domenica 28 agosto 2016

"PEDRO" E BALDACCINI SU LANCIA RALLY 037 VINCONO IL 21° RALLY ALPI ORIENTALI HISTORIC


"Pedro" e Baldaccini su Lancia Rally 037 Gruppo B del 4. Raggruppamento, portacolori della Squadra Corse Isola Vicentina, s'aggiudicano il settimo round del CIR Auto Storiche, disputato sulle strade friulane tra Gemona e Cividale del Friuli

I valtellinesi Lucio Da Zanche e Daniele De Luis, sono secondi assoluti, a 13"5 dai vincitori, a bordo della Porsche 911 Rsr Gruppo 4, dominando la gara del 2. Raggruppamento. Terzi assoluti e secondi del 4. Raggruppamento sono i sammarinesi Marco Bianchini e Silvio Stefanelli, con la Lancia Rally 037, quarto con problemi tecnici alla Lancia Rally 037 è il vicentino "Lucky" con la torinese Fabrizia Pons. Alle spalle del quartetto di testa, si piazzano lo svedese Myrsel, il finlandese Silvasti ed il norvegese Jensen.
Ottavi assoluti sono Maurizio Rossi e Riccardo Imerito che, vincendo la gara del 3. Raggruppamento su Porsche 911 SC, ipotecano il titolo di Campioni Italiani 3. Raggruppamento e rafforzano la leadership nella classifica assoluta conduttori.

Rally Alpi Orientali Historic: Guagliardo rientra e vola nella PS 8

> 28 Agosto 2016 - La seconda tappa del Rally Alpi Orientali Historic, si apre con il miglior tempo di Guagliardo, rientrato in gara dopo aver sistemato la Porsche 911 Gruppo B, sostituendo la pompa dei freni, e sulla PS Trivio, primo impegno cronometrato del giorno, lascia intendere che la corsa avrebbe potuto essere diversa da come invece si è svolta.

12'47"1 è il tempo che il pilota della Island Motorsport impiega a percorrere i 16,89 chilometri cronometrati e stacca di 9"3 Bianchini, Lancia Rally 037, e di 13"3 Da Zanche su Porsche 911 Rsr Gruppo 4.
Il valtellinese della Piacenza Corse, secondo dell'assoluta, riduce di nove decimi il ritardo dal leader "Pedro" ora sceso a 10"7 mentre il terzo, Bianchini, è a 21"3. Si conferma al quarto posto "Lucky" davanti a Mysel e Jensen che supera Silvasti.
Dopo la ottava piesse, Rossi e Imerito sono ottavi, primi del terzo Raggruppamento, con margine su Pasutti che a sua volta è avanti di soli cinque secondi a Calzolari. Il sammarinese conduce la classe del terzo Raggruppamento, riuscendo a realizzare tempi d'assoluto guidando in modo spettacolare la Ford Escort RS MK2 Gruppo 4.

Il veronese Patuzzo è primo del Gruppo A, con la Toyota Celica GT Four con problemi elettrici che limitano il corretto funzionamento del motore. Il giovane sammarinese, Cesarini, guida la classifica delle Gruppo 2 con la Ford Escort MK1, controllando Mekler e il friulano Corredig con la BMW 2002 Tii. Ha preso margine di vantaggio il marchigiano Bucci, navigato da Barbara Neri, terzo del 3. Raggruppamento e conducendo ora con tranquillità il Gruppo 2 di categoria.
Con il tempo di 15'26"2 sulla Trivio, Parisi e D'Angelo superano i britannici Sheldon e si portano al comando del 1. Raggruppamento. Con la Porsche 911 S nei colori della Scuderia Rododendri, i torinesi conducono la classifica con 10"4 sulla coppia della Lotus Elan.

sabato 27 agosto 2016

Rally Friuli, piazza d’onore per Andreucci (Peugeot 208 T16) in Tappa 1


Paolo Andreucci e Anna Andreussi su Peugeot 208 T16 chiudono in seconda posizione Tappa 1 del Rally del Friuli a soli 6.4” dal vincitore, dopo una giornata di gara molto tirata. Tappa 1 interrotta prima della fine per l’annullamento dell’ultima prova speciale “Plan dal Jof” a causa della rottura di un mezzo di soccorso di scorta. 

