lunedì 22 luglio 2019

Rally AutoStoriche/ "Lucky" e Fabrizia Pons (Lancia Delta) senza rivali anche in Austria


Weiz, 21 luglio 2019 - È sempre più difficile trovare aggettivi per raccontare Luigi “Lucky” Battistolli e le sue imprese a bordo della sua Lancia Delta che porta ancora i segni dell’incidente del Rally di Asturias costato quattro cappottoni per la rottura di un cerchio. 
Nonostante fosse la sua prima volta al Rally austriaco disputatosi sugli asfalti veloci e scivolosi di Weiz, il campione vicentino, come sempre con alle note Fabrizia Pons, mette subito in fila tutti e realizza una striscia vincente nelle prime 8 P.S. che lascia intendere quale sarà l’esito finale della corsa. Poi un’uscita alla 9°, fortunatamente senza conseguenze, dà la possibilità ad Andrea Zivian “Zippo”, in coppia col navigatore Denis Piceno, di conquistare un prezioso tagliando di tappa. Poi Lucky riprende la sua marcia inarrestabile, fino all’ultima 14° P.S. ormai inutile per la classifica finale, visto che il suo vantaggio era di quasi due minuti, quando lascia l’onore delle armi a un velocissimo “Zippo”, che alla fine chiuderà con merito sul secondo gradino assoluto del podio, vincendo il terzo raggruppamento, unico a tentare di resistere allo strapotere del vicentino che conquista la vittoria assoluta e del quarto raggruppamento oltre ben 12 P.S. su 14 disputate. 

Da segnalare che quello di Weiz è stato un grande appuntamento per molti degli equipaggi italiani partecipanti: oltre alla vittoria di Lucky e al secondo posto di “Zippo” va registrato il quarto di Paolo Pasutti, navigato da Giovanni Campeis e che grazie a tale piazzamento vincerà il 2° raggruppamento e l’undicesimo di Maurizio Pagella con al suo fianco Roberto Brea alle note. Quindicesimo Mirko Acconciaioco navigato da Zambelli e sedicesimo Pietro Corredig con Sonia Borghese al fianco, il secondo posto di raggruppamento e primo di classe di Antonio Parisi e Giuseppe D’Angelo e Carlo Fiorito navigato da Marina Bertonasco anche loro al traguardo della difficile gara.
Con questa vittoria, Lucky può ben dire di aver fatto un salto in avanti verso la conquista del Campionato Europeo, ma gli scongiuri sono d’obbligo, soprattutto pensando ai tanti episodi sfortunati che lo hanno toccato negli ultimi mesi. 

Sfortunato invece l’esordio europeo del figlio di “Lucky” Alberto Battistolli. Con problemi al cambio e all’idroguida nel test pre-gara, dopo pochi metri dall’inizio della prima P.S. si è rotto il turbo. Il giovane talento vicentino si è ripresentato il giorno dopo nel Superrallly e nelle prove tra la 7° e la 9° ha preso confidenza con la sua Ford Sierra tanto da staccare ottimi tempi, mentre nella 10°, quando era il più veloce al terzo intermedio sulla P.S. si è visto rallentare dalla presenza davanti a lui del più lento finlandese Latvala, che lo ha penalizzato così da togliergli la consolazione di una vittoria parziale. Nella prova successiva una definitiva rottura di un tubo olio ad alta pressione della turbina lo metteva fuori gioco, ma sicuramente le poche prove che lo hanno visto protagonista hanno confermato quanto potrà essere sempre più protagonista in questo mondo. Lui, sempre positivo, ritiene che la sfortunata esperienza sia stata utile, e che la Sierra abbia un ottimo potenziale tant’è che spera di salirci ancora dopo un accurato rialzo. (Marco Meletti - Ufficio Stampa 'Lucky')