella alla KTM RC250 GP del team RMU VR46 RidersAcademy. Alla sua prima gara con una 4 tempi, il giovane romagnolo ha mostrato un grande potenziale ottenendo il 12° tempo in prova, migliorando di 4 decimi il crono del venerdì. In gara Rossi ha preso un buonissimo avvio e rapidamente è risalito fino alla sesta posizione, mettendo dietro Finello, Fabbri e Sabatucci, mentre Ieraci veniva penalizzato di 20” per jump start. Al 9° giro Thomas Rossi stava guidando il gruppetto degli inseguitori, quando è scivolato pesantemente alla Variante Alta riportando una frattura scomposta al polso sinistro. Ha vinto Sintoni (Mahindra), davanti a Groppi (Honda) e Marcon (Honda).

Ramona Gattamelati - RMU VR46 Riders Academy: «C’è una grande competitività in PreMoto 3 quest’anno e la vittoria non era per nulla scontata. Abbiamo lavorato molto questo inverno per adattare la moto al nuovo regolamento e il risultato di Elia Bartolini, che è un grande talento, ci conforta molto. La gara è stata bellissima, una bagarre dal primo all’ultimo giro e credo che abbiamo meritato la vittoria. Bene anche Bartalesi e Jigalov che domani hanno possibilità di fare ancora meglio. Purtroppo non ho invece buone notizie per Thomas Rossi che ha riportato la frattura scomposta del polso sinistro e non correrà domani. Alla Variante Alta era probabilmente un poco fuori traiettoria e ha trovato una macchia d’olio. Sappiamo che il lavoro da fare con lui è quello di farlo crescere. Rossi è un atleta bravissimo, ha una moto molto performante, nei turni di prova e primi otto giri della gara eravamo nel target. Adesso speriamo di poterlo riavere tra un mese a Misano Adriatico».

Programma e TV domani: Warm Up PreMoto 3 alle 9.15 e WarmUp Moto 3 alle 9.35. Gara 2 Moto 3 alle 15.00- Gara 2 PreMoto 3 alle 17.25. Tutte le gare saranno trasmesse in diretta dal canale Sky 148 AutomotoTv e sul sito Sportube.tv

> crediti: Studio Bergonzini Comunicazione