Paolo Andreucci: “Una gara veramente sul filo dei decimi di secondo, in cui nessuno si è risparmiato per la vittoria. Questa mattina siamo partiti subito aggressivi recuperando nella PS2 il distacco accumulato e prima dell’assistenza con Basso abbiamo fatto registrare più o meno gli stessi tempi. Non ho guidato bene sulla Speciale 5 dove ho accusato 3.5” di ritardo. Peccato per la sospensione dell’ultima prova, sarebbero stati 15 chilometri molto tirati e spiace non aver potuto attaccare fino in fondo. Su gare già così corte, perdere il 20% di percorso cronometrato snatura ancora di più la disciplina”. 

Rally Friuli - Classifica Tappa 1 
1.Basso (Ford); 2.Andreucci (Peugeot) +6.4”; 3.Campedelli (Ford) +22.2”; 4.Perico( Peugeot) +35.4”; 5.Bosca (Ford) +1.09.0; 6.Rusce (Ford) +1’52”6; 7.Tempestini (Ford) +2’14”8; 8. Von Thurn (Skoda) +2’34”8; 9.Tassone (Peugeot) +2’54”6;10.Gassner jr (Mitsubishi) +3.21.7 

Classifica Piloti dopo Tappa 1 
1.Andreucci 63,50 punti; 2.Basso 62,25 punti; 3.Scandola 56,00 punti Classifica Costruttori dopo Tappa 1 1. Ford 85,25 punti; 2. Peugeot 71 punti

- fonte: Peugeot Sport Italia

Miglior crono e seconda fila per Matteo Cairoli in Porsche Mobil 1 Supercup a Spa-Francorchamps



Ancora una volta Matteo Cairoli si è confermato il più veloce nella Porsche Mobil 1 Supercup. Con il crono di 2’23”818, il giovane comasco ha messo tutti in riga al termine della sessione di qualifica del settimo round della Porsche Mobil 1 Supercup, in programma questo fine settimana sul circuito di Spa-Francorchamps.

Una qualifica dolce con un fondo amaro per il pilota del team Fach Auto Tech, penalizzato di tre posizioni che dovrà scontare sullo schieramento della gara di domani per non avere rallentato adeguatamente in regime di bandiere gialle nelle libere del venerdì, quando era risultato ancora il più veloce. 
“Ho sbagliato, perché non ho visto le bandiere, ma neppure delle vetture ferme a bordo pista” - ha commentato Cairoli, che sarà dunque costretto ad avviarsi dalla seconda fila, a fianco del tedesco Christian Engelhart. Davanti a lui il leader della classifica Sven Müller, più lento di 55 millesimi di secondo nei confronti dell’italiano, ed il francese Mathieu Jaminet, in ritardo di oltre quattro decimi.

Reduce dalla vittoria messa a segno l’ultimo weekend di luglio ad Hockenheim (la terza per lui di quest’anno, dopo quelle ottenute nei primi due round di Barcellona e Montecarlo), Cairoli ha “virtualmente” conquistato la sua quarta pole position, che ha fatto seguito a quelle messe a segno in Spagna, sul difficile cittadino del Principato di Monaco e a Spielberg, mentre a Silverstone, dove si è posizionato in prima fila, ha poi centrato un terzo posto.

Giunto a questa tappa delle Ardenne con soli due punti in meno rispetto allo stesso Sven Müller, attuale leader del campionato, Cairoli ce la metterà tutta per riappropriarsi della vetta della classifica, sua fino alla vigilia del terzo appuntamento.

A Spa, nella tappa della Carrera Cup France che si è disputata a maggio e a cui aveva preso occasionalmente parte con il team Ebimotors, il comasco era partito due volte in pole e aveva in seguito monopolizzato entrambe le gare. Anche nei test svoltisi sul tracciato belga ad aprile, Cairoli aveva inoltre dimostrato di trovarsi perfettamente a proprio agio su questa pista.

Il feeling con il tracciato è massimo, anche se bisognerà fare ancora una volta i conti con degli avversari altrettanto agguerriti. Domani, alle ore 11.35, il via della gara.

"PEDRO" CHIUDE AL COMANDO LA PRIMA TAPPA DELL'ALPI ORIENTALI HISTORIC


"Pedro" chiude al comando la prima tappa del Rally Alpi Orientali Historic. In coppia con Emanuele Baldaccini, il bresciano è andato al comando della gara dopo la seconda prova speciale e, guidando la Lancia Rally 037, ha costruito un buon margine di vantaggio sugli inseguitori.
E' stato il solo Lucio Da Zanche, navigato Daniele De Luis, l'unico a tentar di contrastare la leadership di Pedro, riuscendovi solo in parte. Il lombardo con la Porsche 911 Rsr Gruppo 4, ha vinto più speciali di tutti: lo score è a suo favore 4 alle 2 di Pedro, compreso la prima d'apertura a Gemona.
Da Zanche ha chiuso al secondo posto, a 11"6 da Pedro, primo del 2. Raggruppamento a rompere l'egemonia dei piloti delle "037". Terzo dell'assoluta, secondo del 4. Raggruppamento, è il sammarinese Bianchini, in coppia con Silvio Stefanelli, rimontando dall'iniziale difficoltà a interpretare il comportamento delle gomme, pagando anche 10" per partenza anticipata in una prova, tagliando il traguardo parziale di Cividale del Friuli in terza piazza con 26"2 dal leader.
Quarto un Lucky che ritrova una Lancia Rally evoluta, rispetto alla precedente versione e con gomme di ultima generazione, pagando ritardo dovuto anche ad un testacoda nel quale è incappato nel corso di piesse 2. 
48" sono i secondi di ritardo da Pedro, ma il vicentino controlla agevolmente lo svedese Myrsel, primo di piloti stranieri, Silvasti e Jensen tutti su Porsche 911 Rsr.
E ottavo assoluto il genovese Maurizio Rossi, affiancato da Riccardo Imerito sulla Porsche 911 Sc con la quale sta ipotecando il titolo italiano del 3. Raggruppamento e rafforzando la prima posizione nell'assoluta conduttori.
Il friulano Pasutti, navigato da Campeis, è nono a precedere di poco il sammarinese Giuliano Calzolari, decimo con Ceci a bordo della Ford Escort Rs MK2 Gruppo 4, con la quale conduce la 2000 del 3. Raggruppamento.
L'altro sammarinese, il giovane Cesarini, è buon quattordicesimo assoluto e ottimo primo del Gruppo 2 con la Ford Escort MK1, precedendo Mekler e il friulano Corredig con la BMW 2002 Tii. 
Bucci è diciasettesimo, primo della classe duemila del 3. Raggruppamento con la Alfetta GTV 2000.
Il primo raggruppamento vede la lotta tra il britannico Sheldon, con la potente Lotus Elan, davanti al torinese Parisi con la Porsche 911 S che controlla l'alessandrino Capsoni con la Alpine Renault A 110

"PEDRO" E BALDACCINI AL COMANDO DEL RALLY ALPI ORIENTALI HISTORIC DOPO LA P.S. 4


"Pedro" e Baldaccini su 
Lancia Rally 037
 firmano il miglior crono allo stop di prova quattro. A Pian del Jof, il pilota bresciano impiega 10'49"8 sui 14,98 chilometri, lasciando a 4"9 "Lucky" secondo recuperando il tempo perso nel testacoda nel quale è incappato con la Lancia Rally 037 nella prima prova speciale del mattino. Bianchini è terzo, ma a 10"9 di ritardo con la "037".
Dopo i tre piloti delle berlinetta torinese, è Da Zanche a tenersi in scia con la Porsche 911 Rs, primo del secondo raggruppamento. Poi Myrsel, Baggio e Rossi.
Al termine del primo giro di prove, quando i concorrenti fanno ritorno al Riordino di Cividale del Friuli, 'Pedro' guida la classifica con 19"9 su Da Zanche e con 26"3 su Bianchini che sta risalendo. 
Quarto è Lucky a 31"2, controllano lo svedese Myrsel, Silvasti e Maurizio Rossi, settimo e primo del 3. Raggruppamento.

venerdì 26 agosto 2016

GROUPE PSA A AUTO E MOTO D’EPOCA 2016


Groupe PSA è un gruppo internazionale che comprende alcuni tra i più antichi costruttori automobilistici in attività come Citroën e Peugeot, oltre al neonato Marchio Premium DS. Nel corso degli anni, ha sviluppato la passione del culto del proprio passato e della valorizzazione dei propri modelli, dai quali ha sempre tratto ispirazione per costruire i successi futuri. 

Ne è un esempio emblematico la sua presenza a “Auto e Moto d’Epoca 2016”, la manifestazione che si terrà a Padova, nei locali della Fiera, dal 20 al 23 ottobre. Lo stand Citroën parte proprio da alcuni suoi modelli “mitici”, come la 2CV e la Mehari, ai quali si affianca la nuova e-Mehari: nuove tecnologie, propulsione elettrica, materiali innovativi, ma lo stesso spirito di originalità e divertimento comune ai grandi successi del Marchio del Double Chevron. 

Peugeot invece celebra i trent’anni di un’altra icona della nostra storia: la Peugeot 205 Cabrio. Due esemplari, di cui una rarissima versione elaborata da Gutmann con testa a 16 valvole da 160 cavalli, faranno da cornice ad una delle più prestigiose tra le loro progenitrici, la meravigliosa 402 Eclipse, con il tetto metallico retrattile nel bagagliaio, proveniente dal Museo di Sochaux. 



“Il lusso è francese” è invece il tema dello stand del Marchio DS. I visitatori potranno “toccare con mano” una DS 23 Pallas sedendosi nel “salotto” interno, in un’esperienza sensoriale per scoprire, o riscoprire, il comfort all’avanguardia dell’ammiraglia francese, con tanto di foto ricordo e riprese video. Accanto a questa, una DS 21 Prestige Chapron nera e una DS contemporanea, per dimostrare che lusso, raffinatezza e cura dei dettagli sono ancora oggi valori che il Marchio Premium del Gruppo tiene nella massima considerazione. 
Gli stand dei tre Marchi saranno adiacenti all’interno del Padiglione 4, per una superficie complessiva di oltre 500 m2 .



UN TOCCO DI ROSA NEL CAMPIONATO ITALIANO SPORT PROTOTIPI CON L'ARRIVO DELLE RADICAL DI AUTOSPORT SORRENTO




È arrivato il momento di rivedere in pista le Radical tanto attese quest'anno nel Campionato Italiano Sport Prototipi.
In occasione del quinto round stagionale, in programma da venerdì 2 settembre a Vallelunga, l'Autosport Sorrento farà infatti il suo rientro tra le sportscar tricolori con uno schieramento di giovanissime leve.

A partire da Ida Petrillo, 23enne avellinese proveniente dal karting ed al debutto in Campionato dopo le prime esperienze sulla biposto inglese in gare di minimpianto e slalom.
Farà compagnia alla giovane pilota irpina, Michele Esposito, 22enne figlio del team principal sorrentino Tonino, quest'anno due volte impegnato con la Radical nel CIVM ed al rientro nella serie tricolore.
Ultime sue apparizioni a Vallelunga 2013 con la Radical SR3 ed a Magione 2012 dove, al volante della Osella PA21 della Progetto Corsa, ottenne il secondo posto assoluto alla spalle della Tatuus ufficiale di Brandon Maisano, allora pilota Ferrari Driver Academy e davanti a Marco Visconti che a fine stagione avrebbe conquistato il titolo assoluto con la Osella della MG Motorsport.

Dopo le fortunate esperienze registrate fino alla stagione 2013, le Radical schierate dalla Autosport Sorrento tornano così in pista nella serie tricolore, sempre con l'obiettivo di costituire un'occasione economica per vivere emozioni da pilota ed al volante di autentiche vetture da competizione.

Le sportscar inglesi, alle quali è riservata una speciale classifica, saranno nella versione SR4 con motore motociclistico Suzuki 1585 cc elaborato dalla RPE (Radical Performance Engine) il tutto per una potenza di circa 240 CV, un peso (senza pilota a bordo) di 450 kg e cambio con paddle-shift al volante.

"La Radical SR4 resta una sportscar ideale sia per piloti esperti, sia che per chi vuole avvicinarsi ad una categoria di alto livello come gli Sport Prototipi - ha spiegato Tonino Esposito, team principal di Autosport Sorrento - Il vantaggio è tutto nei costi perché grazie alla nostra monogestione un weekend costa al pilota meno di una vettura Turismo di serie. Come nella stagione 2013 saranno in una gara nella gara, nella loro categoria, perché ovviamente non potranno mai puntare alle prime posizioni della classifica assoluta . A Vallelunga accompagniamo al debutto una giovanissima e già brava pilota, come Ida Petrillo e al ritorno mio figlio Michele, che quest'anno disputa la sua prima gara in pista dopo un anno di stop e le due salite di Alpe Nevegal e Gubbio. Ma stiamo lavorando anche per schierare una terza vettura".

Il weekend romano si avvia venerdì 2 settembre con la prima sessione di prove libere alle 13.30 e continua sabato 3 con il secondo turno alle 08.55 e le prove ufficiali alle 15.30. Domenica gara 1 alle 09.05 e gara 2 alle 15.45, entrambe da 25 minuti + 1 giro ed in diretta TV su AutomotoTV (SKY148) e web su www.acisportitalia.it.

PEUGEOT SPORT ITALIA A FIANCO DEI TERREMOTATI




Peugeot Sport Italia voleva dedicare la partecipazione al Rally del Friuli all’attore Carlo Pedersoli, il gigante buono Bud Spencer spentosi esattamente due mesi fa, con un’immagine del “nostro” Bud sul tetto e sulle fiancate della 208 T16. Purtroppo la tragica cronaca dei giorni scorsi ha avuto il sopravvento, quanto accaduto in Centro Italia ha gettato un velo di profonda tristezza nella squadra che si appresta a correre in una regione che quarant’anni fa a sua volta fu distrutta da un catastrofico terremoto. 


Per questo, oltre al ricordo del grande attore, per far sentire la propria vicinanza alle popolazioni marchigiane e laziali colpite dal cataclisma, la vettura in gara di Peugeot Italia correrà listata a lutto. Inoltre, l’equipaggio ufficiale composto dal toscano Paolo Andreucci e dalla friulana Anna Andreussi ricorderà agli appassionati accorsi per il rally il numero del conto corrente istituito per dare un aiuto concreto alla popolazione così dolorosamente colpita. 

Anna Andreussi: “Da friulana, purtroppo, ho un ricordo ancora vivo del terremoto. Per esperienza so che sono, e saranno, giorni difficili per le popolazioni colpite. Proprio per questo è importante che sentano l’affetto e la vicinanza di tutti. Sarà un percorso lungo, ma sono sicura che tutti insieme riusciremo a vincere anche questa sfida”.

> fonte: Peugeot Sport Italia

CAMPIONATO ITALIANO RALLY AUTO STORICHE - LUCIO DA ZANCHE PRIMO LEADER ALL'ALPI ORIENTALI HISTORIC





È Lucio Da Zanche, in coppia con De Luis, a dettare il ritmo nella prima prova del Rally Alpi Orientali Historic. Sfruttando al meglio la guidabilità della Porsche 911 rsr Gruppo 4. Attacca subito il valtellinese, iniziando davanti a tutti ed in particolare di sette decimi di secondo al bresciano "Pedro", secondo con la Lancia Rally 037.
Di 2"1 é invece il ritardo che paga il siciliano Guagliardo, terzo con la Porsche 911 Gruppo B a precedere di un solo decimo il veronese Patuzzo, al volante della Toyota Celica. Quinto crono per il sammarinese Bianchini con la Lancia Rally 037

Peroni Race Weekend a Monza: le foto di Michele Mereghetti

Peroni Race Weekend a Monza: foto di Michele Mereghetti www.suissesport.ch
>>> cliccare su una foto per aprire la galleria